Dal cane Pando alla « drug education »

Dal cane Pando alla « drug education »

Ven­ti­sei marzo, Isti­tuto per geo­me­tri San­gallo di Terni. Il cane Pando fa il suo ingresso in classe, è un cane anti­droga, fa il suo mestiere. Ma anche il pro­fes­sor Franco Cop­poli sta facendo il suo, di mestiere, inse­gna, dichiara agli agenti di non voler inter­rom­pere il suo «pub­blico ser­vi­zio» e li invita a uscire. Un gesto, quello del pro­fes­sore, che non fini­sce lì, sarà giu­di­cato e san­zio­nato con un prov­ve­di­mento disci­pli­nare per aver impe­dito il con­trollo in aula della poli­zia. Quello di Terni non è un epi­so­dio nuovo e tan­to­meno iso­lato, si è ripe­tuto spesso anche in que­sti mesi di post Fini-Giovanardi. L’assunto che la repres­sione, meglio se esi­bita e con forte impatto, serva alla dis­sua­sione fa parte ormai del senso comune, di quello della poli­tica e anche di quello di certi «scien­ziati» embed­ded.
Vale la pena ripar­larne per almeno tre motivi.

Primo: Pando oggi non sta più fuori dai can­celli ad annu­sare, entra nelle aule, l’impatto è forte, il lin­guag­gio non è quello del mero con­trollo ma quello della deter­renza, e il rap­porto che si cerca così con il mondo degli edu­ca­tori non è una alleanza, è una sud­di­tanza ancil­lare e muta. Un approc­cio che rende peda­go­gi­ca­mente ridi­cola la tesi dell’efficacia dell’alternare parole edu­ca­tive a parole repres­sive: Pando non apre uno spa­zio edu­ca­tivo, Pando lo chiude (del resto sa solo abba­iare). Che il pro­fes­sor Cop­poli si sia sen­tito espro­priare di parola e ruolo è il minimo.

Secondo: la scon­cer­tante imper­mea­bi­lità nel tempo di que­ste prassi alla «evi­denza» della loro inef­fi­ca­cia: l’alleanza tra «edu­care e punire» ha dimo­strato nei decenni la sua pochezza (vedere gli anda­menti dei con­sumi per cre­dere). L’approccio deter­rente, di rea­ga­niana memo­ria (la «zero tole­rance») ha avuto pro­prio negli Usa, dove ha dre­nato milioni di dol­lari, la sua più radi­cale cri­tica. Tra gli altri: gli studi del peda­go­gi­sta Rod­ney Ska­ger, della Cali­for­nia, sul fatto che, repres­sione o no, i ragazzi con­su­mano comun­que, quello della Uni­ver­sità del Michi­gan, sulla inu­ti­lità dei test sui ragazzi, fino al modello edu­ca­tivo «La sicu­rezza al primo posto: un approc­cio basato sulla realtà» di Mar­sha Rosen­baum, diret­trice della Drug Policy Alliance di San Fran­ci­sco, che così sin­te­tizza il suo pen­siero: «La realtà è che oltre la metà dei gio­vani ado­le­scenti ame­ri­cani spe­ri­menta l’uso di dro­ghe ille­gali nel periodo in cui fre­quenta le scuole medie supe­riori. Tut­ta­via, l’obiettivo prin­ci­pale della gran parte dei pro­grammi è quello di pre­ve­nire il con­sumo. Un approc­cio rea­li­stico dovrebbe con­cen­trare le nostre ener­gie sulla pre­ven­zione dei com­por­ta­menti d’abuso. Ci rife­riamo a chi alla droga dice “no”, ma dovremmo offrire un’informazione one­sta e scien­ti­fi­ca­mente cor­retta a chi dice “forse”, o “qual­che volta” o “sì”».

E qui sta il terzo punto: è ora che gli edu­ca­tori (tutti, dai geni­tori agli inse­gnanti al mondo adulto) si ripren­dano parola e respon­sa­bi­lità. Il gesto di Franco ha senso se si resti­tui­sce alla «nor­ma­lità» delle rela­zioni quo­ti­diane il discorso sull’uso di sostanze: si chiama «drug edu­ca­tion», signi­fica con­sa­pe­vo­lezza, ascolto, infor­ma­zione cor­retta. Signi­fica, con Mar­sha Rosem­baum, pre­ve­nire l’abuso e con­te­nere i rischi.

Ma «drug edu­ca­tion» non ha una tra­du­zione in ita­liano, gra­zie al Dipar­ti­mento anti­droga l’Italia ha fin qui pun­tato sulla «early detec­tion» che signi­fica indi­vi­duare – magari invi­tando i geni­tori ad effet­tuare i test sui figli o man­dando i cani — i con­sumi per avviare i ragazzi/e alla pato­lo­giz­za­zione e alla repres­sione. Un sui­ci­dio educativo.

Leggi il dos­sier «Drug edu­ca­tion» su www?.fuo?ri?luogo?.it



Related Articles

A San Vittore si fa la guerra, di parole. Slam poetry sul populismo

I detenuti sfidano gli studenti a colpi di rap sui casi di cronaca. Stefania, la detenuta vincitrice: «Sono stata condannata prima dai giornali e poi da un giudice. Quando uscirò non sarò quella che sono diventata ma quella che sono stata».

La nuova Merkel nel cuore dell’Europa divisa

La cancelliera si impegna ad accogliere in Germania 800 mila rifugiati. E l’Ungheria di Orbàn l’accusa apertamente: “Il caos dei migranti è tutta colpa sua”

Ungheria, di freddo si muore

Il freddo miete vittime e stime recenti parlano di un centinaio di persone morte, a partire dallo scorso settembre, per i rigori del clima

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment