“Disastro Ilva, processate i Riva e Vendola”

“Disastro Ilva, processate i Riva e Vendola”

TARANTO — I fumi neri dell’Ilva avvolgono il presidente della regione Puglia, Nichi Vendola. C’è anche il leader di Sel tra i 50 imputati (più tre società) per i quali la procura di Taranto ha chiesto il rinvio a giudizio per il disastro ambientale prodotto dai veleni killer rovesciati dall’acciaieria sulla città jonica. Vendola è accusato di tentata concussione. Avrebbe fatto pressioni sul direttore dell’Arpa Giorgio Assennato, spingendolo ad ammorbidirsi sull’inquinamento della fabbrica. Il governatore sarebbe arrivato anche a ventilare la mancata riconferma del numero uno di Arpa per convincerlo a correggere il tiro sull’assalto all’ambiente che, secondo i periti, ha provocato “malattia e morte” a Taranto. Una ricostruzione che Vendola e Assennato hanno negato nell’interrogatorio reso dopo l’avviso di garanzia. Quelle spiegazioni, però, non sono servite a nulla. Ora il presidente è imputato al fianco del re dell’acciaio Emilio Riva e dei suoi figli Nicola e Fabio, quest’ultimo latitante a Londra dal novembre del 2012. Capitani di industria alla guida di un plotone di manager incriminati per associazione a delinquere finalizzata al disastro ambientale. Nel mirino la strategia Ilva diretta ad aggirare gli investimenti per abbattere l’impatto ambientale di ciminiere e altoforni in nome del profitto. Una gestione scellerata che è stata inquadrata con i controlli notturni del Noe e con le intercettazioni della Finanza.
La politica dei Riva è stata illuminata dai colloqui telefonici di Girolamo Archinà, potentissimo ex responsabile delle relazioni esterne che aveva contatti con politici, giornalisti, preti. Oltre a Vendola, nell’inchiesta sono rimasti impantanati l’ex presidente della Provincia Gianni Florido, l’attuale sindaco di Taranto Ippazio Stefàno e l’assessore regionale all’Ambiente, Lorenzo Nicastro. Le reazioni, ieri, del governatore: «Per decenni troppi hanno taciuto, io no. Se è un reato difendere fabbrica e lavoratori allora sono colpevole».



Related Articles

Un’Europa poco verde

Costa poco tagliare ancora le emissioni di gas di serra, ma i tempi non sono quelli buoni: oggigiorno in Europa pesa più la crisi che il riscaldamento del pianeta. Archiviato con un grande insuccesso il vertice di Copenaghen del dicembre scorso, la Ue deve decidere in queste settimane se portare il suo obiettivo di riduzione dei gas di serra per il 2020 dal 20% al 30%.

Età di pensionamento: solo Boeri (e Forza Italia) difendono la Ragioneria

Sul congelamento dell’adeguamento all’aspettativa di vita il presidente dell’Inps sbaglia i conti e rinfocola lo scontro generazionale

L’Inps vede rosso, perdite per 12 miliardi

Ma l’istituto: arriva l’assegno firmato dal governo, sistema in perfetto equilibrio   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment