Depenalizzata la coltivazione della cannabis, anzi no

Depenalizzata la coltivazione della cannabis, anzi no

È stata inse­rita nel decreto «svuota car­ceri», che ha abro­gato tutta un serie di reati minori. Con 332 voti favo­re­voli, 104 con­trari e 22 aste­nuti, la Camera dei depu­tati ha appro­vato mer­co­ledì una par­ziale, e ingan­ne­vole, depe­na­liz­za­zione della col­ti­va­zione della cannabis, oltre che del reato di clan­de­sti­nità (motivo per cui c’è stato l’ostruzionismo di M5S, Lega e Fra­telli d’Italia), con l’obiettivo di ridurre il numero dei dete­nuti che stanno attual­mente affol­lando le strut­ture car­ce­ra­rie ita­liane. Per que­sti due punti con­tro­versi si tratta però di una legge delega. In pra­tica, il governo ha 18 mesi di tempyhgo per ema­nare i decreti che daranno attua­zione al principio.

Inol­tre, per quanto attiene alla mari­juana, il prov­ve­di­mento in que­stione si rife­ri­sce sol­tanto all’articolo 2 del testo unico sugli stu­pe­fa­centi, quello che riguarda i sog­getti che hanno già un’autorizzazione alla col­ti­va­zione di sostanze psi­co­trope per scopi scien­ti­fici, spe­ri­men­tali o didat­tici, con­cessa dal mini­stero della Salute. Quindi, uni­ver­sità e labo­ra­tori di ricerca che se non rispet­tano «pre­scri­zioni e garan­zie cui l’autorizzazione è subor­di­nata», non incor­re­ranno più in san­zioni penali (fino a un anno di car­cere), come è stato fino ad ora, ma solo ammi­ni­stra­tive (dun­que pecu­nia­rie). Per chi non ha l’autorizzazione mini­ste­riale resta dun­que il reato penale, come prima.

Secondo alcuni, si tratta comun­que di un pic­colo passo in avanti che arriva dopo l’ok che il governo Renzi ha dato all’utilizzo, anche nel nostro Paese, della can­na­bis per scopi terapeutici.

Il 10 marzo l’esecutivo aveva infatti deciso di non impu­gnare la legge della Regione Abruzzo, pro­mul­gata lo scorso 4 gen­naio, che con­sente la pre­scri­zione e l’erogazione gra­tuita a carico del ser­vi­zio sani­ta­rio di medi­ci­nali can­na­bi­noidi. Altre Regioni sono sulla stessa strada.


Tags assigned to this article:
cannabisdepenalizzazione

Related Articles

Firenze, insegnante si droga a scuola l’assessore: subito test per tutti i prof

FIRENZE – Il caso di una educatrice che è stata ritrovata, venerdì scorso, svenuta dopo aver assunto eroina nei bagni

Nessuna finanziaria per queste famiglie?

L’ISTAT, ieri: i cittadini italiani poveri, cioè che vivono con meno di mille euro al mese per due persone, sono il 13,8 per cento. (In Germania, scriveva una lettrice di Repubblica, la stessa soglia vale per una sola persona).

Dieci numeri per raccontare un pessimo 2014

Dal calo degli investimenti alla disoccupazione: dovevamo ripartire, è andato (quasi) tutto male

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment