Bazar Somalia, vent’anni dopo Ilaria Alpi

Nono­stante un embargo impo­sto dall’Onu nel 1992, la Soma­lia resta uno dei più grandi bazar di armi e muni­zioni al mondo.

Cari­chi e cari­chi di que­sta lucrosa merce non depe­ri­bile da ogni angolo del pia­neta con­ti­nuano ad entrare ogni anno attra­verso lo stato del Corno d’Africa, ex colo­nia ita­liana e bri­tan­nica, ali­men­tando e ali­men­tati da un clu­ster di traf­fici dei signori della guerra locali, fazioni e clan del cri­mine orga­niz­zato inter­re­gio­nale in un modo o nell’altro inter­re­lati con al Sha­baab, poli­tici e mili­tari cor­rotti, cor­po­ra­tion inter­na­zio­nali sta­tali e pri­vate, shell com­pa­nies, inte­ressi eco­no­mici e di con­trollo del ter­ri­to­rio che vedono il coin­vol­gi­mento trans­na­zio­nale – under­ground — di chissà quali governi e per­so­na­lità eminenti.

Una scia­rada can­giante e poli­morfa di traf­fici ille­citi non solo di armi ma anche di sco­rie radioat­tive e rifiuti tos­sici in cui si era imbat­tuta Ila­ria Alpi, car­pen­done impor­tanti chiavi di solu­zione. Per que­sto fu uccisa insieme a Miran Hro­va­tin, pro­prio in Soma­lia, due decenni fa.

I man­danti e i respon­sa­bili di quell’esecuzione non sono certo delle realtà vir­tuali, hanno invece nomi e cognomi pro­ba­bil­mente anche ita­liani, e magari occu­pano anche posti diri­gen­ziali in cor­po­ra­tion nostrane o stra­niere, o sie­dono sugli scranni di sedi e gabi­netti auto­re­voli. Iden­tità ridotte ad ava­tar dal segreto di stato e cap­zio­sa­mente custo­dite in quelle pile di migliaia e migliaia di docu­menti secre­tati e lasciati mar­cire – come dimo­strato dall’inchiesta di Andrea Pal­la­dino e Andrea Tor­nago apparsa sul mani­fe­sto del 5 marzo scorso — negli archivi. O in que­gli stralci di verità soprav­vis­suti alla vola­ti­liz­za­zione dei fal­doni spariti.

Ila­ria Alpi non era certo in vacanza quando fu uccisa, come invece ebbe a soste­nere l’on. Carlo Taor­mina — pre­si­dente della com­mis­sione d’inchiesta sul caso Alpi-Hrovatin — la cui tesi fu respinta con la rela­zione di mino­ranza dalle forze poli­ti­che di oppo­si­zione di cui faceva parte anche l’attuale mini­stro della Difesa Roberta Pinotti. Inda­gava invece come inviata del Tg3 su realtà parte delle quali lo tsu­nami del 2005 ha reso evi­denti quando la furia delle onde fece emer­gere sulle coste somale dagli abissi marini fusti di mate­riali radioat­tivo. Armi in cam­bio di ton­nel­late di sco­rie tos­si­che pro­ve­nienti dagli sca­ri­chi delle indu­strie e degli ospe­dali dell’Occidente, tra cui l’Italia. Inter­con­nes­sioni che emer­gono in inchie­ste come quella di Grean­peace del 2010 – The Toxix ships. The Ita­lian hub, the Medi­ter­ra­nean area and Africa — citata da un rap­porto Onu del 2011.
Ane­ri­cani, euro­pei, israeliani

In vent’anni di anar­chia poli­tica e isti­tu­zio­nale che hanno fatto della Soma­lia uno stato non-stato, le armi sono state e ven­gono tut­tora traf­fi­cate e rici­clate sia dalle mili­zie di al Sha­baab che da espo­nenti gover­na­tivi, da sol­dati e pea­ce­kee­pers, pas­sando attra­verso i con­fini porosi del Kenya, di Gibuti, dell’Uganda e dell’Eritrea, via aerea e via mare dallo Yemen e dall’Iran e attra­verso l’operato di bro­ker – legati o no alla mala­vita orga­niz­zata e agli stati mag­giori degli eser­citi, diretta appen­dice di stati e sta­te­relli — e inter­me­diari di nazio­na­lità israe­liana, euro­pea e sta­tu­ni­tense, come rive­lano gli arre­sti effet­tuati negli ultimi anni.

Una babele di com­pli­cità, con­ni­venze poli­ti­che e inte­ressi finan­ziari in cre­scita espo­nen­ziale di cui ad ora non si intra­vede — o non si vuole vedere – il vertice.

Secondo il rap­porto 2011 del Soma­lia and Eri­trea Moni­to­ring Group (Semg) che agi­sce su man­dato del Con­si­glio di sicu­rezza dell’Onu, la mag­gio­ranza delle armi arri­ve­rebbe via mare dallo Yemen sulla costa nord-orientale somala, in par­ti­co­lare al porto di Bosaaso. Da qui, circa l’80% pren­de­rebbe la strada di Moga­di­scio e di altre roc­ca­forti di al Sha­baab a sud di Pun­tland. Il resto sarebbe desti­nato a soste­nere le ope­ra­zioni di pira­te­ria e i con­flitti armati in altre regioni della Somalia.

Gli altri porti nelle aree sotto con­trollo di al Sha­baab coin­volti nei traf­fici sono quello di Baraawe e Marka, rispet­ti­va­mente 178 e 70 km a sud-ovest di Moga­di­scio, oltre a quello di Chi­smaio, quest’ultimo fino al 2011, prima cioè che il gruppo inte­gra­li­sta ne per­desse il controllo.
Arme­rie dello stato e mercato

Una volta a Moga­di­scio – fino al 2011 almeno quando in seguito all’arrivo dei con­tin­genti Ami­som furono tra­sfe­rite a Day­niile, o in altre aree della città sotto il con­trollo di al Sha­baab — le armi fini­vano poi sul mer­cato ten­ta­co­lare di Bakaara a Irtogte, dove i com­mer­cianti sono per lo più affi­liati ad al Sha­baab e la cui sezione per il loro smer­cio è sopran­no­mi­nata Cir­toogte «Sky shoo­ter» per il fatto che prima di essere acqui­state ven­gono testate spa­rando dei colpi in aria.

Stando al rap­porto Semg di feb­braio 2014, attual­mente ci sono infatti altri mer­cati a Moga­di­scio dove a essere smer­ciate sareb­bero non le armi del mer­cato nero, come avve­niva fino ad almeno novem­bre 2013, ma quelle dei depo­siti mili­tari nazio­nali che a fine gior­nata se non ven­dute ritor­nano nei garage degli uffi­ciali di zona. Fucili e muni­zioni ille­gal­mente tra­fu­gate insomma dalle arme­rie di stato e inca­na­late nei cir­cuiti del traf­fico ille­cito una volta che la matrice sia stata abrasa. Da que­sti mer­cati, le armi arri­vano a Gal­ka­cyo, il mag­gior hub di traf­fici della Soma­lia cen­trale, non­ché ven­dute ad al Sha­baab in Jubaland.

Dal rap­porto Semg 2011 emerge come ad ali­men­tare il com­mer­cio di armi a Moga­di­scio fos­sero già allora le arme­rie gover­na­tive. A fronte di salari ina­de­guati – tra i 100 e i 150 dol­lari al mese — i sol­dati use­reb­bero le muni­zioni come moneta, barat­tan­dole con cibo, medi­cine e quant’altro di neces­sa­rio per man­te­nere fami­glie nume­rose con non pochi bam­bini e mogli a carico.

Ma c’è di più, per­ché ora ad essere accu­sati di traf­fico ille­gale d’armi dagli ispet­tori dell’Onu sono gli stessi uffi­ciali dell’esercito e i mini­stri del governo somalo. A soste­nerlo è il Semg nel rap­porto del 6 feb­braio 2014 secondo cui il governo somalo si sarebbe reso respon­sa­bile di «siste­ma­tici abusi ine­renti la gestione e la distri­bu­zione delle armi». E que­sto in seguito all’unica ispe­zione Onu auto­riz­zata dal governo somalo, quella all’armeria di Halale del gen­naio scorso. Dai regi­stri è emerso che a luglio e ago­sto 2013 sono state effet­tuate due con­se­gne dall’Uganda e da Gibuti. Di que­ste armi però, ad ecce­zione delle mitra­glia­trici Pkm, gli ispet­tori non hanno tro­vato trac­cia, giun­gendo alla con­clu­sione che potreb­bero tro­varsi in altri depo­siti ai quali è stato negato loro l’accesso, molto pro­ba­bil­mente a Villa Soma­lia, presso la sede pre­si­den­ziale (dove il 21 feb­braio scorso un com­mando di al Sha­bab ha fatto esplo­dere un’autobomba e assal­tato la resi­denza del gene­rale dell’esercito somalo Dahir Aden Indha Qar­she) o si teme distri­buite “altrove”, vale a dire a gruppi esterni non facenti parte delle forze di sicu­rezza somale.

Secondo il rap­porto sareb­bero due i gruppi d’interesse interni alle strut­ture del governo che agi­reb­bero per garan­tire l’approvvigionamento di armi e muni­zioni attra­verso i depo­siti del Somali natio­nal army (Sna) a mili­zie e a forze di sicu­rezza paral­lele extra-governative, tra cui quelle di alShabaab.
Il clan del presidente

Uno di que­sti due net­work sarebbe legato al clan Abgaal del pre­si­dente Has­san Sheikh Mah­moud. Addi­rit­tura, uno dei con­si­glieri più vicini a que­sti, dello stesso clan, sarebbe stato coin­volto nella for­ni­tura di armi a un lea­der di al Sha­baab, Sheikh Yusuf Isse «Kabu­ka­tu­kade», anch’egli Abgaal. La stra­te­gia, ipo­tizza Smeg, sarebbe pro­ba­bil­mente quella di garan­tire il raf­for­za­mento della posi­zione del clan come base di potere poli­tico e mili­tare per il pre­si­dente somalo.

Un mini­stro, del clan Habar Gedir, avrebbe coor­di­nato tra ago­sto e otto­bre 2013 l’acquisto di armi da uno dei paesi del Golfo e agi­rebbe insieme a un noto gene­rale dell’esercito nel for­nire sup­porto logi­stico per la crea­zione di mili­zie nelle regioni cen­trali della Somalia.

Le armi arri­vano ille­ci­ta­mente non solo via mare, non solo dallo Yemen e non solo dalle arme­rie dell’esercito. Ma anche via aerea, dall’Eritrea, dal Kenya e dall’Etiopia per esem­pio. Non­ché attra­verso l’opera di bro­ker al soldo di com­pa­gnie di sicu­rezza pri­vate di varia nazionalità.

La Soma­lia ripren­derà il con­trollo del suo spa­zio aereo de facto nel corso di quest’anno, dopo 22 anni di anar­chia seguiti al col­lasso del governo cen­trale nel 1991. In que­sto periodo tale spa­zio clas­si­fi­cato come non-controllato ha signi­fi­cato per gli aerei in arrivo atter­rare pra­ti­ca­mente in qual­siasi aero­porto senza dover pre­sen­tare un piano di volo al Civil avia­tion care­ta­ker autho­rity for Soma­lia. O magari pre­sen­tan­done solo uno par­ziale, per il quale ad esem­pio dichia­rare il Moga­di­shu Inter­na­tio­nal Air­port come desti­na­zione finale ma riser­varsi segre­ta­mente uno scalo (non segna­lato) in uno degli aero­porti con­trol­lati da al Shabaab.

Il 5 marzo 2014, con una riso­lu­zione appro­vata all’unanimità, il Con­si­glio di sicu­rezza dell’Onu ha pro­ro­gato di 8 mesi la sospen­sione par­ziale dell’embargo sulle armi alla Soma­lia già accor­dato un anno fa. Deci­sione che aveva solo in parte accolto le richie­ste del governo di Moga­di­scio, soste­nute dagli Usa, di una revoca invece totale.

Una scelta di coe­renza quella del Con­si­glio di sicu­rezza così come altret­tanto coe­renti sono le richie­ste del governo somalo soste­nute dall’amministrazione Usa di una revoca totale dell’embargo. Richie­ste di chi è con­sa­pe­vole che non sarà l’embargo a fre­nare né tan­to­meno ad argi­nare il traf­fico ille­cito di armi e quelli ad esso inter­con­nessi dei rifiuti tos­sici delle indu­strie di mezzo mondo sulle coste e attra­verso i porti del bazar Somalia.


Tags assigned to this article:
Ilaria AlpiSomalia

Related Articles

All’emiro di Dubai piace la caccia E ora i Masai rischiano lo sfratto

I Masai contro Dubai, ultimo atto: nel cuore dell’Africa, vicino al famoso parco nazionale del Serengeti, gli emiri cacciatori del Golfo stanno per sfrattare i pastori guerrieri che abitano da sempre la savana e le montagne

Iraq, Roma congela i raid dei Tornado “Meglio concentrarsi sulla missione libica”

Pressioni dell’Aeronautica per un ruolo alla pari con gli altri membri della coalizione ma il governo non vuole aprire uno scontro in Parlamento

Quell’uomo a terra legato mani e piedi shock per la foto nel commissariato

successo a fine maggio al commissariato di Monza. Fermato per aver partecipato a una rissa, dà in escandescenze. Due poliziotti lo bloccano con delle procedure fuori dalle regole. E il questore manda l’immagine in procura

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment