Alfano raddoppia Lampedusa e crea un Cie a S.Giuliano

Alfano raddoppia Lampedusa e crea un Cie a S.Giuliano

L’ampliamento del cen­tro di Lam­pe­dusa, l’istituzione di un mega cen­tro di acco­glienza a San Giu­liano di Puglia e il poten­zia­mento del sistema Sprar. Que­sti i pros­simi inter­venti annun­ciati dal mini­stero degli interni sulle poli­ti­che di immi­gra­zione ed acco­glienza.

I dati ven­gono for­niti nella rispo­sta all’interrogazione par­la­men­tare inol­trata lo scorso dicem­bre dal depu­tato del Movi­mento 5 Stelle, Fran­ce­sco D’Uva, che dopo diverse ispe­zioni nel nuovo cen­tro di «smi­sta­mento» per migranti alle­stito a Mes­sina, sul modello degli ex cen­tri Puglia, ha chie­sto spie­ga­zioni sulla situa­zione del mes­si­nese in par­ti­co­lare e dell’accoglienza migranti in gene­rale. Nella rispo­sta il mini­stro Alfano annun­cia l’ampliamento del cen­tro di Lam­pe­dusa tra­mite i lavori di ristrut­tu­ra­zione avviati il 10 novem­bre scorso «che con­sen­ti­ranno di ampliare la capienza fino a più di 350 posti ridu­cendo la pos­si­bi­lità che si veri­fi­chino situa­zioni di sovraf­fol­la­mento della strut­tura». Lungi dall’essere chiuso — come dichia­rato nei giorni suc­ces­sivi alla dif­fu­sione del video choc sulle «disin­fe­sta­zioni di massa» — il cen­tro di Lam­pe­dusa si avvia ad un con­si­de­re­vole amplia­mento. Il ter­mine dei lavori è pre­vi­sto in pri­ma­vera. La cir­co­lare mini­ste­riale con­ferma, inol­tre, l’istituzione di un cen­tro a San Giu­liano di Puglia per « migranti vul­ne­ra­bili, fami­glie e minori in par­ti­co­lare, nel quale potranno essere ospi­tate fino a mille persone».

L’ipotesi san Giu­liano, ormai uffi­cia­liz­zata, aveva già sca­te­nato molte pole­mi­che nella cit­ta­dina ter­re­mo­tata, soprat­tutto per via delle cifre: la popo­la­zione locale, infatti, supera di poco le 1100 unità. «Per le fasi suc­ces­sive alla prima acco­glienza — secondo il Vimi­nale — si evi­den­ziano gli sforzi, anche finan­ziari, soste­nuti per l’ampliamento dello Sprar. Tale sistema che garan­ti­sce quasi 10 mila posti sarà poten­ziato nel corso del pros­simo trien­nio, fino a rag­giun­gerne 16 mila. Gli enti locali restano comun­que obbli­gati a garan­tire una per­cen­tuale di posti aggiuntivi».

Intanto, le noti­zie che pro­ven­gono dai cen­tri della Sici­lia sono tutt’altro che con­for­tanti. Le ultime riguar­dano soprat­tutto Mes­sina e Sira­cusa. Per il cen­tro della città in riva allo Stretto, sono stati resi noti i ver­bali dell’azienda sani­ta­ria che boc­cia le con­di­zioni igie­ni­che della ten­do­poli alle­stita dalla pre­fet­tura. Nono­stante ciò, altri 100 migranti sono stati tra­sfe­riti da Augu­sta nel campo pro­fu­ghi mes­si­nese, che arriva a van­tare, così, quasi due­cento ospiti. Scan­dalo, inol­tre, suscita l’accoglienza riser­vata a diversi minori non accom­pa­gnati nel Sira­cu­sano, tenuti in cen­tri spor­tivi senza nes­sun pre­ciso sta­tuto giu­ri­dico. A denun­ciare que­sta enne­sima vio­la­zione dei diritti, tra gli altri, il pro­fes­sore dell’Università di Palermo, Ful­vio Vas­sallo Paleo­logo. Paola Otta­viano, inol­tre, avvo­cato dell’associazione «Bor­der­line Sici­lia», accende i riflet­tori su quello che defi­ni­sce «un abo­mi­nio giu­ri­dico», ovvero la recente pra­tica dei «respin­gi­menti dif­fe­riti». Alla luce degli ultimi respin­gi­menti avve­nuti ieri a Sira­cusa e Ragusa, Paola Otta­viano sot­to­li­nea che: «Tali prov­ve­di­menti col­pi­scono per­sone sbar­cate sul ter­ri­to­rio nazio­nale che ven­gono rag­giunte dal respin­gi­mento prima che abbiano la pos­si­bi­lità di acce­dere alla pro­ce­dura della pro­te­zione inter­na­zio­nale. È una pra­tica arbi­tra­ria che pone la per­sona in que­stione in un peri­co­loso stato di clandestinità».


Related Articles

« Pensioni sopra 2.000 euro, niente tagli »

Poletti (Lavoro): il governo non li farà né con la spending né con interventi sulla previdenza

Cannabis contro il dolore, sì del governo anche il medico di base potrà fare la ricetta

Palazzo Chigi rinuncia a impugnare la legge varata lo scorso gennaio dalla Regione Abruzzo

I tormenti di Erdogan stretto tra la Siria e un paese sull’orlo del caos

Contro di lui la rabbia dei manifestanti che hanno innalzato i cartelli con la scritta “Assassino”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment