Spending review, se l’Irpef concede Cottarelli taglia

Spending review, se l’Irpef concede Cottarelli taglia

Spending review. Il com­mis­sa­rio Cot­ta­relli ha con­se­gnato, la set­ti­mana scorsa, alla Pre­si­denza del Con­si­glio un piano per rispar­miare 7 mld di euro, alzando così il limite da 3,2 mld già sta­bi­lito nella Legge di Sta­bi­lità. Gli inter­venti pro­spet­tati sono in alcuni casi giu­sti, in altri casi rical­cano il solito cli­ché: troppa buro­cra­zia, troppi spre­chi e, alla fine, un eccesso di spesa pub­blica che ral­len­te­rebbe la debole cre­scita economica.

Secondo il com­mis­sa­rio inca­ri­cato da Renzi di affon­dare le for­bici per far tor­nare i conti, sarebbe pos­si­bile rispar­miare 500 mln ridu­cendo gli sti­pendi dei mana­ger pub­blici, 800 mln dall’acquisto di beni e ser­vizi, 400 mln dai costi della poli­tica, chissà cosa ne pensa la demo­cra­zia, 1 mld dai tra­sfe­ri­menti alle imprese pub­bli­che, in sostanza tra­sporto pub­blico locale su ferro e gomma. E Renzi ha dichia­rato che le pen­sioni non saranno inte­res­sate dalla revi­sione della spesa, ma dalla tabella (il sole 24 di ieri) spicca il rispar­mio di 1,4 mld di euro.

Si tratta di un rispar­mio rela­tivo a un con­tri­buto una tan­tum da parte delle pen­sioni e 200 mln per un alli­nea­mento dei con­tri­buti delle donne (da 41 a 42 anni). Le tanto cri­ti­cate auto blu con­tri­bui­ranno con 100 mln.

La rela­zione con­se­gnata da Cot­ta­relli non è, però, banale. Non tanto per la neces­sità di recu­pe­rare tra mag­gio e dicem­bre 4 mld di euro per la “presa per il cuneo” degli ita­liani, piut­to­sto per le impli­ca­zioni che la spen­ding review richiama. Cot­ta­relli sot­to­li­nea delle cri­ti­cità tutt’altro che secon­da­rie. Se riman­gono gli obbiet­tivi di inde­bi­ta­mento pub­blico, i risparmi saranno in gran parte desti­nati alla ridu­zione dell’indebitamento, non certo per lo scopo annun­ciato di ridu­zione delle tasse. Ovvia­mente Renzi può avvi­ci­narsi alla fati­dica soglia del 3% del Pil, ma i pro­blemi non per que­sto sva­ni­scono. Pochi lo sanno e per que­sto vale la pena ricor­darlo, ma gran parte della spen­ding review è già impe­gnata o ipo­te­cata dalla legge di Sta­bi­lità e dal man­cato taglio delle detra­zioni fiscali, cioè 500 mln per il 2014, 10,4 mld per il 2015 e 14,8 mld per il 2016.

Se poi con­si­de­rate che Cot­ta­relli ha avviato una inda­gine sulla spesa sani­ta­ria, la fina­lità è quella di con­se­guire un ulte­riore rispar­mio di 300 mln, e si può facil­mente capire quale sia il punto di caduta.
Sostan­zial­mente la spen­ding review potrebbe togliere dalle tasche dei cit­ta­dini quanto la ridu­zione della pres­sione fiscale con­cede. Pro­vate a imma­gi­nare cosa signi­fica ridurre di 15 mld di euro le detra­zioni fiscali. Altro che 1000 euro nelle tasche dei cittadini.

Come al solito si rinun­cia a gover­nare la spesa pub­blica e le entrate pub­bli­che. Pen­sare al buon fun­zio­na­mento della mac­china pub­blica costa fatica, ma lo sforzo prin­ci­pale dovrebbe essere quello di aggre­dire la for­ma­zione della spesa e di rimo­du­lare quella che non favo­ri­sce la cre­scita eco­no­mica, ricon­trat­tando molte (troppe) opere inu­tili. Tra l’altro pro­du­cono ren­dita, non certo reddito.

I metodi della pro­gram­ma­zione del bilan­cio hanno visto lo svi­luppo di diverse meto­do­lo­gie (“costi-benefici”, “bilan­cio a base zero”, ecc.), ma sem­pre con la fina­lità di gover­nare la for­ma­zione della spesa pub­blica, supe­rando la logica del rispar­mio più o meno neces­sa­rio. Solo in que­sto modo la scelta della com­po­si­zione e della for­ma­zione della spesa diventa poli­tica eco­no­mica pubblica.


Tags assigned to this article:
Cot­ta­rellispen­ding review

Related Articles

Dire addio al posto fisso non basta La flessibilità all’epoca di LinkedIn

I mutamenti del lavoro sono più veloci anche di questa politica

Sciopero nazionale dei trasporti, Toninelli chiede lo stop

Oggi la protesta nazionale, venerdì astensione dal lavoro nel trasporto aereo. Il garante degli scioperi ha invitato a ridurre quello di venerdì da 24 a 4 ore, ma i sindacati hanno confermato l’agitazione

Dalla Tunisia al Kenya fino all’Egitto in aumento le mete pericolose

Da qualche giorno il sito della Farnesina suggerisce cautela anche in Turchia, Bulgaria e Arabia Saudita

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment