Sedici ribelli impiccati in carcere Riformisti ancora nel mirino

Anche l’avvocato generale del capoluogo Zahedan, centro noto per il traffico di oppio proveniente dall’Afghanistan, ha assicurato che l’esecuzione ha coinvolto ribelli «legati a gruppi ostili al regime». L’impiccagione è avvenuta nella prigione di Zahedan, a pochi chilometri da Savaran, dove le guardie erano state uccise. Secondo la stampa indipendente, si è trattato di una vera e propria ritorsione dimostrativa, come spesso avviene in Iran, perché gli uccisi non avrebbero avuto nessun legame con l’incidente frontaliero. Molti hanno sottolineato che i condannati erano già in prigione quando l’attacco di Savaran è avvenuto. Il primo a stigmatizzare l’accaduto come opera della guerriglia «anti-rivoluzionaria» è stato il parlamentare locale Hedayatollah Mirmoradzehi. La versione ufficiale parla di ribelli che hanno attraversato il confine pakistano e che sono rientrati nel paese dopo aver attaccato i sepah e-pasdaran. Nella regione operano anche gruppi indipendentisti baluchi, da mesi poco attivi. Del caso si occuperà una commissione parlamentare, ma già emergono alcune possibili piste che portano al gruppo armato sunnita Jundallah e al movimento ribelle Jeish al Adl, notizie non confermate da fonti ufficiali. La televisione di stato Irna ha parlato di «banditi», ma senza chiarire se fossero contrabbandieri o gruppi dell’opposizione armata. La minoranza sunnita in Iran denuncia da sempre un trattamento discriminatorio da parte delle autorità sciite. Non solo, negli ultimi anni, le autorità hanno incrementato i controlli sul contrabbando tra i due paesi. E così almeno 4mila tra poliziotti e guardie sono stati uccisi in vari attacchi alla frontiera. Come se non bastasse, nonostante le aperture promesse dal nuovo presidente Hassan Rohani, le figure riformiste continuano a essere detenute. La figlia del politico Hossein Mussavi ha denunciato di essere stata picchiata da una poliziotta al termine della sua visita al padre, ai domiciliari dal 2011. La testimonianza di Nargess Mussavi è apparsa sul sito del movimento di opposizione Kaleme . D’altra parte, dopo quasi quattro anni in prigione, il leader del movimento studentesco, Majid Tavakoli, ha ricevuto il permesso di lasciare il carcere per quattro giorni. Tavakoli era finito in prigione nel dicembre 2009, nelle proteste contro la rielezione dell’allora presidente Mahmoud Ahmadinejad. Laureando in costruzione navale, era stato arrestato durante la giornata nazionale dello studente dopo un discorso alla Facoltà di Tecnologia dell’Università Amirkabir di Tehran. Tavakoli è stato condannato a otto anni e mezzo che sconta nel carcere di Karaj, nel nord dell’Iran, con l’accusa di aver attentato alla sicurezza nazionale e insultato la Guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei.


Related Articles

Migranti, la Ocean Viking con 116 naufraghi arriva ad Augusta

Mediterraneo. I 116 migranti soccorsi sono scesi a terra e sono già diretti verso la quarantena. Intanto a Ragusa udienza di riesame per gli accusati del caso di Mediterranea

Le rotte degli schiavi che portano all’Italia

L'arresto degli scafisti che nei giorni scorsi hanno gettato in mare i clandestini che trasportavano (Ansa)

L’arresto degli scafisti che nei giorni scorsi hanno gettato in mare i clandestini che trasportavano (Ansa)

Rapporto del Copasir: ogni anno un milione di persone vittime della tratta di esseri umani
Gli sbarchi sono un business per le organizzazioni criminali, secondo solo a quello della droga

Anche la Fatwa Cinguetta su Twitter ma i Social Media non vanno censurati

Un ventitreenne saudita ha usato Twitter per esprimere le sue idee, come fanno moltissimi suoi coetanei nel mondo. Nel suo caso, però, riguardavano Maometto.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment