A Bologna una piazza rossa per Tsipras

A Bologna una piazza rossa per Tsipras

Una piazza Mag­giore densa, felice e colo­rata di rosso saluta festante Ale­xis Tsi­pras, men­tre scor­rono i titoli di coda di una diretta che esi­ste solo nei sogni di chi crede ancora alla demo­cra­zia tele­vi­siva. Par con­di­cio, chi era costei? Eppure, alla vigi­lia di un voto che inte­res­serà qual­che cen­ti­naio di milioni di cit­ta­dini euro­pei, sarebbe un buon modo per fare ser­vi­zio pub­blico. Per cer­care di rime­diare ai richiami della pur pru­den­tis­sima Auto­rità per le comu­ni­ca­zioni, di fronte al dilu­vio di Renzi-Grillo-Berlusconi su ogni canale, ad ogni ora del giorno e della notte. Anche solo per deru­bri­care a noti­zia curiosa e incon­sueta l’immagine, dav­vero rara per le tele­ca­mere ad alta defi­ni­zione, della sini­stra ita­liana che si ritrova com­patta in uno dei suoi luo­ghi sim­bolo. Inci­tando a un voto per un domani diverso e migliore: “Per­ché siamo a un bivio sto­rico per l’Europa — avverte Tsi­pras – e abbiamo una sola pos­si­bi­lità di evi­tare che l’austerità, da espe­ri­mento, diventi regime”.

Andrà rin­gra­ziato a lungo que­sto inge­gnere qua­ran­tenne dalla bella fac­cia pulita e le idee chiare: “Lo dipin­gono come un pazzo estre­mi­sta — segnala Bar­bara Spi­nelli — eppure un auto­re­vole com­men­ta­tore del Finan­cial Times ha scritto che Tsi­pras è uno dei pochi a par­lare di Europa in modo razio­nale”. Cono­sce anche la sto­ria di que­sta piazza: “Qui hanno par­lato Pal­miro Togliatti ed Enrico Ber­lin­guer — ricorda fra gli applausi di oltre 10mila mani­fe­stanti – e qui, oggi, ridiamo a Bolo­gna il suo colore rosso”. Troppo tardi? Forse no, se Anto­nella Bezzi, che era in piazza quando Car­melo Bene prese per mano la città dopo la strage fasci­sta alla sta­zione, que­sta notte resta addos­sata alle tran­senne a dispetto dell’età, e dice tutto d’un fiato: “Sì che mi è pia­ciuto, per­ché que­sto movi­mento nato intorno a Tsi­pras mi dà la pos­si­bi­lità di cre­dere di nuovo nella sini­stra. Dopo molti anni è la prima volta che sento un po’ di entu­sia­smo, e lui ha una fac­cia che ispira fidu­cia. E’ il ben­ve­nuto. Per­ché, con l’incazzatura che c’è a giro, è facile votare per Grillo”.

Al ban­chetto del mani­fe­sto rac­con­tano che sono stati ven­duti parec­chi libri e poche magliette. Per loro è il segno di una piazza più di mili­tanti che di curiosi. Le cen­ti­naia di ban­diere distri­buite a chi è venuto in pull­man dalla Toscana, dalla Lom­bar­dia e dalle altre città dell’Emilia Roma­gna danno il segno dell’organizzazione.

Ma ai lati del palco, ai tavo­lini dei bar e negli spazi più lon­tani e defi­lati ci sono bolo­gnesi di ogni età. Arri­vati dopo cena non per dare un’occhiata distratta e pas­sare via, ma rima­sti ad ascol­tare fino alla fine. Magari col­piti dal clima, da un’atmosfera che que­sta notte non ha l’odore della ritua­lità. Forse anche da un’osservazione, fra le tante, che porta in dono a Tsi­pras l’ennesimo applauso corale: “In tutta Europa, la sini­stra uni­sce il popolo del lavoro e della cul­tura”. Con­tro i fasci­smi: “Nell’Europa demo­cra­tica non c’è nes­suno spa­zio per Alba Dorata, per Forza Nuova, per Casa Pound”. E con­tro “un sistema che sta can­cel­lando il lavoro ma ha desti­nato un tri­liardo e mezzo di euro per sal­vare le ban­che. Un sistema che, come ha rac­con­tato in un libro l’ex mini­stro ame­ri­cano del tesoro Gei­th­ner, è riu­scito a sosti­tuire governi demo­cra­ti­ca­mente eletti con tec­no­crati, sia in Gre­cia che in Italia”.

Sullo stri­scione più bello della piazza c’è scritto: “Votiamo per la nostra vita”. Tsi­pras lo vede, e insi­ste: “Siamo a un bivio sto­rico, per que­sto chie­diamo a ogni cit­ta­dino di andare a votare. E le prime vit­time di que­sta crisi, i gio­vani e le donne, siano i primi che vanno a votare”. Per­ché, con una cita­zione di Anto­nio Gram­sci che non è messa lì per caso, attac­cata con un pezzo di scotch, ma invece coglie l’attimo: “L’indifferenza è il peso morto della sto­ria. La influenza pas­si­va­mente. Ma la influenza”.

Chiu­sura a pugni chiusi, con Bella Ciao e con i can­di­dati sul palco. C’è Moni Ova­dia, che strappa ancora un applauso con la bat­tuta ful­mi­nante: “Nel segreto dell’urna Renzi non ti vede, Ber­lin­guer sì”. Poi Paola Moran­din, Cur­zio Mal­tese, Fabio Amato, Nanni Alleva e gli altri. Com­preso l’operaio d’acciaio Mas­simo Lami, piom­bi­nese, il fra­tello di sini­stra di Mirco: “Lo vogliamo dire o no che in que­sto paese la accia­ie­rie stanno chiu­dendo per­ché non c’è uno strac­cio di poli­tica indu­striale? Chi le com­pra Taranto, Piom­bino, Terni? Nes­suno. Allora le deve pren­dere lo Stato, alla fac­cia della signora Mer­kel che ha detto che l’acciaio non deve più essere fatto in Ita­lia. Invece que­sti non si ren­dono conto che ci stanno mas­sa­crando, che si stanno per­dendo mille posti di lavoro ogni giorno”. Sem­bra far­gli eco Ale­xis Tsi­pras: “Que­sta è la pro­te­sta peri­co­losa per il sistema. Non quella di Beppe Grillo”. Appunto per que­sto non c’è la televisione.

tsipras bologna spinelli 16



Related Articles

Halter: “Si sono risvegliati nella violenza ma non abbiamo il diritto di offenderli”

Parla l’intellettuale franco-polacco: “La satira funziona quando è rivolta verso noi stessi”   

QUEL PROCLAMA EVERSIVO

IN UN attimo siamo riprecipitati al 1994. A quel famoso videomessaggio con cui Silvio Berlusconi decise di “scendere in campo”. Lo strumento è lo stesso, i toni analoghi, gli argomenti pure. L’ex presidente del consiglio con il suo discorso in televisione non ha voluto solo mettere in piedi una trincea difensiva rispetto alla sentenza della Corte di Cassazione.

Thyssen, processo da rifare L’ira dei parenti: “Codardi”

ROMA APPELLO da rifare, pene da rivedere. Ieri sera la Cassazione a sezioni unite ha annullato con rinvio le condanne

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment