I Fratelli Musulmani sono un “gruppo terroristico”

Il governo ad interim dell’Egitto presieduto da Adli Mansur ha ufficialmente dichiarato il movimento islamista politico-religioso dei Fratelli Musulmani un «gruppo terroristico». L’annuncio è stato fatto mercoledì 25 dicembre dal ministro dell’Istruzione Hossam Eissa, dopo un lungo incontro che si è tenuto al Cairo tra i membri del governo egiziano. In pratica d’ora in avanti il governo potrà sanzionare tutti coloro che appartengono all’organizzazione, che la finanziano e che promuovono le sue attività, considerandoli legati o coinvolti in attività terroristiche.

I Fratelli Musulmani sono il movimento a cui appartiene anche l’ex presidente egiziano Mohamed Morsi, deposto da un colpo di stato guidato dai militari lo scorso 3 luglio. Dopo essere rimasti esclusi dal potere per diversi decenni, il partito legato ai Fratelli Musulmani ha vinto le elezioni parlamentari all’inizio del 2012, quasi un anno dopo la caduta dell’ex presidente Hosni Mubarak. Uno dei leader, Mohamed Morsi, ha giurato come presidente il 30 giugno 2012, accentrando su di sé molti poteri durante l’anno successivo, e attirando diverse critiche sul suo operato, considerato dalle opposizioni sempre più autoritario.

Dopo il colpo di stato che ha deposto Morsi, il gruppo, registrato formalmente come un’organizzazione non governativa, è stato messo al bando: i suoi membri sono stati esclusi progressivamente dal potere e molti dei suoi leader – insieme ad altri semplici oppositori del governo, come il famoso blogger Alaa Abdul Fattah – sono stati arrestati e condannati per “incitamento alla violenza”. Le autorità egiziane hanno giustificato la decisione di oggi attribuendo ai Fratelli Musulmani la responsabilità di attentati e violenze compiuti in Egitto negli ultimi mesi – responsabilità sempre negata dalla Fratellanza.

Foto: il primo ministro egiziano Hazem Beblawi (GIANLUIGI GUERCIA/AFP/Getty Images)


Related Articles

Egitto, assalto ai campi pro-Morsi: 149 morti. Il governo dichiara stato d’emergenza

Egitto, assalto ai campi pro-Morsi: 149 morti. Il governo dichiara stato d'emergenza(reuters)

La polizia sgombera con la forza i sit-in dei manifestanti favorevoli al deposto presidente. Lanci di lacrimogeni, ruspe sulle tende. I Fratelli musulmani: “Più di 2.000 vittime”. Uccisi due giornalisti. L’esercito al fianco della polizia, misure straordinarie “per un mese”. Coprifuoco dalle 19 di oggi fino alle sei del mattino in tutto il Paese. Usa: “Contrari allo stato d’emergenza, militari rispettino diritti umani”. Si dimette il vicepresidente El Baradei

«Avvitati in una spirale d’odio Militari troppo giovani e impreparati»

WASHINGTON — Per Marvin Cetron, la strage di Kandahar è la prova della fragilità  mentale di alcuni dei ragazzi che combattono in Afghanistan «perché di ragazzi si tratta», è la conferma che l’America deve ritirarsi «ordinatamente ma subito», ed è un monito a Obama a rivedere «in toto» la politica verso l’Islam. Insieme all’incendio dei testi del Corano, rileva l’autore del «Rapporto 2000» sul terrorismo, la strage «segna la svolta più grave registrata sinora nel conflitto afghano».

Usa-Messico, il gulag del Rio Grande

Negli Usa, dove risie­dono e lavo­rano circa 12 milioni di immi­grati non auto­riz­zati, sono stati fer­mati nell’ultimo anno fra i 300.000 e i 400.000 «clan­de­stini»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment