The Guardian: «Il caos è voluto da oligarchi, fascisti e Occidente»

Gli ultimi due mesi di pro­te­ste in Ucraina, sono stati rac­con­tati dai media attra­verso un copione ben col­lau­dato: da una parte gli atti­vi­sti pro demo­cra­zia, dall’altra un governo auto­ri­ta­rio. I mani­fe­stanti chie­dono il diritto di far parte dell’Unione Euro­pea, ma il pre­si­dente russo Vla­di­mir Putin pone il veto al loro diritto di libertà e prosperità».

E’ quanto ha scritto Seu­mas Milne, colum­nist del Guar­dian (e già di Le Monde Diplo­ma­ti­queThe Eco­no­mist) a pro­po­sito dell’attenzione media­tica nei con­fronti dell’Ucraina; un atteg­gia­mento che può essere regi­strato anche in Ita­lia, dove si è attua­liz­zata la situa­zione ucraina sulla base dello ste­reo­tipo appena espo­sto. Come scrive il gior­na­li­sta bri­tan­nico, «i nazio­na­li­sti di estrema destra e fasci­sti sono stati al cen­tro delle pro­te­ste e degli attac­chi con­tro edi­fici gover­na­tivi. Uno dei tre prin­ci­pali par­titi di oppo­si­zione è l’antisemita Svo­boda, il cui il lea­der Oleh Tyah­ny­bok sostiene che una “mafia ebraica filo mosco­vita” con­trol­le­rebbe l’Ucraina, ma il sena­tore ame­ri­cano John McCain era felice di con­di­vi­dere con lui una discus­sione a Kiev il mese scorso».

Si tratta, scrive Milne «di una sto­ria che abbiamo già letto in forme diverse in molti altri casi, come ad esem­pio è capi­tato con la stessa “rivo­lu­zione aran­cione” in Ucraina. Ma tutto ciò signi­fica ripor­tare solo una parte som­ma­ria della verità». Quali sono dun­que i punti che non sono esi­stiti nei rac­conti della stampa, secondo Milne?

Innan­zi­tutto la pro­fon­dità di una crisi sociale cau­sata dalle «tera­pie shock neo­li­be­ri­ste appli­cate dopo il crollo sovie­tico» che oggi però vede al cen­tro delle pro­te­ste, quando non la gestione totale delle strade, l’estrema destra, anti­se­mita, nazi­sta e vio­lenta. C’è poi una parte degli oli­gar­chi che spinge, come ricorda Milne, per­ché stan­chi dei favori che Yanu­ko­vich ha finito per riser­vare al suo «cer­chio magico».

Come ha sot­to­li­neato il Guar­dian il pre­mier — Non è esente da cri­ti­che, dato che «è stato soste­nuto da oli­gar­chi che hanno preso il con­trollo delle risorse e delle società pri­va­tiz­zate dopo il crollo dell’Unione Sovie­tica» — é stato eletto rego­lar­mente, con tanto di appro­va­zione da parte della Ue. Non manca un destino sto­rico: «l’Occidente ha cer­cato di sfrut­tare l’Ucraina per inde­bo­lire l’influenza russa, fin dal 1990, attra­verso il ten­ta­tivo di atti­rare l’Ucraina nella Nato. I lea­der della rivo­lu­zione aran­cione all’epoca, non a caso, erano stati inco­rag­giati a inviare truppe ucraine in Iraq e Afghanistan»


Related Articles

Merkel-Hollande al fianco di Draghi Borse ancora in volo, giù lo spread

“Anche noi pronti atutto”. Ma la Buba frena. Lunedì vertice con Geithner 

Colombia. Mario Paciolla ucciso come un attivista

L’omicidio si inserisce in un regime repressivo, di Uribe prima e di Duque poi, in cui morte e tortura dei dissidenti sono normalità. E’ successo a San Vincente del Caguán, al centro degli interessi delle industrie petrolifere protette dell’esercito

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment