Sulla Siria l’ombra dello scontro Usa-Russia

Sulla Siria l’ombra dello scontro Usa-Russia

Il sor­riso stam­pato sul volto di Benya­min Neta­nyahu, l’altra sera alla Casa Bianca, rac­con­tava tutta la sod­di­sfa­zione del pre­mier israe­liano. Non erano i Ter­ri­tori occu­pati pale­sti­nesi l’argomento delle rispo­ste date da Barack Obama ai gior­na­li­sti al ter­mine dell’incontro con Neta­nyahu ma l’Ucraina, la frat­tura diplo­ma­tica con la Rus­sia, il peri­colo di una esca­la­tion mili­tare in Cri­mea. Puro relax per il primo mini­stro israe­liano. Eppure la crisi in Ucraina potrebbe pre­sto avere rica­dute impor­tanti in Medio Oriente. Non tanto per que­stione israelo-palestinese, quanto per la guerra civile siriana. E’ fan­ta­scienza imma­gi­nare, dopo il duro scon­tro sull’Ucraina, che Washing­ton e Mosca pos­sano in breve tempo ritro­varsi fac­cia a fac­cia, in armo­nia, per orga­niz­zare una nuova con­fe­renza, “Gine­vra 3”, con l’obiettivo di ripor­tare il governo di Bashar Assad e l’opposizione siriana a un tavolo di trat­ta­tiva. La pro­spet­tiva, piut­to­sto, è quella che Usa e Rus­sia spo­stino il loro con­fronto a distanza sul campo di bat­ta­glia siriano, inco­rag­giando, con nuovi e più ingenti rifor­ni­menti di armi, i rispet­tivi alleati, den­tro e fuori la Siria, non a ricer­care solu­zioni poli­ti­che di com­pro­messo bensì a dare il mas­simo per vin­cere la guerra.
L’analista Olena Bagno-Moldavsky, esperta della poli­tica di Mosca in Medio Oriente, è cauta sulle mosse che la Rus­sia e gli Stati Uniti potreb­bero muo­vere nell’immediato. «Tut­ta­via – ci spiega – una esca­la­tion in Ucraina fini­rebbe per spin­gere le due parti a col­pire gli inte­ressi dell’avversario in altri sce­nari di crisi, senza vederle coin­volte sul ter­reno». Bagno-Moldavsky esclude che Mosca possa impe­gnare sue truppe per pro­teg­gere la sua unica base navale nel Medi­ter­ra­neo, a Tar­tus, in Siria, così come sta facendo in Cri­mea. «(Il pre­si­dente Vla­di­mir) Putin– dice l’analista — sa che l’Ucraina e la Siria sono con­te­sti diversi e per ora è con­vinto che l’impegno del suo Paese nella regione medio­rien­tale non debba andare oltre l’azione pro­tet­tiva che già svolge alle Nazioni Unite a favore del suo alleato Bashar Assad e la for­ni­tura di aiuti». Allo stesso tempo, aggiunge Bagno Mol­da­v­sky, «Mosca con­si­dera di ecce­zio­nale impor­tanza i suoi inte­ressi stra­te­gici in Medio Oriente e non è dispo­sta a a farsi da parte senza agre, quindi aiu­terà in modo sem­pre più visi­bile i suoi alleati». Gli Usa non stanno certo a guar­dare e il loro impe­gno “segreto” per armare le for­ma­zioni armate anti-Damasco dovrebbe ulte­rio­mente cre­scere nel pros­simo futuro.
Sareb­bero state pro­prio le for­ni­ture di armi pesanti, pagate dall’Arabia sau­dita alleata di ferro di Washing­ton, a con­sen­tire negli ultimi tre-quattro mesi la pre­pa­ra­zione della grande offen­siva in dire­zione di Dama­sco che è sul punto di lan­ciare l’“Alleanza Meri­dio­nale” (AM), un rag­grup­pa­mento di una cin­quan­tina di for­ma­zioni armate, non poche delle quali jiha­di­ste, come il potente dal “Fronte isla­mico”, sorto alla fine dello scorso anno pro­prio per volontà di Riyadh. Forte di circa 60 mila uomini, coman­data da Bashar al-Zoubi, lea­der della Bri­gata Yar­mouk che man­tiene stretti legami con il Fronte al Nusra (al Qaeda in Siria), l’AM ha già strap­pato all’Esercito diverse posi­zioni intorno a Deraa e Qunei­tra, a ridosso delle Alture del Golan occu­pate da Israele, appro­fit­tando anche della scarsa par­te­ci­pa­zione dei com­bat­tenti liba­nesi di Hez­bol­lah, alleato di Dama­sco, alle ope­ra­zioni mili­tari in que­ste regioni della Siria. Da qui i comandi dell’AM con­tano di avan­zare verso Dama­sco che dista poche decine di km. Secondo quanto riporta la stampa araba, l’impegno ame­ri­cano e sau­dita a soste­gno di que­sta cam­pa­gna mili­tare si sta­rebbe facendo massiccio.L’imminenza dell’offensiva delle forze ribelli e jiha­di­ste, ha costretto l’Esercito gover­na­tivo siriano a spo­stare verso sud uomini e risorse sot­traen­doli alla bat­ta­glia in corso per la con­qui­sta di Yabroud, l’ultima roc­ca­forte dei ribelli nella regione stra­te­gica di Qala­moun.
Spo­sta­menti che stanno ritar­dando la con­clu­sione dell’offensiva gover­na­tiva in una regione di vitale impor­tanza per ria­prire i col­le­ga­menti tra Dama­sco e la costa medi­ter­ra­nea e inter­rom­pere le vie di rifor­ni­mento per le forze ribelli. Ieri comun­que i gover­na­tivi hanno con­qui­stato Sahel, un vil­lag­gio a 2 km da Yabroud e ora spin­gono verso Flita, l’unico punto di uscita per jiha­di­sti e ribelli in dire­zione di Arsal, città sun­nita in ter­ri­to­rio libanese.Intanto ieri il più famoso regi­sta siriano, Moham­med Malas è stato arre­stato dall’intelligence men­tre stava per attra­ver­sare il con­fine con il Libano, da dove sarebbe dovuto par­tire per la Sviz­zera, per par­te­ci­pare a un festi­val. Malas nella sua car­riera ha vinto nume­rosi premi arabi e inter­na­zio­nali. Il suo film “The Night” è stato scelto tra i primi 10 film arabi di tutti i tempi secondo una clas­si­fica fatta dal quo­ti­diano bri­tan­nico The Guardian.


Tags assigned to this article:
Mohammed MalasOlena Bagno-Moldavsky

Related Articles

Romney trionfa nella capitale del vizio Gingrich attacca e non si arrende

Nevada, decisivo il voto dei mormoni. Ma si schiera anche il Tea Party

“Al Qaeda prepara una bomba sporca”

Dai cablo di WikiLeaks la caccia dei terroristi al materiale radioattivo.  Si starebbero progettando attacchi sugli aerei con giocattoli esplosivi. L’Fbi cerca ancora tre terroristi del Qatar giunti negli Usa alla vigilia dell’11/9 

Trucidati i miei fratelli ma le vere vittime sono gli islamici che vivono in pace

In risposta alla strage di Parigi, la Francia dovrebbe lavorare mano nella mano con i musulmani residenti sul territorio, riconoscendoli cittadini a pieno titolo Ma l’ideologia dominante mette all’indice lo straniero

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment