Sono 590 mila i giocatori d’azzardo problematici

MILANO – In Italia i giocatori d’azzardo “problematici” sarebbero 590 mila. È quanto emerge dalla ricerca realizzata dall’Università La Sapienza di Roma e da Ipsos, finanziata da Sisal e Lottomatica, e presentata questa mattina a Milano al Piccolo Teatro (vedi lancio precedente). L’indagine è stata eseguita su un campione di 2.015 persone, rappresentativo della popolazione che negli ultimi 12 mesi ha giocato in denaro almeno una volta. Il risultato è che i giocatori problematici sono l’1,65% della popolazione italiana, in aumento però rispetto al 2008 quando erano l’1,27%. Vivono soprattutto al nord est e in centri abitati con più di 250mila residenti, hanno altri membri della famiglia che giocano forte, spendono più di quanto guadagnino e hanno contratto debiti. Inoltre nutrono credenze errate rispetto al gioco e sovrastimano la loro capacità di vincere e di autocontrollarsi.

I dati di questa ricerca contrastano con quelli resi noti proprio ieri dalla Federazione italiana pensionati attività commerciali della Confesercenti, secondo cui solo tra gli over 65 sono ben 1 milione e 700 mila i giocatori problematici e patologici. (dp)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Italia a mano armata. Una famiglia su sei ha una pistola in casa

Il nostro Paese è tra i maggiori produttori di armi leggere. Un giro di affari di oltre due miliardi. Eppure non c’è possibilità  di censirle. Gli ultimi dati ufficiali parlano di 10 milioni di fucili e rivoltelle. Ma esiste un mercato nero

Comitato “Noi denunceremo”: desecretare il piano anti-pandemia

L’associazione dei parenti delle vittime del Covid-19 “Noi denunceremo” chiede chiarezza: le 35mila vittime italiane sono dovute, almeno in parte, all’assenza di un piano nazionale anti-pandemico?

Non è un Paese per disabili. Ledha: “Un insegnante di sostegno ogni tre alunni”


Allarme della Ledha: “A rischio l’inclusione delle persone con disabilità ”. Pesano i tagli alle politiche sociali e agli enti locali, ma anche una cultura politica che vede il welfare come carità , e non come dovere dello Stato di garantire i diritti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment