Attentato in Xinjiang, 31 morti

Dalla vasta regione che è il Xinjiang, nord ovest cinese, dovrà pas­sare il gas dopo l’accordo con la Rus­sia e la nuova via della seta, su cui sta lavo­rando ala­cre­mente il governo cinese. Ele­menti che por­te­ranno nuove ric­chezze in que­sta zona stra­te­gica, al con­fine della Cina con l’Occidente. Gli uih­guri, però, la mino­ranza musul­mana cinese, ne saranno fuori, o almeno così pensano.

La colo­niz­za­zione han (l’etnia mag­gio­ri­ta­ria in Cina, quelli che noi chia­miamo gene­ri­ca­mente «cinesi») ope­rata da Pechino li esclude dalla nuova ondata di busi­ness della fron­tiera occi­den­tale (e Xinjiang signi­fica pro­prio «Nuova Fron­tiera») e deter­mina anche un peg­gio­ra­mento dei loro diritti cul­tu­rali, lin­gui­stici e reli­giosi. Pro­prio que­ste derive di un pro­blema che è dun­que sociale, l’etnia, la reli­gione, sono ormai diven­tate il motivo sca­te­nante di rei­te­rati attac­chi con­tro le isti­tu­zioni cinesi, tanto da fare diven­tare la regione il «pro­blema interno» per eccel­lenza della Cina. Ieri un’esplosione a Urumqi, capo­luogo della regione, fan­ta­stica per i suoi pae­saggi e per il suo vivere di con­trad­di­zioni e diver­sità, ha pro­vo­cato almeno tren­tuno vit­time e cen­ti­naia di feriti.

L’evento non è nuovo e segue un periodo di ten­sione nell’area, che nelle scorse set­ti­mane aveva por­tato il pre­si­dente Xi Jin­ping nella regione, per lan­ciare il suo piano anti ter­ro­ri­smo. Almeno 232 per­sone sono state arre­state e stando a fonti locali, ci sareb­bero state mani­fe­sta­zioni sof­fo­cate dall’intervento della poli­zia. In una di que­ste, solo due giorni fa, la poli­zia avrebbe spa­rato. C’è un duplice pro­blema per Pechino al riguardo. Da un lato la diri­genza cinese prova da tempo a spin­gere negli ambiti inter­na­zio­nali per un rico­no­sci­mento di fatto del «ter­ro­ri­smo uighuro» e di un gruppo in par­ti­co­lare, il Movi­mento isla­mico del Turk­me­ni­stan orien­tale (Etim) con­si­de­rato alleato di Al Qaeda.

Dall’altro c’è un pro­blema più pro­fondo e che costringe la diri­genza cinese a un ragio­na­mento serio sulla capa­cità di con­qui­stare le fasce sociali che si sen­tono escluse dal pro­gresso eco­no­mico del paese. Nono­stante il lan­cio dello slo­gan del «nuovo sogno cinese», la Cina stenta a dare un’identità con­di­visa al pro­prio popolo; non si tratta certo di un pro­blema attuale, ma i rapidi cam­bia­menti eco­no­mici e sociali, hanno ripor­tato all’attualità la que­stione. Non è un caso che la regione xin­jia­nese sia quella più calda (insieme al Tibet, che ha invece nell’elemento reli­gioso un suo fat­tore deter­mi­nante). Lo svi­luppo cinese ha pri­vi­le­giato le zone orien­tali del paese, le prime aree «esclu­sive» da un punto di vista eco­no­mico, lasciando le lande occi­den­tali in balia di anti­che tra­di­zioni e dif­fi­coltà economiche.

La cam­pa­gna «go west» lan­ciata anni fa non ha ancora con­sen­tito una riap­pa­ci­fi­ca­zione e gli eventi di que­sti giorni ne dimo­strano la rile­vanza per la diri­genza cinese.



Related Articles

«Imbarcati con la forza, molti di noi sono morti schiacciati»

In 48 ore soccorse oltre 5.000 persone, allarme per un sospetto di malattia infettiva

Bambini schiavi nei campi di cacao Nestlé sotto accusa

Class action negli Stati Uniti. Nel mirino anche Mars e Hershey’s. L’azienda nega: contro i nostri principi

Il verdetto di Port Said

EGITTO Monta l’antiamericanismo con la visita di Kerry ma il Paese attende

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment