Bentornata a Sarajevo lotta di classe

Da una set­ti­mana ormai dilaga la pro­te­sta dei lavo­ra­tori in Bosnia Erze­go­vina, signi­fi­ca­ti­va­mente nelle stesse loca­lità, a par­tire da Sara­jevo, che poco più di 20 anni fa hanno visto lo sca­te­narsi della guerra inte­ret­nica che dis­solse nel san­gue la Fede­ra­zione jugo­slava. Ce n’è abba­stanza ormai per trarne alcune con­si­de­ra­zioni che non riguar­dano solo il sud-est euro­peo che, chissà per­ché, ci osti­niamo a con­si­de­rare lon­tano. Per­ché quel che accade rimette pro­ba­bil­mente in discus­sione un para­digma sto­rico e politico.

Tutto ini­ziò con la crisi economica

Con la pro­te­sta sociale dif­fusa in tutti i Bal­cani — solo a gen­naio è ripresa l’iniziativa dei lavo­ra­tori serbi con­tro una dra­co­niana legge sul lavoro voluta dal governo di Bel­grado, per non par­lare di altre pro­te­ste in Croa­zia, Mon­te­ne­gro, Mace­do­nia e nello stesso ancora con­teso Kosovo — assi­stiamo ad una sorta di «ritorno al futuro». La crisi dell’ex Jugo­sla­via fu infatti prima di tutto crisi eco­no­mica e sociale e poi arrivò il can­cro dei nazio­na­li­smi sepa­ra­ti­sti, anche gra­zie alla debo­lezza della Costi­tu­zione di Tito e Kar­delj del 1974 che auto­riz­zava il diritto di veto delle rap­pre­sen­tanze isti­tu­zio­nali delle varie Repub­bli­che anche equa­mente ripar­tite. Quando la crisi eco­no­mica irruppe, a metà degli anni 80, comin­ciò a sgre­to­larsi il sistema della soli­da­rietà tra le varie Repub­bli­che (e regioni auto­nome) che com­po­ne­vano il deli­cato mosaico jugo­slavo. Con le regioni più «ric­che» pronte a difen­dere i pro­pri cit­ta­dini, ma invise a soc­cor­rere le aree più arre­trate, regioni che spesso cor­ri­spon­de­vano quasi strut­tu­ral­mente ad altret­tanti nodi isti­tu­zio­nali e poli­tici legati ai diritti delle mino­ranze che lì vive­vano. Come fu il caso del Kosovo. Come si può capire, fu quasi un anti­cipo del con­flitto inter-europeo che con­trap­pone oggi i vari paesi dell’Unione in equi­li­brio pari­te­tico di poteri solo nella rap­pre­sen­tanza di turno nella pre­si­denza Ue. Pro­prio come fu per la Jugoslavia.

A quel con­flitto sociale che pun­tava a sal­va­guar­dare la con­di­zione dei lavo­ra­tori e il wel­fare garan­tito, minimo, infimo ma impor­tante, invece che un’azione auto­noma e indi­pen­dente dei sin­da­cati e un ruolo deci­sivo dell’istituzione dell’autogestione — entrambe realtà sostan­zial­mente mar­gi­nali, senza poteri effet­tivi e subal­terne rispetto all’emergere dei diritti nazio­nali — maturò una gestione nazio­na­li­sta della pro­te­sta dif­fusa. Fu così per il com­plesso agroin­du­striale dell’Agrokomerc in Bosnia, così per le fab­bri­che in Croa­zia, Slo­vena e Ser­bia, così per le miniere in Kosovo e per i can­tieri mon­te­grini. Alla fine più che la lotta di classe contò ancora una volta lo scon­tro tra inte­ressi iden­ti­tari più o meno masche­rati. Esi­ziale fu la gestione dell’Unione euro­pea (allora si chia­mava ancora Cee) quando, piut­to­sto che sal­va­guar­dare l’unità della Fede­ra­zione jugo­slava, legit­timò la guerra, intanto esplosa, con il rico­no­sci­mento di Slo­ve­nia e Croa­zia come nazioni sovrane dopo la loro auto­pro­cla­ma­zione in stati auto­nomi sulla base etnica della «slo­ve­ni­cità» e della «croa­ti­cità». Pre­pa­rando il bara­tro del con­flitto in Bosnia dove ogni nazio­na­lità, lin­gua e reli­gione erano rappresentate.

Que­sto ruolo di Bru­xel­les — ma anche della Nato, siamo nel 1992 a tre anni dall’89 — mostra quale fu da quel momento in poi il ruolo dell’Unione euro­pea. Con il mirag­gio dell’ingresso nell’Ue offerto a que­sti nuovi stati nazio­nali, fu di sostan­ziale com­par­te­ci­pa­zione alla guerra, con l’accaparramento di influenza con­trap­po­ste: la Fran­cia diven­tava filo-serba, la Gran Bre­ta­gna filo-bosniaca, la Ger­ma­nia filo-croata e via dicendo. Il tutto con l’avvento nell’area della «diplo­ma­zia» sta­tu­ni­tense. Alla fine deci­siva, sia per la riso­lu­zione della guerra in Bosnia con la pace di carta di Day­ton a fine 1995, e in seguito con l’intervento armato aereo della Nato per la «riso­lu­zione» dell’irrisolta crisi koso­vara nel 1999.

La coa­zione a ripe­tere occidentale

Che c’entra tutto que­sto con la pro­te­sta sociale in corso? Varrà la pena riflet­tere sul fatto che l’unica rispo­sta che è venuta in que­sti giorni dall’Occidente sulle agi­ta­zioni dei lavo­ra­tori e le pro­te­ste sociali in tutti i Bal­cani, a comin­ciare dalla Bosnia, sia stata ancora una volta la minac­cia dell’uso della forza. L’Unione euro­pea, pare di capire, non può per­met­tersi di veder fal­lire la finta sicu­rezza defi­nita nel sud-est — colo­nie d’oltremare? — con vere e pro­prie occu­pa­zioni mili­tari, pro­prio ora che è alle prese con la crisi di senso e di soli­da­rietà del suo sta­tus fon­da­tivo. E allora che fa? L’Alto rap­pre­sen­tante della Comu­nità inter­na­zio­nale in Bosnia Erze­go­vina Valen­tin Inzko, preso da un attacco di coa­zione a ripe­tere, minac­cia: «Se la situa­zione dovesse peg­gio­rare dovremmo ricor­rere all’invio di truppe dell’Unione europea».

Lo «spa­zio jugoslavo»

Quel che è sotto gli occhi di tutti è il fatto che, pro­prio gra­zie alla pro­te­sta dif­fusa dei lavo­ra­tori, sta tor­nando lo «spa­zio jugo­slavo». Per­ché se tutto è nato dalla crisi eco­no­mica degli anni Ottanta, non fu certo la guerra inte­ret­nica a risol­verla. Anzi, la guerra l’ha aggra­vata, i poveri sono diven­tati più poveri e ad arric­chirsi sono state tutte le mafie che la guerra hanno voluto e ali­men­tato. La massa che la guerra ha com­bat­tuto è ferita, muti­lata e senza nem­meno soste­gni, i salari sono di fame, la disoc­cu­pa­zione vale per metà della popo­la­zione. Una situa­zione se pos­si­bile peg­giore della Gre­cia. E nel cen­te­na­rio della Grande guerra che ebbe ori­gine, uffi­cial­mente, pro­prio a Sara­jevo, men­tre la città resta, come allora, sospesa tra le stra­te­gia delle grandi potenze dell’area. Ieri è «occa­sio­nal­mente» arri­vato in visita anche il mini­stro degli esteri turco Davutoglu.

L’Unione euro­pea per legit­ti­mare l’ingresso degli stati bal­ca­nici nel suo «allar­ga­mento» insi­ste ad ammi­ni­strarli con il Fondo mone­ta­rio inter­na­zio­nale che ha avviato da tempo mega-privatizzazioni di tutto, ser­vizi e com­plessi indu­striali. Che ormai fal­li­scono, dopo avere arric­chito élite e mafie locali. E si accende la rivolta sociale. Già la disin­for­ma­c­jia dei regi­metti e i corvi ultra­na­zio­na­li­sti arri­vano per ripro­porre l’ennesima stru­men­ta­liz­za­zione della pro­te­sta, pronti ad impa­dro­nir­sene, a Mostar, a Banja Luka, a Sara­jevo, dove emerge anche una rot­tura gene­ra­zio­nale. Ci rac­con­tano da Sara­jevo che molti cit­ta­dini restano sgo­menti e dolo­ro­sa­mente ammet­tono: «Il palazzo della pre­si­denza noi l’abbiamo difeso con le armi dai cet­nik, ora i nostri figli lo bruciano…che sta acca­dendo?». In piazza a Tuzla gli ope­rai delle cin­que fab­bri­che fal­lite dopo la pri­va­tiz­za­zione dichia­rano: «Resti­tuite le fab­bri­che ai lavo­ra­tori» e il primo giorno hanno scritto sui muri della città «Morte al nazio­na­li­smo». Nema pro­blema, è dav­vero una buona noti­zia. Ben­tor­nata lotta di classe.


Related Articles

«Sì solidarietà, no austerity». Ad Atene il vertice del Sud Europa

Grecia. L’alleanza dei leader progressisti in vista del summit di Bratislava. L’attaco di Schauble: «Niente di buono»

Hong Kong, studenti sotto attacco

Scontro tra militanti filo-cinesi e manifestanti pacifici. I giovani: «Ora stop al dialogo»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment