Galassia Tsipras, dalla “periferia” soffia il vento dell’alternativa

Un dato è certo: nel nuovo Euro­par­la­mento il gruppo più a sini­stra nell’emiciclo (Gue/Ngl) sarà molto più grande che nella legi­sla­tura pre­ce­dente. In una tor­nata elet­to­rale con­trad­di­stinta dall’avanzata dei popu­li­sti xeno­fobi, il risul­tato della « galas­sia Tsipras » rende il qua­dro un po’ meno fosco. Un fatto poli­tico che i media main­stream ten­dono con­sa­pe­vol­mente a occul­tare, o a fal­si­fi­care met­tendo destra e sini­stra alter­na­tiva nello stesso sacco euro­scet­tico. Ma che è neces­sa­rio tenere in con­si­de­ra­zione, per molte ragioni, tra le quali una delle più impor­tanti è che tale dato per­mette di capire meglio il clima poli­tico nei Pigs, i Paesi sot­to­po­sti – in varia misura – ai «piani di sal­va­tag­gio» tar­gati troika (Com­mis­sione Ue, Bce, Fmi).

Il vento della sini­stra, infatti, sof­fia deci­sa­mente dalla «peri­fe­ria»: la dele­ga­zione più nume­rosa (in ter­mini asso­luti) del gruppo sarà quella spa­gnola (10 mem­bri), seguita da quella greca (8). E se si con­si­dera la quan­tità di depu­tati in rela­zione alla popo­la­zione, spicca l’exploit degli irlan­desi (4 sul totale di 11), e va regi­strata la buona per­for­mance por­to­ghese (3 su 21). La rispo­sta all’austerità, dun­que, non arriva da destra, ma da quelle forze che si sono bat­tute negli ultimi anni con­tro il mas­sa­cro dei diritti sociali. Con ecce­zione del Por­to­gallo, alla cre­scita delle sini­stre di oppo­si­zione cor­ri­sponde un arre­tra­mento dei socia­li­sti, spesso e volen­tieri arte­fici insieme ai con­ser­va­tori dei dise­gni neo­li­be­rali orche­strati da Bru­xel­les, Fran­co­forte (e Ber­lino): cla­mo­roso è il già notis­simo caso greco, ma signi­fi­ca­tivo appare anche l’indebolimento del Psoe in Spagna.

Nei Paesi cen­trali dell’Unione, Ger­ma­nia e Fran­cia, le forze della sini­stra alter­na­tiva hanno sostan­zial­mente man­te­nuto le posi­zioni che ave­vano: la Linke (al 7,4%) manda 7 depu­tati a Stra­sburgo, il Front de Gau­che (al 6,3%) ne invia 4. La guida della resi­stenza all’austerità è dun­que appan­nag­gio delle «peri­fe­rie», ma la forza – in ter­mini asso­luti – della Linke con­sente di man­te­nere un equi­li­brio «centro-periferia» neces­sa­rio a far sì che la cri­tica alle poli­ti­che domi­nanti non assuma toni da cro­ciata «anti-tedesca». Gli assetti di potere nella Ue potranno essere alte­rati dav­vero solo dalla spinta delle sini­stre «peri­fe­ri­che», quella greca in testa, ma l’alternativa alle attuali poli­ti­che non potrà fare a meno del con­tri­buto delle «vit­time della crisi» che abi­tano nume­rose anche il Paese geo-economicamente domi­nante, la Ger­ma­nia. Strati sociali che la Linke rie­sce, anche se con fatica, a rappresentare.

Le forze che, dopo que­sto voto, com­por­ranno il Gruppo della Sini­stra unitaria/Sinistra verde nor­dica (è que­sto il signi­fi­cato per esteso di Gue/Ngl) sono omo­ge­nee nel loro rifiuto dell’austerità e dell’Europa della tec­no­cra­zia, ma diverse per sto­ria, pro­filo ideo­lo­gico, e forma orga­niz­za­tiva — e per il det­ta­glio non tra­scu­ra­bile che non tutte sono inqua­drate nel Par­tito della Sini­stra europa (Se) di Tsipras. Oltre alla dif­fe­renza che è inscritta nel nome del gruppo (la «Sini­stra verde nor­dica» com­prende, ad esem­pio, il Ps olan­dese, anch’esso pre­miato dalle urne), va con­si­de­rato che nella «Sini­stra uni­ta­ria» con­vi­vono forze che vogliono «un’altra Ue» insieme a orga­niz­za­zioni che cri­ti­cano alla radice il pro­cesso d’integrazione. Spesso, come nel caso di Gre­cia e Por­to­gallo, si tratta di par­titi diversi dello stesso Paese: le tesi sull’Ue di Syriza (al 26%) non sono quelle dei comu­ni­sti orto­dossi del Kke (6%), e lo stesso vale per il Bloco de Esquerda (4,6%) e il Pcp (12,7%). Punti di vista distinti (e tal­volta distanti) che si ritro­vano nelle varie cor­renti di Izquierda unida, della Linke e del Pcf. Forze che, per­tanto, sono inte­res­sate a man­te­nere «unito nelle dif­fe­renze» il Gue.

Cifre defi­ni­tive sulla con­si­stenza di cia­scun gruppo par­la­men­tare ancora non ci sono, per­ché di molti neoe­letti ancora non si cono­sce l’affiliazione: la com­pe­ti­zione per diven­tare terza forza a Stra­sburgo è, dun­que, ancora aperta. Oltre al con­tri­buto ita­liano — spe­rato ma in dub­bio fino all’ultimo — a fare vin­cere la meda­glia di bronzo alla sini­stra potreb­bero rive­larsi deci­sivi, alla fine, gli spa­gnoli di «pode­mos», l’autentica sopresa del voto ibe­rico di dome­nica (8%). Dei 10 depu­tati in arrivo dalla Spa­gna, la metà sono loro: com­bat­tivi indi­gna­dos che nel giro di pochi mesi, sotto l’abile regia del gio­vane poli­to­logo e mediat­ti­vi­sta Pablo Igle­sias, hanno costruito — pre­va­len­te­mente attra­verso la rete — un capo­la­voro politico.

Forti del risul­tato acqui­sito, i par­titi che for­mano il Gue/Ngl dovranno ora porsi il dif­fi­cile pro­blema di riu­scire a pene­trare nella terra inco­gnita dell’Europa centro-orientale che fu real­so­cia­li­sta: le sfide del futuro si chia­mano Polo­nia, Unghe­ria e Romania.



Related Articles

Obama strappa l’accordo sul bilancio ma i liberal insorgono: “Troppi tagli”

La mediazione ha consentito di evitare il blocco di tutto l’apparato dello stato

I risultati definitivi delle primarie

I risultati definitivi delle primarie messi in ordine provincia per provincia, regione per regione

Chi chiede le riforme e non le vuole

È imploso il Pdl, con la formazione di nuovi gruppi parlamentari. Letta ha trionfalmente affermato che dalla scissione il governo esce più forte, sostenuto da una maggioranza numericamente ridotta, ma più coesa. Un vero paradosso: la frantumazione produce stabilità e governabilità. Dubitiamo che Ncd sia per il premier un compagno meno riottoso.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment