Hiv, quasi 4 mila nuovi casi l’anno: al via la settimana europea del Test

ROMA – 3.853 nuove diagnosi nel corso del 2012 e un’incidenza di 6,5 ogni 100mila abitanti: sono alcune delle cifre dell’Hiv/Aids, aggiornate al 31 dicembre 2012 e pubblicate nel bollettino rilasciato oggi dal Coa (Centro operativo Aids) dell’Istituto superiore di Sanità: dati che “confermano la necessità di anticipare e facilitare la diagnosi – commenta la Lega italiana per la lotta contro l’Aids, che sarà partner attiva della “European testing week”, la settimana europea del test, in programma dal 22 al 29 novembre. L’iniziativa, lanciata da Hiv in Europe con la collaborazione delle agenzie internazionali, ha scelto quest’anno come slogan “Talk Hiv. Test Hiv” e si pone l’obiettivo di “incentivare la proposta del test anche in contesti non convenzionali – spiegano i promotori – e di sensibilizzare i policy maker sulla necessità di abbassare la soglia di accesso, soprattutto per chi già è oggetto di stigma e discriminazione (uomini che fanno sesso con uomini, migranti, persone che consumano sostanze)”. 

La Lila offrirà il test rapido salivare in tre delle sue sedi a Catania (23, 24, 26 e 28 novembre), Milano (23, 26 e 29 novembre) e Trento (dal 22 al 29), nell’ambito del progetto nazionale di sperimentazione dell’offerta attiva del test coordinato dall’Istituto di Malattie infettive Spallanzani. 

Obiettivo generale dell’iniziativa è anticipare la diagnosi della malattia, per consentire una precoce e adeguata presa in carico. Stando infatti ai dati appena resi noti dal Coa, infatti, la percentuale di persone che arrivano alla diagnosi di Hiv in uno stato di salute compromesso, ovvero i cosiddetti “Late presenter”, continua ad aumentare: sfiora il 56 per cento del totale. Dal 1985 al 2012 in Italia sono state fatte 56.952 diagnosi di Hiv, ma molte sono ancora le persone che hanno l’Hiv senza saperlo: si stima siano circa un terzo del totale, una delle percentuali più alte dell’Europa occidentale.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito della Lila e sul sito ufficiale della Settimana europea del Test Hiv.

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Migliaia di fascicoli su politici e favori L’archivio di Scajola sotto sequestro

Sequestrati documenti riservati, veri e propri dossier che l’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola custodiva nei propri studi di Roma e Imperia

Il Vaticano e Rotelli Due piani per salvare l’ospedale San Raffaele

  L’input viene direttamente dal Vaticano: non abbandonare il San Raffaele, uno dei simboli (anche se un po’ sui generis) della sanità  cattolica. E così quello che sembrava solo un contributo alla causa, una partecipazione defilata magari via Ior (la banca vaticana), si starebbe invece delineando come ingresso in forze nella partita per la gestione futura del polo ospedaliero milanese, in grave crisi finanziaria.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment