«Sicurezza» e «normalità»: al Front National le periferie

Il Front Natio­nal con­qui­sta i Quar­tieri nord di Mar­si­glia, la più grande peri­fe­ria popo­lare del paese
Quando, poco meno di vent’anni fa, una gior­na­li­sta volle dare un volto alla minac­cia che pesava sulla Fran­cia, scelse la zona dei Quar­tieri nord di Mar­si­glia per rac­con­tare come il Front Natio­nal stesse met­tendo radici nelle peri­fe­rie popolari.

Fu così che Anne Tri­stan passò sei mesi, nasco­sta die­tro un nome falso, in una sezione fron­ti­sta. Il risul­tato di quell’inchiesta, per molti versi anti­ci­pa­trice, Au Front (Gal­li­mard, 1987), è oggi con­si­de­rato alla stre­gua di un «clas­sico». «Il Front — scri­veva Tri­stan — è come un albergo dove chiun­que entra con la pro­pria rivolta, il pro­prio ran­core, la pro­pria rab­bia. Un risen­ti­mento che, aiz­zato da mili­tanti esperti, si tra­sforma in un vero mare di odio».

Oggi è pro­prio da quell’area di Mar­si­glia che arriva il segnale forse più inquie­tante dell’intera tor­nata elet­to­rale: la vit­to­ria del can­di­dato del Ras­sem­ble­ment bleu Marine, la sigla gemella del Fn, Sté­phane Ravier nel 7° set­tore della metro­poli medi­ter­ra­nea che riu­ni­sce gran parte dei Quar­tieri Nord e oltre 150 mila abi­tanti. E non si tratta dell’unica affer­ma­zione «sociale» dell’estrema destra. Cyril Nauth e Fabien Engel­mann, quest’ultimo ex sin­da­ca­li­sta della Cgt pas­sato con Le Pen, hanno espu­gnato rispet­ti­va­mente Man­tes la Ville, città ope­raia delle Yve­li­nes, vicino Parigi, e il cen­tro side­rur­gico della Mosella di Hayange.

Il suc­cesso di Ravier è però senza dub­bio quello più signi­fi­ca­tivo. Gra­zie a que­sta vit­to­ria, il Fn avrà infatti lo stesso numero di eletti del Ps, 20, alla mai­rie di Mar­si­glia, dopo la deba­cle del can­di­dato della gau­che Patrick Men­nucci di fronte al padre-padrone della destra Jean-Claude Gaudin.

Ma è soprat­tutto il carat­tere sim­bo­lico di que­sta con­qui­sta che balza agli occhi. Costruiti su una col­lina, a stram­piombo sulla zona del porto indu­striale, i Quar­tieri nord domi­nano il cen­tro della città, rap­pre­sen­tano una peri­fe­ria «calda» con vista sulla Cane­bière, il cuore ele­gante e turi­stico della città. Qui un tempo vive­vano soprat­tutto le fami­glie ope­raie e quelle dei «camalli» locali — la Mar­si­glia rac­con­tata nei film di Gué­di­guian -, poi, dagli anni Ses­santa, sono sorti gli immensi edi­fici di «sbarre e torri» desti­nati ad acco­gliere l’immigrazione dell’Africa e del Maghreb.

Inquie­tanti agglo­me­rati di edi­li­zia popo­lare dai nomi fan­ta­siosi come La Castel­lane o Fonte Verde. Nomi gio­cosi che vor­reb­bero far dimen­ti­care che da que­ste parti la disoc­cu­pa­zione è quasi tre volte quella del resto della città, il 27% o che il peso dell’economia cri­mi­nale è tale che le gang rego­lano alla luce del sole le loro con­tro­ver­sie a colpi di kala­sh­ni­kov, una tren­tina i morti solo lo scorso anno.

Per Sté­phane Ravier, 44 anni, tes­sera Front Natio­nal da vent’anni ma nonno di sim­pa­tie comu­ni­ste e geni­tori ope­rai, lui stesso è pas­sato da un impiego alla Posta alla società di tele­fo­nia Orange, «nor­ma­lità» e «sicu­rezza» sono diven­tate le parole magi­che. Di fronte agli scan­dali a ripe­ti­zione che in città hanno col­pito sia l’Ump che il Ps e all’escalation cri­mi­nale nelle cité popo­lari, il can­di­dato fron­ti­sta ha chie­sto che fos­sero tri­pli­cati gli effet­tivi delle forze dell’ordine, ma ha anche evo­cato l’immagine della «Mar­si­glia di un tempo, dove si viveva tran­quil­la­mente», cor­teg­giando non solo i «pic­coli bian­chi», ma anche le gene­ra­zioni più vec­chie di immi­grati, con­trap­po­sti ai gio­vani vio­lenti e «sel­vaggi» respon­sa­bili, a suo dire, del traf­fico di droga che avve­lena la città.

Que­sto, anche se il pro­gramma su cui è stato eletto pre­vede un taglio dra­stico ai finan­zia­menti pub­blici a «tutte le asso­cia­zioni immi­gra­zio­ni­ste». A rega­lar­gli la vit­to­ria nei Quar­tieri nord è stata cer­ta­mente anche la xeno­fo­bia mon­tante nel paese, per­fino in que­sta città così metic­cia, ma anche un rifiuto gene­ra­liz­zato della «poli­tica tra­di­zio­nale». Al punto che agli inviati dei mag­giori quo­ti­diani nazio­nali, qual­che abi­tante di ori­gine alge­rina della zona ha spie­gato can­di­da­mente: «Abbiamo pro­vato con il Ps e con l’Ump ma non ha fun­zio­nato, per­ché non dovremmo pro­vare anche con il Front National?».


Tags assigned to this article:
elezioni francesiFront NationalUmp

Related Articles

Napoli. La rivolta degli schiavi bengalesi

Napoli. Lavorano 14 ore al giorno per pochi soldi, sfruttati per fare abiti per griffe italiane. Un gruppo di «sarti» ha trovato coraggio e denunciato il datore di lavoro

In Grecia scoppia la rivolta delle fragole “Sporche di sangue, non compratele”

 I padroni dei campi sparano ai dipendenti immigrati: parte il boicottaggio   

Hong Kong, Carrie Lam ritira la legge sull’estradizione in Cina

Non si fermano le proteste nell’ex colonia britannica. Era una delle «cinque richieste» dei manifestanti. Pechino smentisce di lavorare a un piano che prevede le dimissioni della chief executive Carrie Lam

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment