F35 e non solo, tagliare la casta militare

F35 e non solo, tagliare la casta militare

Tra le spese pub­bli­che da tagliare che in que­sti giorni sareb­bero finite secondo alcuni gior­nali sotto la scure del governo Renzi, pare che siano rien­trati anche i cac­cia F-35. Non sap­piamo se que­ste anti­ci­pa­zioni e que­sti retro­scena tro­ve­ranno poi una con­cre­tiz­za­zione ma la loro stessa esi­stenza ci for­ni­sce, fin da ora, un’indicazione poli­tica inte­res­sante e che val la pena sot­to­li­neare. Le spese per acqui­sto di arma­menti forse non sono più intoc­ca­bili. Da cosa nasce que­sta idea all’apparenza stram­pa­lata e non rea­li­stica? Dal fatto molto sem­plice che, per la prima volta, un’ipotesi di taglio di que­sta natura non sia stata avan­zata solo dalle cam­pa­gne paci­fi­ste e non abbia visto un’immediata levata di scudi, rea­zione invece sicura per un pas­sato abba­stanza recente.
Inten­dia­moci: ciò non signi­fica che siano cre­sciute espo­nen­zial­mente le pro­ba­bi­lità di un con­creto taglio del pro­gramma F-35 o che ci sia un cam­bia­mento reale e inno­va­tivo nella poli­tica di spesa mili­tare dell’Italia. Ma stiamo comun­que par­lando di una modi­fica di sce­na­rio non banale. Pare dav­vero che la poli­tica, gra­zie anche all’azione delle cam­pa­gne disar­mi­ste, stia seguendo l’opinione pub­blica nel com­pren­dere come gli inve­sti­menti armati pos­sano costi­tuire un far­dello piut­to­sto che un’opportunità di cre­scita per il nostro Paese. Cer­ta­mente in tale presa di coscienza, che si sta mani­fe­stando gra­dual­mente, ha gio­cato un ruolo pre­mi­nente la crisi eco­no­mica attuale. Ma non basta que­sta evi­denza per spie­gare tutto come si trat­tasse di una causa unica: in altri tempi anche un’acuta sof­fe­renza eco­no­mica dif­fusa non avrebbe di certo com­por­tato cri­ti­che così ampie e accet­tate alle spese armate. Par­tire da que­sta con­sa­pe­vo­lezza ci per­mette di cogliere con un signi­fi­cato più pro­fondo anche i numeri rela­tivi al pro­gramma Joint Strike Fighter. Numeri, dati, ana­lisi che recen­te­mente sono stati rilan­ciati dal lavoro infor­ma­tivo della cam­pa­gna «Taglia le ali alle armi».
Ma prima di entrare in un certo det­ta­glio, occorre com­ple­tare il ragio­na­mento più di sce­na­rio che abbiamo ini­ziato. Per­ché il pro­gramma di acqui­sto dei cac­cia­bom­bar­dieri d’attacco F-35 pos­siede risvolti mol­te­plici che non ne per­met­tono la chiu­sura in una que­stione tec­nica mar­gi­nale, che al mas­simo può riguar­dare solo i paci­fi­sti. In que­sta par­tita sono in gioco anche il modello di Difesa del nostro Paese e le sue poli­ti­che com­ples­sive di spesa mili­tare, e più in gene­rale l’impostazione stra­te­gica che guida le scelte economico-finanziarie del governo e l’impiego delle risorse pub­bli­che in una fase di crisi eco­no­mica e sociale dram­ma­tica e che sta col­pendo la gran parte dei cit­ta­dini ita­liani. Ma non solo. Le riper­cus­sioni di que­sta scelta impat­tano in maniera stra­te­gica sul posi­zio­na­mento inter­na­zio­nale del nostro Paese. Non per nulla diverse cri­ti­che sono state avan­zate verso il pro­getto F-35 e alla sua valenza divi­siva in ambito euro­peo, in par­ti­co­lar modo da ambienti con carat­te­riz­za­zioni non certo paci­fi­ste o disar­mi­ste.
C’è poi l’aspetto dell’impiego delle risorse, ed è ovvio come cia­scuna com­po­nente acqui­stata di un F-35 sot­tragga alle casse pub­bli­che fondi che potreb­bero essere utili per affron­tare le vere prio­rità del Paese. Quelle con le quali i gio­vani, gli stu­denti, i disoc­cu­pati, i lavo­ra­tori in cassa inte­gra­zione, gli abi­tanti di ter­ri­tori abban­do­nati all’incuria si con­fron­tano ogni giorno: man­canza di occu­pa­zione, disa­gio abi­ta­tivo, ser­vizi sociali insuf­fi­cienti, ter­ri­tori a rischio idro­geo­lo­gico. Secondo le più recenti stime di «Taglia le ali alle armi» con lo stan­zia­mento medio annuale pre­vi­sto per i pros­simi tre anni (650 milioni di euro annuali) si potreb­bero ad esem­pio creare 26000 posti di lavoro qua­li­fi­cati, o met­tere in sicu­rezza circa 600 scuole all’anno oppure non tagliare ma aggiun­gere risorse in più al Ser­vi­zio Sani­ta­rio Nazio­nale raf­for­zando anche i ser­vizi di medi­cina ter­ri­to­riale H24.
In fin dei conti quindi quello che è più urgente e neces­sa­rio fare è cam­biare para­digma. Per que­sto, al di là e oltre gli F-35, il governo Renzi avrebbe subito un bel gruz­zolo di risorse da met­tere a dispo­si­zione delle pro­prie poli­ti­che attive: nel rap­porto Sbi­lan­cia­moci per il 2014 abbiamo evi­den­ziato la facile indi­vi­dua­zione di circa 4,5 miliardi di minor spesa. Come? Con ridu­zioni di pri­vi­legi ormai obso­leti del per­so­nale delle Forze Armate, tagli dra­stici agli acqui­sti mili­tari e can­cel­la­zione delle mis­sioni all’estero di chiara valenza aggres­siva. Soldi dispo­ni­bili subito: per­ché non farci un pensiero?


Tags assigned to this article:
f35governo RenziJoint Strike Fighter

Related Articles

A Roma l’ agenzia “drogata”

Il sindaco di Roma Ignazio Marino in campagna elettorale, prometteva: «Al Dipartimento politiche sociali le competenze dell’Agenzia per le tossicodipendenze». Che invece, dopo un anno, resta al suo posto con gli stessi vertici nominati da Alemanno

Per le sette sorelle 141 miliardi di profitti nel 2006, Royal in campo contro la Total

Bufera sulle major petrolifere I governi: troppi utili, tassiamole (la Repubblica, 25 febbraio 2007, pagina 55)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment