Il «nano» Europa alla prova dell’Ucraina

Il «nano» Europa alla prova dell’Ucraina

Dopo la caduta del muro di Ber­lino, lo scrit­tore jugo­slavo Pre­drag Mat­ve­je­vic coniò il neo­lo­gi­smo «demo­cra­tura» per defi­nire i nuovi regimi nati dalle ceneri del comu­ni­smo nell’Europa dell’Est. Non si rife­riva solo ai micro­stati sorti dalla dis­so­lu­zione della ex Jugo­sla­via, ma anche agli altri paesi che gra­vi­tano nell’orbita della ex Unione Sovie­tica e, natu­ral­mente, alla Rus­sia e alle repub­bli­che che dell’Urss ave­vano fatto parte per più di 70 anni.
Que­sta «demo­cra­tura» — un mix di demo­cra­zia (appa­rente) e dit­ta­tura (reale), di libertà (gene­rica) e di auto­ri­ta­ri­smo (vero), di diritto (for­male) e oppres­sione (sostan­ziale) — oltre a ben atta­gliarsi alla Rus­sia di Putin si può appli­care agli anni di governo del satrapo ucraino Yanu­ko­vich che invece di rico­struire — dopo la rivo­lu­zione aran­cione del 2004 e la sua vit­to­ria alle pre­si­den­ziali (comun­que cer­ti­fi­cata rego­lare dell’Osce) del 2010 — un clima di con­cor­dia e di unità in un paese diviso in diverse nazio­na­lità e mino­ranze, ha accen­tuato il carat­tere auto­ri­ta­rio, pre­si­den­ziale ed intol­le­rante del suo regime.
Il ritardo e poi l’insabbiamento del pro­cesso di asso­cia­zione dell’Ucraina con l’Unione euro­pea – pre­te­sto delle rivolte popo­lari degli ultimi mesi — è sicu­ra­mente dovuto alle col­pe­voli resi­stenze e ambi­guità di Yanu­ko­vich, ma non biso­gna dimen­ti­care le incer­tezze e le ipo­cri­sie dell’Unione euro­pea, che ha offerto nei mesi scorsi aiuti per 160 milioni di euro per cin­que anni, men­tre Putin ha contro-offerto all’Ucraina 15 miliardi di aiuti facen­do­gli pagare le for­ni­ture di gas un terzo del loro valore reale di mer­cato. Dif­fi­cile anche per Yanu­ko­vich pren­dere la strada euro­pea in que­ste con­di­zioni Però, un paio di giorni fa l’Unione euro­pea — dopo la defe­ne­stra­zione del pre­si­dente ucraino — ha messo a punto un piano di aiuti di 11 miliardi di euro in due anni al nuovo governo di Yatse­nyuk. Improv­vi­sa­mente a Bru­xel­les i soldi si sono tro­vati. E’ chiaro che la par­tita di Kiev ha una natura geo­po­li­tica più ampia, dove gio­cano pesan­te­mente un ruolo le incer­tezze poli­ti­che di Bru­xel­les e l’aggressività di Washing­ton nel dare coper­tura a dei som­mo­vi­menti poli­tici che aprono le strade alla Nato in un’area stra­te­gica per la Fede­ra­zione Russa.
Ai pro­clami demo­cra­tici di Bru­xel­les e di Washing­ton biso­gna affian­care dun­que il cor­poso intrico di inte­ressi mate­riali e geo­po­li­tici con i quali leg­gere in fili­grana quello che sta suc­ce­dendo a Kiev ed in Cri­mea. La reto­rica della demo­cra­zia e dei diritti umani non può offu­scare lo scon­tro di poteri e di inte­ressi che spesso, pur­troppo, mani­po­lano la società civile e l’opinione pub­blica. Il dato di fatto è che per l’ennesima volta l’Unione euro­pea si dimo­stra un nano poli­tico, com­ple­ta­mente subal­terno agli Stati Uniti e alla Nato, nono­stante si tratti di un’area cen­trale per gli inte­ressi e gli svi­luppi della costrui­zione della casa comune euro­pea.
Infine, al di là delle que­stioni più di natura geo­po­li­tica, il con­flitto in Ucraina ripro­pone da una parte il tema irri­solto della tran­si­zione demo­cra­tica non com­piuta in quasi tutti i paesi ex comu­ni­sti e dall’altra con­ti­nua a sol­le­vare il nodo di come costruire la demo­cra­zia in paesi che sono pat­ch­work di nazio­na­lità e di mino­ranze e dove l’ispirazione nazio­na­li­sta delle forze poli­ti­che che si con­ten­dono il potere non può che por­tare al con­flitto e tal­volta alla guerra. Abbiamo visto il disa­stro suc­cesso in ex Jugo­sla­via. E una volta che si dà la stura ad un male inteso prin­ci­pio di auto­de­ter­mi­na­zione delle nazio­na­lità, è dif­fi­cile dire che que­sto vale per il Kosovo, ma non per la Cri­mea. E’ que­sta una visione ipo­crita e mani­chea del diritto inter­na­zio­nale alla quale l’Europa dovrebbe con­trap­porre la forza dell’integrazione e una pra­tica della demo­cra­zia inclu­siva, met­tendo alle porte quei popu­li­smi e quei nazio­na­li­smi che, pur­troppo, non riguar­dano solo Kiev, ma anche — ormai — molte capi­tali europee.



Related Articles

«Li abbiamo informati», Londra trascura Roma

Dalle nove del mattino alle sette di sera. Le raffiche d’arma da fuoco sono andate avanti per una giornata intera. Lo scontro tra le forze nigeriane e britanniche, da una parte, e i rapitori di Franco Lamolinara e Chris McManus, dall’altra, è durato a lungo. Lo racconta Haruna Shehu Tangaza, impiegato dal notiziario africano della Bbc e testimone del tentativo di liberare i due ostaggi nel Nord della Nigeria. «Lo scontro armato è andato avanti per ore – racconta Tangaza dalla cittadina di Sokoto – dentro alla casa c’erano i rapitori, fuori i militari».

Trump e la caduta dell’impero

Trump non sta facendo di nuovo grande l’America. Sta soltanto distruggendo una volta per sempre tutto ciò che la rendeva grande sul serio

Si dimette il premier Emil Boc sotto il peso delle proteste di piazza

Tanto tuonò che piovve. In Romania salta il governo Boc dopo quattro anni di mandato e dopo intere settimane di grande tensione generata dalle pacifiche manifestazioni di piazza che hanno portato in strada, anche in questi giorni di gelo assoluto, migliaia di cittadini contro la politica di austerity attuata dall’esecutivo di centrodestra.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment