Droghe. Otto anni di soprusi, ora si apre il confronto

La Corte Costi­tu­zio­nale con una sen­tenza sto­rica ha rista­bi­lito i prin­cipi dello stato di diritto e ha respinto la logica pre­po­tente e arro­gante della dit­ta­tura della mag­gio­ranza. L’abuso di potere com­piuto da Carlo Gio­va­nardi con l’inserimento di una riforma glo­bale di una mate­ria com­plessa in un decreto asso­lu­ta­mente estra­neo, è stato sanato dopo otto anni di effetti cri­mi­no­geni e “car­ce­ro­geni” che hanno pro­dotto il sovraf­fol­la­mento delle nostre pri­gioni e la per­se­cu­zione di decine di migliaia di gio­vani con­su­ma­tori o pic­coli spacciatori.

Que­sta sen­tenza non piove dal cielo ma è dovuta alla tena­cia e all’ azione del car­tello di asso­cia­zioni che da anni hanno con­te­stato gli effetti della legge Fini-Giovanardi con la pub­bli­ca­zione di quat­tro Libri Bian­chi, che hanno sve­lato il peso della repres­sione: in par­ti­co­lare, lo stu­dio com­piuto dalla Società della Ragione per opera di Luigi Sara­ceni sulla pos­si­bi­lità di agire in giu­di­zio sulla inco­sti­tu­zio­na­lità della legge stessa per le moda­lità di appro­va­zione. La sapienza giu­ri­dica di Sara­ceni e il rigore costi­tu­zio­nale di Andrea Pugiotto, esten­sore dell’appello “Cer­ta­mente inco­sti­tu­zio­nale”, fir­mato oltre cento giu­ri­sti, hanno fatto il resto. La buona poli­tica fuori dai palazzi ha dun­que sup­plito alla assenza della poli­tica uffi­ciale, che si era arresa alla vit­to­ria della war on drugs.

Oggi si ria­pre il campo del con­fronto. L’Italia in que­sti anni nelle sedi inter­na­zio­nali ha svolto un ruolo di retro­guar­dia a difesa oltran­zi­sta delle posi­zioni che negano addi­rit­tura la poli­tica di ridu­zione del danno. La sen­tenza tec­ni­ca­mente fa rivi­vere la legge Iervolino-Vassalli con i miglio­ra­menti intro­dotti dal refe­ren­dum del 1993; ma obbliga a ripen­sare tutta la poli­tica sulle dro­ghe, impo­nendo il cambiamento.

Che cosa acca­drà ora. Se sarà colto, dalle forze di poli­zia e dai magi­strati, il senso pro­fondo della deci­sione, dimi­nuirà il peso degli arre­sti e degli ingressi in car­cere in misura note­vole. Quanti usci­ranno dal car­cere invece? Non è un cal­colo facile, per­ché l’unificazione in una unica tabella di tutte le dro­ghe fa sì che l’Amministrazione peni­ten­zia­ria non sap­pia quanti sono i dete­nuti per deten­zione di can­na­bis. Le nostre ana­lisi ci dicono che oltre 25.000 sono pre­senti in car­cere per vio­la­zione dell’art.73, pari al 38% di tutta la popo­la­zione dete­nuta: di que­sti, il 40% (circa die­ci­mila) sono ristretti per deten­zione di can­na­bis. Occorre però aspet­tare il depo­sito e le moti­va­zioni della sen­tenza per capire con cer­tezza le con­se­guenze. Certo, se la poli­tica volesse bat­tere un colpo imme­diato, potrebbe inse­rire alcune norme urgenti nel decreto Can­cel­lieri in discus­sione per la con­ver­sione al Senato.

C’è un altro impe­gno che chiama in causa il Governo, ed è l’obbligo di deci­dere un cam­bio di dire­zione del Dipar­ti­mento delle poli­ti­che anti­droga, che in que­sti lun­ghi anni si è carat­te­riz­zato pro­prio per l’adesione al pen­siero di Gio­va­nardi. Nell’immediato vi è una sca­denza che ha il sapore della felice coin­ci­denza: la con­vo­ca­zione a Genova, per il 28 feb­braio e il primo marzo, di un mee­ting del Car­tello di asso­cia­zioni impe­gnate per la riforma. Nel nome di don Andrea Gallo, ripren­de­remo il filo inter­rotto pro­prio a Genova nel 2000, nell’ultima con­fe­renza gover­na­tiva sulle droghe.


Related Articles

In appello sentenza ribaltata: tutti assolti per i morti di amianto all’Olivetti

Giustizia Negata. Il secondo grado a Torino ribalta la sentenza di Ivrea: scagionati i fratelli De Benedetti. L’amarezza dei familiari, del sindacato e del sindaco: siamo senza parole.

Verso la società di sorveglianza. «Reddito di cittadinanza», ma senza contante

Il «reddito di cittadinanza»in versione Cinque Stelle-Lega potrebbe essere assegnato senza «passaggio di contanti», attraverso carte di pagamento, compreso il bancomat, la tessera sanitaria, seguendo lo schema dei buoni pasto

Coronavirus in Giordania, vietato criticare il governo di Omar Razzaz

Arrestati direttore e manager di Raya Tv che avevano raccontato la protesta di manovali rimasti senza lavoro a causa del lockdown

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment