Discriminazioni sui media: il 2013 anno nero

Discriminazioni sui media: il 2013 anno nero

Redattore Sociale

Discriminazioni, per i mass media il 2013 è stato un anno nero: 354 casi, pari al 26,2% di tutte le segnalazioni arrivate all’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar). “Sono dovute soprattutto al linguaggio usato dai giornalisti”, ha spiegato questa mattina Marco Buemi, esperto Unar, durante la presentazione del progetto “Diversità lavoro”. Al secondo posto nella classifica delle tipologie di discriminazione, ci sono quelle nella vita pubblica (286 casi, pari al 21,1%), seguite da quelle sul lavoro (217, pari al 16%). L’intervento di Buemi si è concentrato in particolare su queste ultime, in netto calo rispetto al 2012 quando erano il 37,7%. È nell’accesso al lavoro che si verificano più casi (71,9%). Si viene discriminati soprattutto per l’età (47,8%), per l’appartenenza etnica (37,6%), per la disabilità (5,6%) o perché si è donne (6,5%).

Il calo di segnalazioni di discriminazioni sul lavoro, giunte al contact center dell’Unar (8000.90.10.10, www.unar.it), “è riconducibile all’impegno delle numerose associazioni ed organizzazioni che, sul territorio, si sono fatte promotrici di concrete azioni positive di integrazione e sensibilizzazione -spiega Marco Buemi-, ed alle iniziative di diversity management che promuoviamo capillarmente sul territorio anche con il coinvolgimento delle aziende italiane”.

Per oltre la metà dei casi (55,8%) è stata la vittima a denunciare all’Unar la discriminazione sul lavoro. Le segnalazioni arrivano soprattutto dal nord Italia (65,6%). Dalle regioni del centro ne sono pervenute il 24,7%, mentre dal sud solo il 9,6%. Il rapporto completo dell’Unar verrò presentato il 21 marzo, Giornata mondiale contro il razzismo. (dp)

© Copyright Redattore Sociale



Related Articles

“ Rostagno ucciso da Cosa nostra ”, ergastolo ai due boss

Trapani, massimo della pena per Virga e Mazzara I giudici in camera di consiglio due giorni

Stati Uniti. Dopo sei tentativi, finalmente il Colorado abolisce la pena di morte

Stati uniti. Al sesto tentativo dal 2009, con 38 voti a favore e 27 contrari, lo Stato di Columbine si unisce a 21 altri Stati e volta pagina. I tre condannati attualmente nel braccio della morte potrebbero essere graziati

Giovane rom nato in Italia espulso dal Cie di Milano e spedito in Serbia

Secondo il suo avvocato, Mauro Straini, “è un provvedimento crudele, il ragazzo è analfabeta e ha firmato un foglio in cui dichiarava di provenire dalla Serbia”. Ma a Belgrado non era mai stato prima

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment