Caso Scajola, indagati anche i figli di Fanfani

Caso Scajola, indagati anche i figli di Fanfani

REGGIO CALABRIA — Si allunga la lista degli indagati nell’inchiesta della Procura di Reggio Calabria che ha portato in carcere l’ex ministro Claudio Scajola, accusato di «essersi adoperato per favorire la latitanza» dell’ex deputato di Forza Italia, l’armatore Amedeo Matacena. I magistrati della Dda hanno iscritto nel registro degli indagati i fratelli Cecilia e Giorgio Fanfani (figli di Amintore), Maria Teresa Scajola (sorella di Claudio), Emo Danesi, Daniele Santucci (presidente dell’Agenzia italiana per pubbliche amministrazioni e socio di Pier Carlo Scajola, figlio dell’ex ministro), Giovanni Morzenti, ex presidente della Federazione italiana sport invernali, Pierluigi Bartoloni e Giuseppe Speziali, il padre di Vincenzo, la persona cui si sarebbe rivolto Scajola per tentare di far arrivare in Libano il latitante Matacena. Tutti sarebbero legati da vincoli d’amicizia e soprattutto d’affari sia con l’ex ministro che con Matacena. L’accusa per loro è quella di aver aiutato l’armatore reggino a sottrarsi alla cattura e rischiano una condanna da tre mesi a cinque anni.
Ma c’è un nuovo personaggio apparso sulla scena di questa inchiesta con un ruolo che la Dia di Reggio Calabria, guidata dal colonnello Ardizzone, sta cercando di definire. È l’avvocato reggino Paolo Romeo, ex parlamentare del Psdi, ex presidente della commissione di Vigilanza Rai, condannato in passato a sei anni per associazione mafiosa. Il suo nome viene associato a quello dell’ex deputato forzista Matacena anche in un’inchiesta della Procura di Catanzaro che si occupò di presunti legami tra ‘ndrangheta e istituzioni e che coinvolse politici europei, nazionali e regionali. Un cartello di «invisibili» che aveva come scopo quello di delegittimare alcuni magistrati antimafia. All’epoca Matacena e Romeo finirono in carcere, insieme al direttore del periodico Il dibattito Francesco Gangemi, mentre il sottosegretario alla Giustizia Giuseppe Valentino fu iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di associazione a delinquere di tipo mafioso. Ieri intanto si è svolto l’interrogatorio di garanzia per Raffaella De Carolis, madre di Matacena, finita anche lei sotto inchiesta per avere tentato di «schermare» i beni del figlio. La donna, 74 anni, agli arresti domiciliari, ha risposto alle domande del gip Olga Tarzia negando ogni suo coinvolgimento: «Non ne sapevo nulla delle società intestate ai Matacena».
È slittato invece a venerdì prossimo l’interrogatorio di Scajola davanti ai pubblici ministeri di Reggio Calabria. Ieri il Viminale, dopo un’inchiesta interna, ha accertato che l’ex ministro ha utilizzato il telefonino del ministero sino a maggio del 2012 (due anni prima si era dimesso dal dicastero dello Sviluppo economico). Dopo quella data Scajola usufruì di una scheda propria. Rispondendo a chi gli domandava se fosse a conoscenza della vicenda, il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha risposto: «Non ho l’elenco di tutti i telefonini intestati al Viminale».
Carlo Macrì



Related Articles

L’Europa ancora in prima linea

l’Europa viene di nuovo tra­sfor­mata dagli Stati uniti tra­mite la Nato in prima linea del con­fronto Ovest-Est, con la col­la­bo­ra­zione delle oli­gar­chie poli­ti­che ed eco­no­mi­che euro­pee

Paolo Becchi, dichiarazioni shock: “Non lamentiamoci se qualcuno prende i fucili”

Paolo Becchi, dichiarazioni shock: "Non lamentiamoci se qualcuno prende i fucili" Paolo Becchi

È polemica sulle dichiarazioni del filosofo, considerato l’ideologo del Movimento 5 stelle: “Hanno messo un altro banchiere all’economia”. Reazioni da Pd e Pdl: “Dichiarazioni sconcertanti”, “posizione fuori dal mondo”. Richiesta a Grillo di dissociarsi

La riconquista del Monte del Tempio

Ad ince­diare il clima, ma pochi all’estero sem­brano ren­der­sene conto, sono anche i blitz dell’esercito israe­liano nei campi pro­fu­ghi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment