Ucciso viceministro iraniano

Abadi, viceministro dell’Industria, Miniere e Commercio, incaricato degli affari parlamentari, è stato colpito mortalmente alla testa e al petto mentre si trovava alla guida della sua auto alla periferia est di Teheran. Una fonte della polizia ha precisato che i colpi provenivano dall’interno del veicolo del ministro, dove sono stati trovati dei bossoli, mentre i finestrini sono rimasti intatti. Ad infittire il giallo il fatto — sempre secondo quanto riferisce l’Irna citando la polizia — che il killer si trovava a bordo, accanto ad Abadi, «con il quale stava conversando». «I due colpi sono stati esplosi da dentro l’auto. Lo dimostra il rinvenimento di due bossoli nella vettura. Non sono state trovate tracce di lotta». Secondo testimoni l’assassinio è avvenuto alle 19.50 locali (le 17.20 in Italia).


Related Articles

Dietro gli attentati di Bruxelles c’è una rete locale di terroristi

Negli ultimi decenni, quasi tutti gli attentati in Europa sono stati compiuti da persone del posto che hanno attaccato obiettivi locali con materiali e armi ottenuti localmente

Sanguinosi giochi di potere al Cairo

Per non perdere la faccia di premio Nobel per la pace, il presidente Barack Obama ha deplorato la violenza contro i civili in Egitto, esprimendo condoglianze alle famiglie delle vittime. Uccise per la maggior parte con le armi fornite dagli Usa alle forze armate egiziane.

L’exit strategy del tiranno in fuga dai suoi crimini

La possibilità  di lasciar uscire Gheddafi dal suo paese per mettere fine al conflitto accende la discussione su un’ipotesi che ha radici nella storia dell’antichità

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment