Fatah – Hamas, raggiunto l’accordo di riconciliazione

Fatah – Hamas, raggiunto l’accordo di riconciliazione

Dob­biamo cre­derci? Lo scet­ti­ci­smo è d’obbligo dopo aver assi­stito per anni, dal 2007 in poi, a strette di mano e ad accordi di ricon­ci­li­zione tra Fatah e Hamas pun­tual­mente rima­sti pezzi di carta. E anche l’annuncio fatto ieri dal pre­mier di Hamas, Ismail Haniyeh, della for­ma­zione entro qual­che set­ti­mana di un governo uni­ta­rio potrebbe rive­larsi l’ennesimo ten­ta­tivo fal­lito di una riu­ni­fi­ca­zione nazio­nale pale­sti­nese. Chi sem­bra cre­derci o finge di cre­derci per ragioni di oppor­tu­nità poli­tica, è pro­prio Israele, che ieri, peral­tro, ha inviato i suoi cac­cia­bom­bar­dieri a sgan­ciare mis­sili con­tro una “cel­lula ter­ro­ri­stica” a nord di Gaza – almeno 4 feriti -, poco dopo l’annuncio dell’accordo Fatah-Hamas fatto dal pre­mier isla­mi­sta Ismail Haniyeh. Un col­le­ga­mento tra le due cose non è dimo­stra­bile ma il raid aereo ha inviato un mes­sag­gio molto chiaro ai pale­sti­nesi. Secondo gli espo­nenti più radi­cali del governo israe­liano l’accordo rag­giunto ieri a Gaza rive­le­rebbe l’unità dei veri obiet­tivi dei “ter­ro­ri­sti” di Hamas e dei lea­der di Fatah: la distru­zione dello Stato di Israele. E il pre­si­dente pale­sti­nese Abu Mazen, aggiun­gono, avrebbe adesso tro­vato «il pro­prio posto natu­rale, nel caldo abbrac­cio degli assas­sini di Hamas». Per il pre­mier Neta­nyahu la pace tra Israele e Olp non può pas­sare per la ricon­ci­lia­zione interna pale­sti­nese e con que­sta moti­va­zione ha pron­ta­mente annul­lato l’incontro tra i nego­zia­tori delle due parti pre­vi­sto ieri sera. Nelle ore suc­ces­sive erano attese le rea­zioni dfell’Amministrazione Obama.

Ieri è stata con­cor­data la for­ma­zione entro cin­que set­ti­mane di un governo pale­sti­nese di unità nazio­nale. Abu Mazen ini­zierà subito le con­sul­ta­zioni per affi­dare l’incarico di pre­mier. Sei mesi dopo la nascita di que­sto ese­cu­tivo si svol­ge­ranno simul­ta­nea­mente in Cisgior­da­nia e a Gaza nuove ele­zioni, legi­sla­tive e pre­si­den­ziali. Le intese rag­giunte nel corso degli incon­tri, pre­ve­dono anche la rior­ga­niz­za­zione interna dell’Olp, di cui Hamas non fa parte e dove il movi­mento isla­mico chiede di entrare con una rap­pre­sen­tanza ade­guata alla sua forza poli­tica. Un altro nodo, forse quello più dif­fi­cile, è il con­trollo delle forze di sicu­rezza pale­sti­nesi. Abu Mazen vor­rebbe lo scio­gli­mento di quelle create da Hamas a Gaza, una pos­si­bi­lità che al momento appare molto remota.

A Gaza, stretta nella morsa dei bloc­chi asfis­sianti attuati da Israele ed Egitto, migliaia di per­sone sono spon­ta­nea­mente scese in strada a festeg­giare dopo l’annuncio dell’accordo. Ma quello che stanno pro­vando a cele­brare Abu Mazen e i ver­tici di Hamas in realtà è un matri­mo­nio di con­ve­nienza, dopo anni di sepa­ra­zione e di scon­tro vio­lento. Il pre­si­dente pale­sti­nese ha più volte calato la carta della riap­pa­ci­fi­ca­zione con Hamas per lan­ciare mes­saggi a Israele e Stati Uniti. E que­sto potrebbe essere ancora più vero ora, a pochi giorni dalla sca­denza (29 aprile) dei nove mesi di nego­ziati bila­te­rali israelo-palestinesi, tanto voluti dal Segre­ta­rio di stato Usa John Kerry e che non hanno dato alcun risul­tato con­creto per la fine dell’occupazione israe­liana e per la piena libertà e indi­pen­denza dei pale­sti­nesi. La ricon­ci­lia­zione in que­sta fase serve anche ad Hamas. Il movi­mento isla­mico è com­ple­ta­mente iso­lato dopo il colpo di stato mili­tare in Egitto cul­mi­nato con l’arresto e la deten­zione del pre­si­dente e suo alleato Moham­med Morsi. Nel resto della regione, peral­tro, si è arre­stata la forte ascesa del movi­mento dei Fra­telli Musul­mani, soste­nuto dal Qatar. I diri­genti di Hamas che appena un anno fa gode­vano di uno sta­tus di fatto di lea­der di un minu­scolo emi­rato isla­mico, oggi sono ai mar­gini, tenuti distanza un po’ da tutti nella regione, ad ecce­zione del Qatar. L’accordo con Fatah e l’Olp per­ciò per Hamas è un mezzo per uscire dall’isolamento e per recu­pe­rare spazi di mano­vra poli­tica. Per l’analista Hani al Masri «Le due parti hanno fatto i loro cal­coli, la ricon­ci­lia­zione però è ben poca cosa sul ter­reno, può crol­lare subito, rischia di avere una vita molto breve».


Tags assigned to this article:
Abu MazenHamasPalestin

Related Articles

Ripresa Ue in bilico, i timori di Berlino sul primo passo falso degli ultimi 5 anni

Oggi si sapranno i dati sulla crescita di Francia, Germania e dell’intera Eurozona, dopo che la scorsa settimana l’Istat ha comunicato il ritorno in recessione dell’Italia

Un presidente «americano» per l’Afghanistan che verrà 

Il Washington Post ospita pezzo di un consulente dei servizi senza avvertire i lettori

Istat: ecco a voi il paese dell’austerità espansiva

Presentato ieri il rap­porto annuale 2014 dell’ Istat. Allarme povertà e disoccupazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment