Freedom Flotilla: «Non intendiamo mollare»

Freedom Flotilla: «Non intendiamo mollare»

Dalla coa­li­zione Free­dom Flotilla, sep­pur fra­stor­nata, si con­tano i danni e si pensa a ripar­tire. Ne par­liamo con Fran­ce­sca Solari, mem­bro del coor­di­na­mento ter­ri­to­riale della Free­dom Flo­tilla Italia.

Dopo la noti­zia dell’attacco all’Arca di Gaza, avete avuto modo di con­tat­tare gli atti­vi­sti pre­senti a Gaza?

Sul posto ci sono i nostri refe­renti, il volon­ta­rio sve­dese Char­lie Andreas­son e il mana­ger pale­sti­nese del pro­getto Mah­fouz Kaba­riti. Siamo in con­tatto con loro, ma non abbiamo a dispo­si­zione infor­ma­zioni diverse da quelle del comu­ni­cato stampa. Si è par­lato di una riven­di­ca­zione, ma non inten­diamo rila­sciare com­menti fino a quando non avremo infor­ma­zioni certe.

Nei giorni scorsi si erano veri­fi­cati fatti par­ti­co­lari che pote­vano far pen­sare ad una simile azione con­tro l’Arca di Gaza? Gli atti­vi­sti sul posto ave­vano avuto sen­tore di un pos­si­bile attacco?

Asso­lu­ta­mente no. Anzi, ieri sta­vamo festeg­giando l’andamento della “Face­book and Twit­ter storm”, un’iniziativa di sen­si­bi­liz­za­zione sul pro­getto dell’Arca di Gaza. Una peti­zione inter­na­zio­nale della Free­dom Flotilla [fir­mata tra gli altri da Noam Chom­sky e Mai­read Maguire, ndr] diretta ai governi di tutto il mondo e alla segre­te­ria gene­rale delle Nazioni Unite per­ché garan­tis­sero il pas­sag­gio sicuro della nave e faces­sero pres­sioni su Israele affin­ché ponga fine alle restri­zioni al movi­mento della popo­la­zione e rispetti le acque ter­ri­to­riali della Stri­scia. La “tem­pe­sta” sui social net­work di lunedì ser­viva alla rac­colta delle firme e due sere fa festeg­gia­vamo l’andamento della cam­pa­gna. Non imma­gi­na­vamo che dopo poco l’Arca sarebbe stata attaccata.

L’attentato è di poche ore fa, ma all’interno della coa­li­zione avete già discusso della rimessa in sesto dell’Arca?

Deci­de­remo a breve cosa fare, una volta aver quan­ti­fi­cato i danni subiti dalla nave. Certo è che non inten­diamo mol­lare. Il pro­getto era, anzi, è – per­ché spero possa con­ti­nuare anche sotto altre forme – è basato sullo slo­gan “com­mer­cio e non aiuti”. È que­sto il lavoro che sta die­tro l’Arca di Gaza: non solo rom­pere l’assedio israe­liano, ma riba­dire il diritto del popolo gazawi al com­mer­cio con l’esterno, il diritto degli arti­giani della Stri­scia a espor­tare fuori i pro­pri pro­dotti. Il porto di Gaza è l’unico privo di un codice inter­na­zio­nale. Inol­tre, il mes­sag­gio che inten­diamo inviare è insito anche nella lista stessa dei pro­dotti che sareb­bero dovuti sal­pare insieme all’Arca. Pro­dotti di asso­cia­zioni di donne, di disa­bili, non vedenti: si era posta un’attenzione par­ti­co­lare al lavoro fem­mi­nile e giovanile.

A quat­tro anni dalla prima Free­dom Flotilla, attac­cata da un raid israe­liano che uccise 9 atti­vi­sti tur­chi, come valu­tate i risul­tati finora otte­nuti? E come imma­gi­nate le atti­vità future?

Non abbiamo rotto l’assedio sulla Stri­scia di Gaza. Ma se con­ti­nuano a sabo­tarci, a impe­dirci di entrare a Gaza, ad attac­care con le armi chi senza armi sostiene il popolo pale­sti­nese, allora il nostro impe­gno non è vano. Non abbiamo rotto l’assedio mate­riale, fisico, ma cre­diamo che la Free­dom Flo­tilla abbia con­tri­buito e con­tri­bui­sca a scal­fire l’assedio men­tale e cul­tu­rale che fa pen­sare alla situa­zione pale­sti­nese come a qual­cosa di irri­sol­vi­bile e irre­ver­si­bile. L’ultima Free­dom Flotilla, Estelle, è stata con­fi­scata e il suo equi­pag­gio impri­gio­nato. Ma prima ha incon­trato migliaia di per­sone in nume­rosi porti euro­pei. Ecco, in ogni porto, Estelle ha rotto l’assedio. Ha rac­colto soli­da­rietà, ha atti­vato le per­sone sul ter­ri­to­rio. L’attacco all’Arca ci ama­reg­gia ma non ci sco­rag­gia. Con­ti­nue­remo in qual­che modo a navi­gare. Al timone, il rispetto dei diritti umani; la nostra rotta è la libertà.



Related Articles

Libia: il CNT annuncia la smilitarizzazione, ma i problemi rimangono

Ribelli libici – Foto: Altopascio.info

A quasi due mesi dall’uccisione di Muammar Gheddafi, avvenuta il 21 ottobre, la Libia cerca di avviare il difficile percorso di stabilizzazione e di creazione di uno Stato democratico. Il Consiglio nazionale di Transizione (Cnt) che l’11 settembre scorso ha incassato anche il riconoscimento del Fondo Monetario Internazionale ha annunciato la smilitarizzazione di Tripoli entro il 31 dicembre, ma anche se la Libia è momentaneamente scomparsa dai media, sono ancora molti i focolai di violenza innescati dalle faide tra le varie tribù che minano l’inizio di una convivenza civile e pacifica. Ma come appare oggi la Libia dopo la guerra civile che ha provocato la caduta del vecchio regime?

Ankara chiama, la Nato frena

Turchia. Il governo chiede una riunione di emergenza dell’Alleanza ma Berlino esclude un intervento militare contro l’Isis e si dice «preoccupata» degli attacchi contro i kurdi

Mosca torna a infiammarsi contro Putin battaglia alla vigilia dell’insediamento

Trenta feriti e centinaia di arresti. Fermato il blogger Navalnyj   Alle sfarzose celebrazioni del presidente partecipa anche Berlusconi 

1 comment

Write a comment
  1. riccardo
    riccardo 30 Aprile, 2014, 21:21

    Era ipotizzabile una reazione di questo tipo , se la battaglia del movimento non fosse così importante e sopratutto se non avesse risultati , nessuno si curerebbe di questa lotta , Bisogna continuare rialzandoci e ripartire più forte, perchè è certo che se oggi ci vediamo a medicare queste ferite , gli invasori in tutto questo tempo stavano medicando le proprie …AVANTI TUTTA !!!

    Reply this comment

Write a Comment