Opg della vergogna, non sarà l’ultimo rinvio

Opg della vergogna, non sarà l’ultimo rinvio

L’«estremo ram­ma­rico» con cui alcuni giorni fa il Qui­ri­nale ha ema­nato il decreto legge n° 52 non esprime solo il disa­gio di chi — già nel luglio 2011 — aveva denun­ciato l’«orrore dei resi­dui ospe­dali psi­chia­trici giu­di­ziari, incon­ce­pi­bili in qual­siasi paese appena appena civile». La deci­sione del governo di riman­dare ancora di un anno la loro defi­ni­tiva chiu­sura, infatti, appare bor­der­line se misu­rata con il metro della Costituzione.

Nes­suno nega la com­ples­sità della pro­ce­dura in atto per il supe­ra­mento dei sei mani­comi cri­mi­nali ope­ranti in Ita­lia. Tut­ta­via, la straor­di­na­rietà di un decreto legge è, costi­tu­zio­nal­mente, sino­nimo di impre­ve­di­bi­lità. Ed è arduo con­si­de­rare tale una sca­denza nota da tempo, ori­gi­na­ria­mente fis­sata al 2011 dalla riforma della sanità peni­ten­zia­ria, salvo slit­tare — di decreto legge in decreto legge — al 31 marzo del 2013, poi del 2014 e ora del 2015.

Non sarà l’ultimo rin­vio. Non ser­vono doti divi­na­to­rie per pre­dirlo: basta uno sguardo alla rela­zione mini­ste­riale al par­la­mento sull’attuazione dei pro­grammi regio­nali per il supe­ra­mento degli Opg. Del resto, la Con­fe­renza delle regioni auspi­cava un rin­vio più lungo, al 1° aprile 2017. Né la sca­denza ora fis­sata è messa in sicu­rezza dalla pos­si­bi­lità per il governo di sosti­tuirsi alle regioni ina­dem­pienti: quel mec­ca­ni­smo era già nel pre­ce­dente decreto legge, ma non ha impe­dito il rin­vio che oggi regi­striamo. Cam­biano i fat­tori: il ritardo dei decreti inter­mi­ni­ste­riali neces­sari ad avviare i pro­grammi regio­nali, la len­tezza di talune regioni sulla tabella di mar­cia, i tempi biblici per le pro­ce­dure di gara e la rea­liz­za­zione delle nuove strut­ture. Ma il risul­tato è sem­pre lo stesso.

È un risul­tato che pone ulte­riori pro­blemi di costi­tu­zio­na­lità, per­ché le con­di­zioni cui costrin­giamo gli inter­nati in Opg sono inu­mane e degra­danti. E lo sap­piamo tutti, da quando la sera del 20 marzo 2011 Ric­cardo Iacona ha fatto entrare nelle nostre case, senza fil­tri e media­zioni, l’orrore medioe­vale della vita quo­ti­diana in Opg. Quel fil­mato è agli atti della Com­mis­sione par­la­men­tare d’inchiesta sul Ser­vi­zio sani­ta­rio nazio­nale della scorsa legi­sla­tura. Il regi­sta Fran­ce­sco Cor­dio ne ha tratto un film (Lo Stato della fol­lia) che ci costringe a guar­dare ciò che non vogliamo vedere.

Invero, da molto tempo, chi doveva e voleva sapere, poteva. Quella realtà, infatti, era stata denun­ciata dal Com­mis­sa­rio euro­peo per i diritti umani nel giu­gno 2005 e dal Comi­tato di pre­ven­zione della tor­tura nel set­tem­bre 2008. Ma già prima, nella XI Legi­sla­tura, la Com­mis­sione sanità del senato aveva segna­lato la grave dege­ne­ra­zione delle con­di­zioni degli Opg.

Eppure la dignità del sog­getto inter­nato non è bene sacri­fi­ca­bile, nep­pure in nome di esi­genze di tutela della col­let­ti­vità, come si legge nella giu­ri­spru­denza costi­tu­zio­nale. Da qui i rei­te­rati moniti della Con­sulta alle camere sulla neces­sità di supe­rare la deten­zione mani­co­miale: prima ina­scol­tati, ora poster­gati.
Chi cono­sce quella giu­ri­spru­denza sa anche sve­lare l’altra (finta) novità dell’ultimo decreto legge, lad­dove con­sente ai giu­dici di disporre l’internamento in Opg solo in assenza di altre misure ido­nee allo scopo. È una facoltà già pre­sente nei codici, impo­sta pro­prio da una serie di pro­nunce costi­tu­zio­nali. Anche per que­sta parte, dun­que, il decreto legge rici­cla come nuove norme già vigenti, per nascon­dere meglio ciò che in realtà è: lo spo­sta­mento in avanti di una sca­denza costi­tu­zio­nal­mente doverosa.

Quel decreto è, dun­que, una resa senza con­di­zioni. Siamo costretti a leg­gere ancora una volta in Gaz­zetta Uffi­ciale che l’Italia non è in grado di fare fronte ai biso­gni di circa mille inter­nati. Molti dei quali, peral­tro, dismis­si­bili per­ché non più social­mente peri­co­losi. Eppure ancora rin­chiusi, per­ché la fami­glia d’origine o le strut­ture sani­ta­rie ter­ri­to­riali non sono in grado di pren­dere in carico chi pure dall’Opg avrebbe tutto il diritto di uscire.

Così facendo, però, è la Costi­tu­zione ad essere vio­lata. Per­ché trat­te­nerlo signi­fica inflig­ger­gli una ingiu­sti­fi­cata deten­zione, negar­gli il diritto alla cura più ade­guata al suo stato di salute, riser­var­gli un trat­ta­mento gra­ve­mente dete­riore rispetto ai comuni malati di mente. Tra il 2010 e il 2012, le dimis­sioni dagli Opg hanno cono­sciuto un signi­fi­ca­tivo incre­mento. Eppure non basta, spe­cie se il futuro ci riser­verà l’ennesimo rin­vio. Ecco per­ché è neces­sa­rio — come pro­pone Anti­gone — inve­stire su que­sto fronte parte dei fondi stan­ziati per la rea­liz­za­zione delle nuove strut­ture, com­ple­tando quanto già la legge n° 9 del 2012 pre­ve­deva si dovesse fare «senza indugio».

Supe­rare gli Opg è costi­tu­zio­nal­mente neces­sa­rio. Si doveva fare prima. Si poteva fare meglio, per­ché la vera fol­lia giu­ri­dica è nella misura di sicu­rezza dell’internamento in mani­comi cri­mi­nali (e in que­gli altri buchi neri chia­mati case di lavoro e colo­nie agri­cole). Quando final­mente verrà supe­rata que­sta oscena ere­dità del codice Rocco, sarà sem­pre troppo tardi.


Tags assigned to this article:
OPGospe­dali psi­chia­trici giu­di­ziari

Related Articles

Amnistia e libertà , la marcia radicale parte dal carcere

ROMA – Non si sarebbe potuto scegliere un luogo più simbolico di Regina Coeli per collegare la «Seconda marcia per l’amnistia, la giustizia e la libertà » alla festa di commemorazione per la Liberazione dal nazifascismo.

“La casa ce la prendiamo da soli!”. Uno tsunami per il diritto all’abitare travolge la capitale

E’ stato un week end caldo a Roma: 9 occupazioni abitative per 700 nuclei di sfrattati, migranti, pensionati e precari. Ma anche uno studentato occupato, un nuovo spazio pubblico e azioni simboliche. Domani in corteo per reclamare il Piano Case

Addio caro Sergio Finardi

Sergio Finardi era un teorico di logistica militare e di commercio di armamenti, storico collaboratore del manifesto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment