Sedici ribelli impiccati in carcere Riformisti ancora nel mirino

Anche l’avvocato generale del capoluogo Zahedan, centro noto per il traffico di oppio proveniente dall’Afghanistan, ha assicurato che l’esecuzione ha coinvolto ribelli «legati a gruppi ostili al regime». L’impiccagione è avvenuta nella prigione di Zahedan, a pochi chilometri da Savaran, dove le guardie erano state uccise. Secondo la stampa indipendente, si è trattato di una vera e propria ritorsione dimostrativa, come spesso avviene in Iran, perché gli uccisi non avrebbero avuto nessun legame con l’incidente frontaliero. Molti hanno sottolineato che i condannati erano già in prigione quando l’attacco di Savaran è avvenuto. Il primo a stigmatizzare l’accaduto come opera della guerriglia «anti-rivoluzionaria» è stato il parlamentare locale Hedayatollah Mirmoradzehi. La versione ufficiale parla di ribelli che hanno attraversato il confine pakistano e che sono rientrati nel paese dopo aver attaccato i sepah e-pasdaran. Nella regione operano anche gruppi indipendentisti baluchi, da mesi poco attivi. Del caso si occuperà una commissione parlamentare, ma già emergono alcune possibili piste che portano al gruppo armato sunnita Jundallah e al movimento ribelle Jeish al Adl, notizie non confermate da fonti ufficiali. La televisione di stato Irna ha parlato di «banditi», ma senza chiarire se fossero contrabbandieri o gruppi dell’opposizione armata. La minoranza sunnita in Iran denuncia da sempre un trattamento discriminatorio da parte delle autorità sciite. Non solo, negli ultimi anni, le autorità hanno incrementato i controlli sul contrabbando tra i due paesi. E così almeno 4mila tra poliziotti e guardie sono stati uccisi in vari attacchi alla frontiera. Come se non bastasse, nonostante le aperture promesse dal nuovo presidente Hassan Rohani, le figure riformiste continuano a essere detenute. La figlia del politico Hossein Mussavi ha denunciato di essere stata picchiata da una poliziotta al termine della sua visita al padre, ai domiciliari dal 2011. La testimonianza di Nargess Mussavi è apparsa sul sito del movimento di opposizione Kaleme . D’altra parte, dopo quasi quattro anni in prigione, il leader del movimento studentesco, Majid Tavakoli, ha ricevuto il permesso di lasciare il carcere per quattro giorni. Tavakoli era finito in prigione nel dicembre 2009, nelle proteste contro la rielezione dell’allora presidente Mahmoud Ahmadinejad. Laureando in costruzione navale, era stato arrestato durante la giornata nazionale dello studente dopo un discorso alla Facoltà di Tecnologia dell’Università Amirkabir di Tehran. Tavakoli è stato condannato a otto anni e mezzo che sconta nel carcere di Karaj, nel nord dell’Iran, con l’accusa di aver attentato alla sicurezza nazionale e insultato la Guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei.


Related Articles

Quelle donne mutilate scandalo per la civiltà 

· Khady Koita ha una foto di bambina in copertina, e una foto da grande sul retro del suo libro. È bella, da bambina e da grande. È nata nel 1959, in Senegal. Il libro si intitola “Mutilata”. “La parola orgasmo – spiega – non esiste nella mia lingua. Il piacere di una donna non è solo un tabù, è ignorato. La prima volta che qualcuna ne parlò in mia presenza, corsi alla biblioteca a frugare nei libri. La mutilazione praticata nell’infanzia, ci vogliono far credere che siamo nate così. Ci privano del piacere per dominarci, ma non del desiderio”. Khady vive a Bruxelles, è presidente della rete europea contro le Mutilazioni genitali femminili (Mgf), oggi è a Roma con Emma Bonino. E con loro Mariam Lamizana, già  ministro in Burkina Faso, la sua connazionale Marie Rose Sawadogo, la senegalese Ndeye Soukeye Gueye, militanti di spicco del Comitato interafricano contro le Mgf.

Perché vogliamo restare umani

I migranti sono il nostro prossimo. Cercano la nostra mano per mettersi in salvo sulle nostre navi, per sbarcare sulla nostra terra. Questo è quanto. Coloro cui il nostro prossimo piace annegato, sono disgustosi. Noi vogliamo restare umani

L’Europa vista dalla Giungla

Per il momento le minacce di evacuazione fatte dal governo francese hanno ottenuto un solo risultato: far salire il prezzo che i passeurs chiedono ai migranti per aiutarli ad arrivare dall’altra parte della Manica

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment