Grillo e Farage, i campioni della democrazia

Grillo e Farage, i campioni della democrazia

In que­ste gior­nate post-elettorali, la fre­quen­ta­zione del Blog di Beppe Grillo mette di buon umore e ricon­ci­lia con la vita. Citiamo per primo un incre­di­bile post, «Grillo non si deve dimet­tere!», in cui ci si scap­pella davanti al lea­der e si respinge l’ipotesi di un suo passo indie­tro. Un altro post in cui si cele­bra il mitico Di Maio «poli­tico dell’anno». E poi incen­sa­menti dei gior­na­li­sti amici e spe­ri­co­late ana­lisi vir­tuali delle ele­zioni euro­pee, da cui si deduce, appog­gian­dosi all’autorevole tra­smis­sione Le iene che, se aves­sero votato tutti gli aventi diritto, il M5S sarebbe il primo par­tito in Ita­lia con più del 40% dei voti. Più che un organo della gente one­sta e dei nuovi rivo­lu­zio­nari, il Blog ricorda lo stile comu­ni­ca­tivo di Ceausescu.

E ora ecco un altro docu­mento, postato ieri sul Blog e chia­ra­mente steso dalla Casa­leg­gio e Asso­ciati, che pro­clama la «verità» su Nigel Farage, con cui Beppe si è magni­fi­ca­mente inteso a Bru­xel­les. In base allo sta­tuto del suo par­tito, l’Ukip, il bril­lante poli­tico inglese viene pre­sen­tato come un cam­pione della libertà e della demo­cra­zia. L’Ukip è con­tra­rio al domi­nio tede­sco sull’Europa. È per la difesa dei valori nazio­nali e si oppone alla buro­cra­zia euro­pea. È con­tro le guerre di Came­ron e sim­pa­tizza per Putin. Nel suo sta­tuto non si fa cenno a ses­si­smo o xeno­fo­bia. Può espel­lere i mem­bri che vio­lano la legge. Insomma, si direbbe che, per un mira­colo della sto­ria, al di là della Manica sia nato e affer­mato una spe­cie di M5S inglese, con cui quello nostrano non vede l’ora di allearsi per con­qui­stare l’Europa.

Grillo ignora alcuni aspetti poco “gradevoli” dell’Ukip
Pec­cato però che il docu­mento ignori alcuni aspetti poco gra­de­voli dell’Ukip (almeno agli occhi dei soste­ni­tori del M5S che si pen­sano di sini­stra): che il par­tito è nato da una scis­sione a destra dei con­ser­va­tori; che è iper-liberista, favo­re­vole a una ridu­zione della spesa sani­ta­ria e a una mora­to­ria sull’immigrazione, con­tra­rio ai matri­moni gay e ai con­trolli del riscal­da­mento glo­bale, defi­niti più o meno come «com­plotti comu­ni­sti» delle Nazioni Unite. Quanto al ses­si­smo o alla xeno­fo­bia, più che rifarsi allo sta­tuto dell’Ukip, il docu­mento di Grillo, o chi per lui, avrebbe dovuto citare le innu­me­re­voli gaffe anti-gay o anti-immigrati di Farage e degli altri leader.

In poche parole, l’Ukip di Farage è un par­tito iper-conservatore, para­go­na­bile sia nel pro­gramma, sia nello stile, alla destra repub­bli­cana Usa (com­preso l’isolazionismo). Che non abbia voluto allearsi, per il momento, alla Lega o a Marine Le Pen, cioè a movi­menti espli­ci­ta­mente xeno­fobi, è un segno dell’abilità poli­tica di Farage e non certo del suo spi­rito ecu­me­nico o tollerante.

Tutto que­sto ci porta a una valu­ta­zione della linea di Grillo-Casaleggio dopo la bato­sta del 25 mag­gio. Con un occhio all’enormità delle asten­sioni (42% in Ita­lia e 57% in media in Europa, con pic­chi dell’80% in Slo­vac­chia ecc.) e al suc­cesso degli euro­scet­tici, gli stra­te­ghi del M5S devono aver pen­sato che il bacino dell’elettorato di destra è enorme e pro­met­tente. Il radi­ca­li­smo anti-Ue non può che pagare di più in futuro e per­met­tere di recu­pe­rare le per­dite del 25 mag­gio. D’altronde, solo i fana­tici hanno potuto igno­rare quanto Grillo sia sem­pre stato con­ser­va­tore, cioè di destra, in tema di immi­gra­zione, car­ceri, giu­sti­zia e così via. E ora il suo eco­lo­gi­smo può anche andare in sof­fitta, vista la pro­met­tente alleanza con Farage.

Tutto ciò è nor­male e pre­ve­di­bile. Più inquie­tante è che ci siano tanti che con­si­de­rano il M5S iper-democratico e magari di “sini­stra”. Facendo alleanze con chi gli pare, accom­pa­gnato solo da un ram­pollo della fami­glia Casa­leg­gio, Grillo ha dimo­strato a tutti in che conto tenga la demo­cra­zia, reale o vir­tuale che sia. Ognuno vale uno, ma Grillo e Casa­leg­gio deci­dono per tutti.


Tags assigned to this article:
Beppe GrilloCasaleggioFarageM5SUkip

Related Articles

Economia, Monti pensa all’interim e per il Welfare spunta Dell’Aringa

Il ministro della Giustizia scelto tra gli ex della Consulta. Ancora da definire le caselle di Interno e vicepresidenza. I “politici” Letta e Amato più lontani 

Tav, è allarme polveri chimiche

Val Susa. Nelle aree vicine ai cantieri della Tav rilevati forti aumenti dell’inquinamento

Boko Haram rapisce la moglie del vicepremier del Camerun

Ieri gli islamisti che infiammano il Nordest della Nigeria con migliaia di morti hanno attraversato il confine con il Camerun e hanno rapito la moglie del vicepremier Amadou Ali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment