Carceri, detenuti in calo ma non basta

In rela­zione all’articolo «Guerra di cifre sui dete­nuti» pub­bli­cato il 29 aprile mi per­metto alcune osser­va­zioni.
La Corte di Stra­sburgo nel gen­naio del 2012 con la sen­tenza Tor­reg­giani ha con­dan­nato l’Italia per trat­ta­mento inu­mano e degra­dante per­ché, all’inizio del 2012, almeno 17000 dete­nuti vive­vano in uno spa­zio minimo pari o infe­riore ai 3 metri qua­dri. La con­danna suona come una cen­sura alla poli­tica peni­ten­zia­ria nel Paese, con con­se­guenze, non irri­le­vanti, anche di natura eco­no­mica in rela­zione ai pos­si­bili risar­ci­menti a cui la Corte potrebbe con­dan­narci al ter­mine dell’anno con­cesso per pre­sen­tare un cre­di­bile piano d’azione. Per modi­fi­care que­sto stato di cose biso­gnava met­tere mano a una riforma sostan­ziale dell’attuale regime peni­ten­zia­rio, ma, con­te­stual­mente, come asso­luta neces­sità, anche aumen­tare lo spa­zio di frui­bi­lità per sin­golo dete­nuto, e farlo in fretta nell’imminenza della sca­denza del mag­gio 2014.

Della dif­fi­coltà degli inter­venti da ope­rare, l’Amministrazione era, ed è, ben con­sa­pe­vole, ma si è cer­cato di uti­liz­zare quella sen­tenza come occa­sione di cam­bia­mento. Ci siamo fatti forza del mes­sag­gio del Pre­si­dente Napo­li­tano, ci hanno age­vo­lato le riforme varate dal Par­la­mento, abbiamo avuto la pos­si­bi­lità di disporre di nuovi isti­tuti. È stato un lavoro in col­la­bo­ra­zione costante con le altre isti­tu­zioni, e da parte nostra, avendo a dispo­si­zione risorse limi­tate, abbiamo dovuto chie­dere, e lo abbiamo otte­nuto, un impe­gno senza pre­ce­denti a tutto il nostro personale.

Credo che un primo obiet­tivo sia stato rag­giunto, le leggi varate negli ultimi due anni hanno por­tato alla dimi­nu­zione degli ingressi in car­cere e a un aumento delle misure alter­na­tive, per cui il numero delle pre­senze è calato, in un anno, da 66.000 circa alle 59.717 attuali, e il dato è in calo, per­met­tendo di azze­rare le situa­zioni cri­ti­che al di sotto dei tre metri qua­dri. Basta que­sto? Per evi­tare la con­danna a Stra­sburgo pos­siamo dire di essere mode­ra­ta­mente otti­mi­sti, ma, pre­ve­nendo obie­zioni, chia­ri­sco: il sovraf­fol­la­mento permane.

A fronte di 59.717 dete­nuti pre­senti, abbiamo a dispo­si­zione solo 44.369 dei 49.131 posti esi­stenti nei nostri isti­tuti, 4.762 non risul­tano agi­bili e stiamo cer­cando di recu­pe­rarli con inter­venti di manu­ten­zione nono­stante la scar­sezza delle risorse. Que­sti i dati reali, veri­fi­ca­bili in ogni momento e, d’altronde, mi chiedo, che inte­resse avremmo a dare cifre alte­rate? Potremmo, forse, ingan­nare l’opinione pub­blica, non certo la Corte di Strasburgo.

E, sull’argomento della loro pub­bli­cità, vor­rei ten­tare di chiu­dere una pole­mica insorta con gli amici di Anti­gone. Rico­no­sco che la nota dira­mata in peri­fe­ria, con cui si ripor­tava al Dipar­ti­mento la com­pe­tenza a for­nire i dati, poteva gene­rare equi­voci, ma se nel con­tempo non è stata mai negata una sola auto­riz­za­zione all’ingresso negli isti­tuti, a loro come ad altre asso­cia­zioni, ai gior­na­li­sti, come si può ipo­tiz­zare un intento censorio?

I dati devono essere sot­to­po­sti a con­ti­nuo vaglio non potendo più ammet­tersi appros­si­ma­zioni o con­trad­dit­to­rietà, per cui è essen­ziale che sia un’unica fonte a for­nirli e que­sta fonte non può che essere l’organo centrale.

Un’ultima con­si­de­ra­zione, la vera sfida non è evi­tare la con­danna di Stra­sburgo o limi­tarsi ad aumen­tare i metri qua­dri a dispo­si­zione del dete­nuto nella cella, bensì inci­dere sul regime peni­ten­zia­rio per ade­guarlo ai pre­cetti costi­tu­zio­nali. Lo sap­piamo e su que­sto si è appena ini­ziato a ope­rare nel verso giu­sto, ideando la rea­liz­za­zione di cir­cuiti regio­nali e dif­fe­ren­ziando gli isti­tuti, cer­cando di ripor­tare la cella a mero luogo di per­notto con il pro­lun­ga­mento dell’orario di per­ma­nenza all’aperto, incre­men­tando le atti­vità trat­ta­men­tali, aumen­tando gli orari dei col­lo­qui, le atti­vità spor­tive, ma il più, con one­stà, è ancora da realizzare.

Noi man­te­niamo tutto il nostro impe­gno, ma è fon­da­men­tale che l’attenzione mostrata dalle altre isti­tu­zioni e dalla società esterna non ven­gano meno, per­ché l’Amministrazione peni­ten­zia­ria da sola non può creare nulla, il car­cere, così, rimar­rebbe con­fi­nato nel limbo di sé stesso. La spe­ranza è che le siner­gie di oggi vadano oltre l’emergenza, diven­tino sistema. Solo così Stra­sburgo si tra­sfor­merà da un momento amaro per il nostro Paese a una rag­giunta occa­sione di riscatto.

* vice­di­ret­tore del Dap



Related Articles

Lo scandalo Oxfam e il rischio della degenerazione delle ONG

Penny Mordaunt, ministra britannica per la Cooperazione Internazionale, definisce un «fallimento morale» lo scandalo sessuale che ha investito l’organizzazione non governativa Oxfam

L’ultimo rapporto sul lavoro: irregolare un’azienda su due

Verso l’Agenzia unica. Boom del lavoro nero, specie in agricoltura. Martedì il decreto. La Cgil: i controlli caleranno, è il sogno di Sacconi

Sono 590 mila i giocatori d’azzardo problematici

Ricerca realizzata dall’Università La Sapienza di Roma e da Ipsos. Il risultato è che i giocatori problematici sono l’1,65% della popolazione italiana, in aumento rispetto al 2008 (erano l’1,27%). Vivono soprattutto al nord est e in centri con più di 250 mila residenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment