Manifestazioni dopo il funerale del 15enne: scontri e 150 arresti a Istanbul

Il movi­mento con­tro la svolta auto­ri­ta­ria del governo Erdo­gan nato per difen­dere il parco Gezi quest’estate è tor­nato a riem­pire, ieri, le strade di tutto il paese nella seconda gior­nata con­se­cu­tiva di pro­te­ste dopo la morte di Ber­kin Elvan, l’ottava vit­tima degli scon­tri di quest’estate. Il gio­vane, che aveva appena 15 anni, col­pito alla testa da un lacri­mo­geno nel quar­tiere popo­lare di Okmey­dani, a Istan­bul men­tre andava a com­prare il pane, ha perso la vita dopo nove mesi di coma dopo che le sue con­di­zioni si erano aggra­vate a ini­zio marzo.

Nella città sul Bosforo, decine di migliaia di per­sone hanno accom­pa­gnato la bara del quin­di­cenne fino al cimi­tero di Feri­koy scan­dendo slo­gan con­tro il governo. “L’assassino di Ber­kin è Recep Tayyip Erdo­gan”, “Siamo tutti Ber­kin, ucci­den­doci non ci toglie­rai di mezzo” hanno urlato i mani­fe­stanti, per la mag­gior parte gio­va­nis­simi, molti gli stu­denti liceali. Quando dopo la sepol­tura di Elvan, nel primo pome­rig­gio, il cor­teo si è diretto verso piazza Tak­sim la poli­zia ha cari­cato facendo largo uso di lacri­mo­geni e idranti su via Haskar­gazi. Gli scon­tri sono pro­se­guiti fino a notte inol­trata nel cen­trale quar­tiere di Sisli, dove i mani­fe­stanti fug­giti nelle vie late­rali hanno mon­tato bar­ri­cate, ma anche nei pressi di piazza Tak­sim, off-limits dallo sgom­bero del parco Gezi il 15 giu­gno. Segnate dalle vio­lenze anche le mani­fe­sta­zioni di Ankara, Smirne e Eskisehir.

Nella capi­tale, dove erano stati gli stu­denti dell’Università tec­nica del medio oriente a scen­dere in piazza in migliaia, le forze dell’ordine hanno disperso con idranti e gas lacri­mo­geni il pre­si­dio nella cen­trale piazza Kiz­lay e nel quar­tiere di Tuz­lu­cayir arre­stando più di 70 per­sone ha reso noto l’ordine degli avvo­cati di Ankara. Al cor­teo di Istan­bul ha par­te­ci­pato anche Mustafa Sari­gul, can­di­dato sin­daco per Istan­bul del prin­ci­pale movi­mento d’opposizione, il Par­tito repub­bli­cano del popolo (Chp) e Sirri Sur­reya Onder, il par­la­men­tare che ha bloc­cato le ruspe che demo­li­vano i primi alberi del parco Gezi il 27 mag­gio, diven­tato un sim­bolo per il movi­mento con­tro il governo che ora corre per il pro-curdo Par­tito demo­cra­tico dei popoli (Hdp) alle ammi­ni­stra­tive del 30 marzo.

Ieri il com­mis­sa­rio Ue per l’Allargamento Sefan Fule si è detto “dispia­ciuto” per la morte di Ber­kin Elvan e ha defi­nito le mani­fe­sta­zioni: “una richie­sta di demo­cra­zia del popolo turco”. Che cos’ho fatto? Ho forse ucciso qual­cuno? Ho rubato qual­cosa?” ha detto, invece, Erdo­gan ieri mat­tina a Siirte durante un comi­zio elet­to­rale, sfer­rando un duro attacco al movi­mento pro-Gezi: “Gli alberi erano una scusa. La demo­cra­zia si con­qui­sta lan­ciando molo­tov e sfon­dando vetrine? I van­dali di gruppi mar­gi­nali di sini­stra, il Par­tito di azione nazio­na­li­sta (Mhp), il Chp e il (pro-curdo) Bdp e Fetul­lah Gulen fanno fronte comune per ali­men­tare gli scon­tri, la paghe­ranno” ha aggiunto il pre­mier che dopo gli scon­tri di quest’estate aveva defi­nito “degno di un poema epico” l’operato delle forze dell’ordine. Kemal Kilic­da­ro­glu, il lea­der del prin­ci­pale movi­mento d’opposizione, il Par­tito repub­bli­cano del popolo (Chp), dal canto suo, lunedì ha pun­tato il dito con­tro il pre­mier “Un bam­bino, Ber­kin Elvan è uscito per com­prare il pane e ha perso la vita. Pen­sate che il pre­mier tele­fo­nerà alla fami­glia per pre­sen­tare la e sue con­do­glianze? State sicuri che non lo farà”.

Nel corso dell’indagine par­tita a fine gen­naio gli inqui­renti non sono riu­sciti a indi­vi­duare l’agente respon­sa­bile del feri­mento del ragazzo. Tutti gli agenti inter­ro­gati hanno dichia­rato, infatti, di non ricor­darsi o non sapere chi ha spa­rato il lacri­mo­geno che ha ucciso Elvan: “Gio­cano al gioco delle tre scim­mie, come se Ber­kin fosse stato col­pito dallo spa­zio – ha dichia­rato ieri sera il padre del ragazzo Sami Elvan nel corso di un’intervista tra­smessa dall’emittente Cnn Turk che ha rivolto un appello al pre­mier per­ché indi­vi­dui i col­pe­voli della morte di suo figlio: “se si muove lui in un’ora l’assassino del mio bam­bino uscirà allo scoperto.



Related Articles

Land della ex Ddr in bancarotta. E tre milioni di nuovi poveri

Germania. Statistiche illuminanti sul «lato B» dell’unificazione. Effetto Hartz IV per 499 mila anziani. E si allunga la coda degli indigenti

Iran: le rivolte ancora imperscrutabili, comunque diverse dal 2009

La matrice delle rivolte che hanno marcato il passaggio dal 2017 al 2018 sembra, per il momento, ben differente dal 2009

Gilles Jacquier, inviato di guerra di France2

Gilles Jacquier, il reporter francese dell’emittente televisiva France 2 rimasto ucciso ieri a Homs, aveva 43 anni.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment