Nakba Day, esercito israeliano uccide due giovani palestinesi

Suheila ieri si è sve­gliata alle prime luci del giorno, ha pre­gato, ha bevuto un tè caldo ed è andata al cimi­tero non lon­tano dal campo pro­fu­ghi di Dehei­she. «Sono pas­sati dieci anni da quando è morto mio marito – rac­conta la donna con un filo di voce, chie­den­doci di non rive­lare la sua piena iden­tità -, è spi­rato nella notte tra il 14 e 15 mag­gio, nell’anniversario della Nakba. Se ne è andato pro­prio nel giorno che più di ogni altro dell’anno lo ama­reg­giava, che più gli ricor­dava la sua con­di­zione. Per me que­sto giorno è dop­pia­mente tri­ste, per la per­dita di mio marito e per la nostra cata­strofe nazio­nale». Suheila come tanti pale­sti­nesi, ha una buona parte della fami­glia nei campi pro­fu­ghi, in Pale­stina e in Gior­da­nia. Anche per i suoi parenti in esi­lio quello di ieri è stato un giorno molto diverso dagli altri, un giorno in cui si piange e si sogna una vita lon­tano dai campi per rifu­giati, nella terra d’origine, nel vec­chio vil­lag­gio che ora non c’è più e al quale, comun­que, non è pos­si­bile tor­nare. Una riso­lu­zione dell’Onu san­ci­sce il “diritto al ritorno” per i pro­fu­ghi pale­sti­nesi. Israele si oppone e fa valere la sua forza, 66 anni dopo il 1948.

Gli anni­ver­sari della Nakba non sono mai rituali per i pale­sti­nesi, ovun­que essi siano. Per­chè troppo spesso sono bagnati dal san­gue di gio­vani che della Cata­strofe cono­scono solo le con­se­guenze, che vivono ogni giorno sulla loro pelle. A mag­gior ragione se le com­me­mo­ra­zioni si accom­pa­gnano ad altre ini­zia­tive di lotta. Come per la scar­ce­ra­zione dei dete­nuti poli­tici pale­sti­nesi. Ieri Muham­mad Abu al-Thahir, 22 anni, e Nadim Nuwarah, 17 anni, sono stati col­piti al torace dai pro­iet­tili esplosi dai sol­dati israe­liani davanti al car­cere di Ofer, vicino Ramal­lah, men­tre mani­fe­sta­vano a soste­gno dei pri­gio­nieri in scio­pero della fame con­tro la “deten­zione ammi­ni­stra­tiva”. Sono entrambi spi­rati in ospe­dale. Una noti­zia che ha gene­rato rab­bia e com­mo­zione tra le migliaia di pale­sti­nesi che mani­fe­sta­vano in quelle stesse ore in Cisgior­da­nia, Gaza, in Gali­lea e a Geru­sa­lemme Est. E che ha con­tri­buito a ren­dere più teso il clima.

A Hebron almeno 11 gio­vani sono rima­sti feriti in scon­tri con i mili­tari. A Walaje, tra Geru­sa­lemme e Betlemme, cin­que mani­fe­stanti sono stati arre­stati durante la gior­nata di mobi­li­ta­zione orga­niz­zata dalla ong Badil e da varie asso­cia­zioni pale­sti­nesi, inter­rotta dall’intervento delle forze armate israe­liane. I mili­tari hanno disperso i mani­fe­stanti con il lan­cio di lacri­mo­geni e hanno abbat­tuto la tenda nella quale era stata alle­stita una mostra foto­gra­fica. I raduni e le mani­fe­sta­zioni di ieri, per la prima volta dal 2007, hanno visto i movi­menti Fatah e Hamas sfi­lare insieme in molte loca­lità, gra­zie all’accordo di “ricon­ci­lia­zione” tra le due forze poli­ti­che “nemi­che” fino a qual­che set­ti­mana fa. Quest’anno per­ciò le ban­diere di par­tito hanno fatto posto a quella pale­sti­nese e alle kufieh appog­giate sulle spalle dei mani­fe­stanti di ogni colore politico.

«E’ tempo di met­tere fine alla più lunga occu­pa­zione nella sto­ria ed è tempo per i lea­der di Israele di com­pren­dere che i pale­sti­nesi non hanno altra casa che la Pale­stina», aveva detto il pre­si­dente dell’Anp Abu Mazen mer­co­ledì sera in un discorso alla vigi­lia dell’anniversario della Nakba. Il nego­zia­tore capo pale­sti­nese Saeb Ere­kat da parte sua, in un inter­vento scritto per il quo­ti­diano Haa­retz, ha avver­tito che Israele «non può can­cel­lare dalla sto­ria la Nakba e l’esilio for­zato di oltre 750.000 pale­sti­nesi nel 1948». Parole che hanno susci­tato la pronta replica del pre­mier israe­liano Neta­nyahu. La rispo­sta alla memo­ria pale­sti­nese della Nakba è l’approvazione di una legge fon­da­men­tale che defi­ni­sca Israele come Stato ebraico, ha detto Neta­nyahu. «Israele con­ti­nuerà a costruire e svi­lup­pare il paese, com­presa Geru­sa­lemme», ha aggiunto il primo mini­stro in evi­dente rife­ri­mento all’espansione delle colo­nie israe­liane dei Ter­ri­tori occupati.



Related Articles

La compressione sociale di Mario Draghi

Gli gnomi della finanza che stanno speculando sulla possibilità  di far crollare l’euro hanno un potente alleato nella Bundesbank. Ogni volta che il suo presidente, Weidmann, interviene si apre una crisi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment