Si suicida il capo della security di Telecom, collaboratore di Tavaroli

Si suicida il capo della security di Telecom, collaboratore di Tavaroli

Un uomo si è suicidato a Roma lanciandosi dal terrazzo del palazzo della sede di Telecom Italia, a Parco De Medici, a Roma. Si tratta di Emanuele Insinna, 54 anni, capo della sezione Security e in passato stretto collaboratore di Giuliano Tavaroli, ma mai coinvolto nell’inchiesta sulle intercettazioni che aveva avuto proprio Tavaroli tra i protagonisti principali.
Restano da chiarire i motivi del gesto. Sul luogo sono al lavoro i Carabinieri. Inevitabile il ricordo di quanto accaduto nel luglio 2006, quando Adamo Bove, 42 anni, ex poliziotto e responsabile della Security governance di Telecom parcheggiò la sua auto sul cavalcavia di via Cilea, nel quartiere del Vomero, a Napoli e si lanciò morendo sul colpo. In quel caso il dirigente era indagato per violazione della privacy.
In questo caso, Insinna non avrebbe lasciato alcun biglietto d’addio per spiegare i motivi dell’estremo gesto, ma secondo quanto si è appreso, tuttavia, si era separato recentemente dalla moglie e non è quindi escluso che questo episodio possa averlo portato a uno stato di depressione.



Related Articles

Pandemia, l’impotenza delle Nazioni Unite

Purtroppo, sul fronte della lotta contro la pandemia di Covid-19, fa premio il credo di chi predica money first, market first, stakeholders first

Firenze. Il sottosuolo era già saturo. Crollo verticale di tremila metri cubi di terra

I tubi troppo vecchi e usurati Quella «fascia» nella notte che non ha tappato la falla. Le responsabilità di Publiacqua

Il dottore è ammalato. S&P taglia il rating al «fondo salva-stati»

Il colpo di scena era in qualche modo atteso. Ma fa comunque effetto. L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha tagliato il voto dell’European Financial Stability Facility (Efsf); da AAA a ‘AA+.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment