L’Assemblea approva l’austerità di Valls

L’Assemblea approva l’austerità di Valls

Lotta ai deficit. La sinistra si spacca: fronda di 41 deputati socialisti, che si sono astenuti. Verdi tra voto contrario e astensione, Front de Gauche contrario.

Valls voleva un voto di fidu­cia, sul quale il governo avrebbe gio­cato la pro­pria cre­di­bi­lità, anche se i depu­tati dell’Assemblea erano chia­mati ieri ad espri­mersi in uno scru­ti­nio sol­tanto con­sul­tivo sul piano di rigore di 50 miliardi: il pro­gramma di risa­na­mento del primo mini­stro, che rifiuta il ter­mine «auste­rità», ha otte­nuto 265 voti a favore, con­tro 232 nega­tivi e 67 asten­sioni. Il Ps si è spac­cato, 41 depu­tati hanno rifiu­tato di pie­garsi al dik­tat di Valls e si sono astenuti.

Il pro­gramma pre­vede 50 miliardi di tagli al wel­fare e 30 miliardi di sgravi di con­tri­buti per le imprese nei pros­simi 3 anni. Manuel Valls, nel discorso di pre­sen­ta­zione, ha fatto appello all’unità nazio­nale: «Riven­dico le scelte fatte» ha detto, abbiamo «scelto il corag­gio, la coe­renza». Per Valls non è auste­rità, per­ché «la scuola e i gio­vani sono una priorità».

Non è il parere della sini­stra del Ps e del Front de Gau­che. Valls ha però limi­tato la fronda socia­li­sta. Un cen­ti­naio di depu­tati Ps ave­vano pro­te­stato con­tro l’austerità qual­che set­ti­mana fa. L’8 aprile scorso erano stati solo in otto ad essersi aste­nuti al voto di fidu­cia verso il nuovo governo Valls. Ieri erano saliti a 41, una cifra che però Valls pensa di poter tenere sotto controllo.

«Il vostro pro­gramma è l’austerità» sostiene il Pcf, per il quale «è urgente costruire una poli­tica alter­na­tiva». Per i comu­ni­sti, «è la prima volta nella V Repub­blica che un primo mini­stro di sini­stra difende una poli­tica di destra». Valls è «pas­sato sull’altra sponda» per il Front de Gau­che. Jean-Luc Mélen­chon ha defi­nito le scelte di Valls «uno scherzo di carnevale».

Sul fronte oppo­sto, una parte del centro-destra (Udi) e per­sino qual­che depu­tato Ump (il par­tito di Sar­kozy) aveva accen­nato alla pos­si­bi­lità di assu­mere un atteg­gia­mento neu­trale. L’Udi ha pro­po­sto un’«opposizione costrut­tiva» nei con­fronti della svolta di rigore di Valls. I Verdi si sono divisi tra una mag­gio­ranza che ha annun­ciato un voto nega­tivo e una mino­ranza di asten­sioni. «Que­sto pro­gramma di sta­bi­lità è incom­pa­ti­bile con il nostro pro­getto euro­peo», ha detto Bar­bara Pom­pili, la por­ta­voce écolo all’Assemblea. Valls ha accen­nato all’Europa, rimet­tendo sul tavolo il discorso della neces­sità di «un’iniziativa euro­pea che accom­pa­gni gli sforzi» nazio­nali, cioè «grandi opere, ener­gia, digi­tale, occu­pa­zione per i gio­vani», oltre a una poli­tica mone­ta­ria più elastica.

Valls aveva dram­ma­tiz­zato l’appuntamento di ieri pome­rig­gio all’Assemblea. Per limi­tare la fronda nel suo campo, aveva spe­dito una let­tera di 4 pagine ai depu­tati, dove ha sot­to­li­neato «il momento impor­tante, addi­rit­tura deter­mi­nante per il suc­cesso del nostro paese, un momento di verità».

Con il voto di ieri, la mag­gio­ranza uscita dalle urne delle legi­sla­tive che nel 2012 ave­vano fatto seguito alla pre­si­den­ziale, slitta. La frat­tura a sini­stra è con­su­mata con il governo Valls, non solo con il Front de Gau­che, che è sem­pre stato all’opposizione (mal­grado vari accordi del Pcf con il Ps alle recenti muni­ci­pali), ma anche con i Verdi, che hanno rifiu­tato di par­te­ci­pare al governo. Valls adesso deve far fronte a un’opposizione con­si­stente anche all’interno del Ps.



Related Articles

La fame della Corea del Nord

La successione al vertice del potere in Corea del Nord occupa le prime pagine della stampa internazionale e i bollettini dei centri di studi strategici – dove le parole chiave sono stabilità  politica, ruolo dei militari nell’equilibrio di potere, rischi di escalation nucleare.

Edison, colloquio Romani-Proglio il governo spinge per il lodo Zuccoli

Entra nel vivo la trattativa per il futuro del secondo polo energetico del Paese. Il ministro allo Sviluppo in pressing anche sui sindaci di Milano e Brescia

Perché quel popolo non diventa una nazione

L’arcobaleno ha sette colori. Ma nella “rainbow nation” ne dominano due. Nero e bianco. Estranei peraltro alla sequenza cromatica dell’arcobaleno, che Nelson Mandela assimilava alla mimosa del bushveld e alla jacaranda di Pretoria per evocare la necessaria convivenza fra popoli e culture nel Sudafrica multirazziale.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment