Il bagno di sangue in Siria entra nel quarto anno

Il bagno di sangue in Siria entra nel quarto anno

I primi reparti mili­tari gover­na­tivi sono entrati a Yabroud, l’ultima roc­ca­forte dei ribelli nella pro­vin­cia set­ten­trio­nale di Dama­sco, a breve distanza alla fron­tiera con il Libano. «L’esercito avanza nelle vie prin­ci­pali della città. I ribelli fug­gono a Ran­kous», rife­ri­vano ieri testi­moni all’agenzia fran­cese Afp. La con­qui­sta di Yabroud è un suc­cesso impor­tante per Dama­sco per­chè, almeno sulla carta, per­mette alle forze gover­na­tive — aiu­tate da com­bat­tenti di Hez­bol­lah, ira­cheni e ira­niani — di inter­rom­pere il flusso di aiuti e di mili­ziani sun­niti che dal Libano entrano in Siria per unirsi, in pre­va­lenza, alle for­ma­zioni isla­mi­ste, e di con­so­li­dare il con­trollo della regione di Qala­moun, tra la capi­tale e la costa mediterranea.
Tut­ta­via que­ste vit­to­rie mili­tari, otte­nute a caro prezzo, in ter­mini di vite umane (anche civili) e di distru­zioni, dif­fi­cil­mente apri­ranno la strada alla ricon­qui­sta delle ampie por­zioni di ter­ri­to­rio che il pre­si­dente Bashar Assad non con­trolla più da tempo. La guerra civile siriana è un immenso bagno di san­gue dal quale nes­suna delle parti coin­volte, siriane o stra­niere, può pen­sare di uscire vin­ci­trice. E’ una guerra di posi­zione che ha por­tato alla fran­tu­ma­zione del Paese. Una guerra che, dopo il fal­li­mento della con­fe­renza di “Gine­vra II”, non ha alcuna pro­spet­tiva di solu­zione poli­tica. Per la sem­plice ragione che la via d’uscita nego­ziata non la vogliono gli alleati regio­nali e inter­na­zio­nali dell’una e dell’altra parte.
Comin­ciata il 15 marzo del 2011 nella città meri­dio­nale di Deraa, sull’onda delle rivolte in Tuni­sia ed Egitto, in rispo­sta alla bru­tale repres­sione da parte dei ser­vizi di sicu­rezza di grup­petti di ragaz­zini che ave­vano scritto su un paio di muri «Il popolo vuole la caduta del regime» e allar­ga­tasi a Dama­sco, Homs, Hama e altre città, la pro­te­sta siriana nei mesi suc­ces­sivi, da spon­ta­nea e in nome di diritti e libertà, si è tra­sfor­mata in quel con­flitto armato senza mise­ri­cor­dia per nes­suno al quale assi­stiamo oggi. Ciò è avve­nuto per la repres­sione por­tata avanti dal regime e, più di tutto, per l’intervento di Paesi arabi del Golfo. Prima il Qatar, pronto a ripe­tere quanto aveva fatto in Libia con­tro Muam­mar Ghed­dafi e a por­tare al potere in Siria gli alleati Fra­telli Musul­mani. Poi l’Arabia sau­dita decisa ad abbat­tere gli ala­witi Assad per spez­zare la “con­ti­nuità ter­ri­to­riale” della cosid­detta “mezza luna sciita” (Iran, Iraq, Siria e Libano del sud nelle mani di Hez­bol­lah) e per ripor­tare Dama­sco sotto il con­trollo reli­gioso sun­nita dopo decenni di baa­thi­smo laico e (psuedo) socialista.Dopo tre anni di com­bat­ti­menti, di cri­mini com­messi dal regime, di atro­cità com­piute da ribelli, jiha­di­sti e qae­di­sti (migliaia dei quali venuti da altri Paesi per la guerra santa con­tro “lo sciita” Bashar Assad), il bilan­cio è quello di una Siria in ginoc­chio: oltre 140mila morti, 2,5 milioni di pro­fu­ghi in Tur­chia, Libano e Gior­da­nia, almeno altre sei milioni di per­sone sfol­late, città ridotte in mace­rie, eco­no­mia ferma.
L’opposizione siriana, rac­chiusa in buona parte nella Coa­li­zione Nazio­nale – gui­data da un uomo di Riyadh, Ahmed Jarba — ha otte­nuto l’appoggio dell’Occidente e di vari Paesi arabi ma non conta nulla sul ter­reno. Il “governo dell’opposizione” esi­ste solo sulla carta e, in ogni caso, non è ascol­tato da alcuna delle for­ma­zioni ribelli ad ecce­zione dell’Esercito libero siriano (Els) che, però, perde con­ti­nua­mente pezzi e cre­di­bi­lità. Il “Fronte isla­mico” (nato alla fine della scorsa estate) che include gran parte dei com­bat­tenti anti-Assad e rac­chiude le for­ma­zioni jiha­di­ste siriane, risponde solo al suo spon­sor: l’Arabia saudita.
Una situa­zione di estrema com­ples­sità che si tra­duce sul campo in una Siria fatta a pezzi. Il governo cen­trale ha il con­trollo di Dama­sco, il cen­tro del Paese, le città lungo la costa, di buona parte del sud e della mag­gio­ranza della popo­la­zione. Almeno il 60% del ter­ri­to­rio però è nelle mani di ribelli e jiha­di­sti che molto spesso si fanno la guerra tra di loro. Nelle pro­vince set­ten­trio­nali di Aleppo e Idlib, l’Els deve veder­sela con lo “Stato Isla­mico in Iraq e nel Levante” che con­trolla l’area nord-occidentale, la pro­vin­cia di Raqqa e varie comu­nità nella zona della seconda città del paese, Aleppo (divisa a metà tra governo e oppo­si­zione). Un’altra for­ma­zione jiha­di­sta il “Fronte al-Nusra”, che al Qaeda ha pro­cla­mato suo ramo siriano, con­trolla parte del ter­ri­to­rio ad Est e alcune aree petro­li­fere. Il ter­ri­to­rio nord-orientale è nelle mani dei curdi che devono guar­darsi dalle for­ma­zioni isla­mi­ste. Di fronte a que­sto qua­dro di ecce­zio­nale gra­vità uma­ni­ta­ria, poli­tica e mili­tare, è meglio non farsi troppe illu­sioni: la guerra civile siriana potrebbe andare avanti per altri 10–15 anni e incen­diare, come in parte sta già avve­nendo, i vicini Libano e Iraq.


Tags assigned to this article:
Ahmed JarbaSiria

Related Articles

Commercio, banche e armamenti ora “Cindia” spaventa l’America

 La contromossa di Obama: missione di Kerry a New Delhi   

Se il problema razziale è diluito nella rievocazione

L’ANNIVERSARIO E sugli schermi «The Butler»
Le celebrazioni mentre la Corte suprema ha appena invalidato il «voting rights act»

La Bce di Mario Draghi boccia il Jobs Act, ma promuove il lavoro migrante

Il bollettino della banca centrale. Italia timida contro la disoccupazione. Il Pil è trainato da donne e lavoratori stranieri. Sentiero stretto per il Qe di Draghi: l’inflazione resta lontana dal target del 2%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment