War-station con vista lago, la guerra fredda dell’era globale

Tre anni fa il mondo arabo era in piena ebol­li­zione all’insegna di libertà e giu­sti­zia. L’islam, non senza oppo­si­zioni, era l’involucro di una svolta che spin­geva verso nuove éli­tese nuovi modelli.
Non man­ca­vano le con­trad­di­zioni e le vio­lenze ma spi­rava un’aria friz­zante d’innocenza. La pri­ma­vera appunto. Gli orrori della Libia richia­ma­rono un po’ tutti alla realtà ma sem­brò che fosse solo il prezzo che andava pagato per uscire da un’esperienza abnorme o descritta come tale.Di fatto, lo scon­vol­gi­mento si è rive­lato meno inno­va­tivo di quanto alcuni spe­ra­vano e altri teme­vano. Niente sarà più come prima ma a ben vedere il «vec­chio ordine» sta ripren­dendo via via i suoi spazi: la vec­chia bor­ghe­sia occi­den­ta­liz­zante in Tuni­sia, i gene­rali in Egitto, il regio­na­li­smo e il caos isti­tu­zio­nale in Libia. A distanza di così poco tempo resta ferma solo l’impressione che in ultima ana­lisi l’esito dell’intero pro­cesso dipenda da ciò che sta suc­ce­dendo o suc­ce­derà in Siria. La forza della sto­ria ha impo­sto i suoi diritti. Per la vicenda degli arabi e dell’arabismo, anche l’Egitto a con­fronto della Siria fa la figura di periferia.

Attorno alla Siria (non in Libia o in Egitto) è riaf­fio­rata una spe­cie di guerra fredda dell’era glo­bale con for­ni­ture di armi e appoggi poli­tici incro­ciati. Lo scatto di orgo­glio o di inte­resse della Rus­sia ha bloc­cato per il momento l’interventismo a mac­chia d’olio di Stati Uniti e Europa con­tro il regime di Dama­sco. Mosca ha dimo­strato una capa­cità di gestire in posi­tivo la diplo­ma­zia di cui la stessa Cina è priva o deve ancora dar prova (ripe­tendo una fat­ti­spe­cie che pena­lizzò Pechino rispetto al duo Usa-Urss fino all’inizio degli anni Set­tanta). Per un volta la Rus­sia ha toc­cato una corda sen­si­bile dell’opinione pub­blica inter­na­zio­nale. Ne è prova la gior­nata di pre­ghiera plu­ri­con­fes­sio­nale indetta da papa Fran­ce­sco su scala mon­diale. Obama potrebbe essere ten­tato dai van­taggi di un neo-bipolarismo in Medio Oriente ma è fre­nato dalle rimo­stranze dell’asse impro­prio Israele-Arabia Sau­dita, sem­pre sul punto di com­piere quel gesto folle che gli Stati Uniti vor­reb­bero evitare.

Allo stato attuale, non si sa quale delle due facce – la guerra sul ter­reno o la ten­zone diplo­ma­tica – sia più impor­tante. I con­ten­denti non sono esat­ta­mente gli stessi. Le frange estreme del jiha­di­smo hanno quasi esau­to­rato nella dimen­sione mili­tare le for­ma­zioni che l’Occidente con­si­de­rava i suoi pos­si­bili alleati all’interno del campo dei «ribelli» ma fanno fatica a tro­vare un riscon­tro effi­cace all’esterno. Per que­sto, boi­cot­te­ranno la Con­fe­renza con­tando nel suo fal­li­mento o quanto meno nell’ennesimo rin­vio di un passo sem­plice e deci­sivo come sarebbe la sospen­sione con­cor­data e accet­tata da tutti dell’invio di armi. Se non defe­zio­ne­ranno in extre­mis, ci saranno invece gli oppo­si­tori del Con­si­glio nazio­nale siriano, che sono però il più debole fra gli attori mili­tari anti-Assad. A Gine­vra non ci saranno nem­meno o par­le­ranno poco gli ele­menti più dispo­ni­bili a un com­pro­messo che sicu­ra­mente agi­scono den­tro il regime di Dama­sco avendo come refe­renti tutti quelli – cri­stiani, pale­sti­nesi, drusi e una larga parte della bor­ghe­sia mer­can­tile sun­nita – che vor­reb­bero veder finire la guerra. Il futuro della Siria è legato indis­so­lu­bil­mente alla tenuta della for­mula del «mosaico di minoranze».

La faida all’interno dell’islam che gli eventi siriani hanno ecci­tato vede con­trap­po­sti anzi­tutto sun­niti e sciiti – essen­zial­mente Ara­bia Sau­dita da una parte e Iran dall’altra (in piena Real­po­li­tik, con ambi­zioni e retro­pen­sieri che vanno ben al di là delle diver­genze reli­giose) – ma anche Fra­telli musul­mani e sala­fiti fra gli orto­dossi che seguono la Sunna. È una guerra mul­ti­po­lare in parte «fredda» ma con fronti caldi anche fuori della Siria (vedi Libano e ancora più Iraq). Hamas si trova spiaz­zata dopo aver abban­do­nato Dama­sco ed essere stata tra­dita dal Cairo men­tre il con­fronto Israele-Palestina sta ripren­dendo pian piano il rilievo che aveva per­duto durante le Pri­ma­vere arabe. Il pana­ra­bi­smo è ridotto a un fan­ta­sma. Sul caso egi­ziano il blocco sun­nita si è rotto per­ché la Tur­chia non se l’è sen­tita di aval­lare il colpo di stato accet­tato e forse ispi­rato da Riad. L’appoggio che Ankara, al pari dello stesso governo ame­ri­cano, assi­cu­rava ai Fra­telli in Egitto non ha sal­vato il governo di Morsi dall’offensiva più o meno coor­di­nata della com­po­nente laico-liberale dell’opposizione e dell’esercito. Intanto la stella di Erdo­gan si è appan­nata. Pro­ba­bil­mente il capo del governo isla­mico turco, dopo lo smacco del Cairo, gio­cherà la carta siriana con molta atten­zione per rigua­da­gnare qual­che posizione.

Le potenze fanno finta di avere a cuore la vita dei siriani e la sal­vezza della Siria ma pen­sano soprat­tutto a come col­lo­care nel modo migliore le pro­prie pedine sui vari sce­nari. Anche gli aiuti uma­ni­tari per i pro­fu­ghi stan­ziati alla Con­fe­renza di Kuwait City del 15 gen­naio sono dosati in modo da sod­di­sfare pre­cise fina­lità poli­ti­che. Mera­vi­glia che Ban Ki-moon abbia sabo­tato l’universalità che dovrebbe essere pro­pria dell’Onu get­tan­dosi sul primo pre­te­sto per tener fuori Tehe­ran dalla Con­fe­renza. Il solo modo di lega­liz­zare il «revi­sio­ni­smo» di una potenza come l’Iran è di coin­vol­gerla non di esclu­derla. Met­tere den­tro o fuori il governo di Tehe­ran non è un pic­colo ritocco alla lista degli invi­tati e all’ampiezza del tavolo: signi­fica stra­vol­gere il senso dell’agenda. Si fa fatica a cre­dere che la Casa Bianca abbia agito con con­vin­zione quando ha rilan­ciato e reso ine­vi­ta­bili le obie­zioni con­tro la pre­senza della dele­ga­zione ira­niana. Andrà perso il con­tri­buto di un inter­lo­cu­tore che fa della gene­ra­lità dell’accordo (allar­gare la por­tata del nego­ziato con l’Iran, det­tare norme di com­por­ta­mento valide per tutti, non-proliferazione a livello regio­nale, reci­pro­cità e comu­ni­ca­zione) la novità della pre­si­denza Rouhani.

Una «legge» sug­ge­rita dalla sto­ria delle guerre civili è che se non fini­scono entro 10–12 mesi sono desti­nate a durare 10–12 anni. A tre anni dal suo ini­zio, molti dei con­ten­denti, a comin­ciare forse da Assad, potreb­bero pre­fe­rire una bel­li­ge­ranza ad oltranza piut­to­sto che avven­tu­rarsi in una tran­si­zione di cui nes­suno può pre­ve­dere l’esito. Per rom­pere lo stallo, come avve­nuto per esem­pio nella guerra fra Nord e Sud in Sudan, la diplo­ma­zia deve assu­mere un piglio e una dirit­tura che le poco con­vinte con­fe­renze sulla Siria a distanza di mesi l’una dall’altra non hanno mai dimostrato.


Related Articles

Afghanistan: Quando i ‘numeri’ calano

In Afghanistan nei mesi invernali cala l’intensità  dei combattimenti, ma la tragedia della guerra continua senza tregua

Le incognite del dopo Gheddafi Chi governerà  al suo posto?

CNT Ex gerarchi, oppositori, islamisti. Una coalizione eterogenea
«Il futuro non sarà  rose e fiori», ha avvertito Jalil, capo dei ribelli di Bengasi

Strade vuote, ospedali pieni. Voci da Tripoli

UN FINE SETTIMANA DI BOMBARDAMENTI
«Il ministero della sanità  ha dichiarato che negli ospedali si contano già  1300 morti e 5000 feriti»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment