Le Pen riunisce l’estrema destra

«E ora por­tiamo la nostra vit­to­ria a Bru­xel­les». Marine Le Pen non ha dubbi e annun­cia già che riu­scirà a tra­sfor­mare in qual­cosa di con­creto i con­sensi rac­colti dai popu­li­sti di destra in tutta Europa: più di cento euro­de­pu­tati eletti nei 28 paesi della Ue e un inquie­tante primo posto in Fran­cia, Gran Bre­ta­gna e Danimarca.

Le grandi mano­vre, in que­sto senso, si aprono oggi con l’incontro che pro­prio la lea­der del Front Natio­nal ha fis­sato nella capi­tale dell’Unione con i suoi omo­lo­ghi con­ti­nen­tali. L’obiettivo è quello di costi­tuire un gruppo auto­nomo all’interno del par­la­mento euro­peo entro il 24 giu­gno che rap­pre­sen­te­rebbe non solo un segnale poli­tico di grande rilievo, ma anche la pos­si­bi­lità con­creta di acce­dere a copiosi rim­borsi e strut­ture ulte­riori rispetto a quelle che spet­tano agli indipendenti.

Per il momento ai 24 eletti del Front Natio­nal si dovreb­bero som­mare i 3 del Par­tij voor de Vri­j­heid di Wil­ders, i 4 dell’Fpö austriaco, i 5 della Lega e l’unico euro­de­pu­tato rima­sto agli xeno­fobi fiam­min­ghi del Vlaams Belang. Per for­ma­liz­zare la nascita di un euro­grupppo ci vogliono però un totale di 25 eletti, e qui ci siamo già, ma espres­sione di 7 paesi, e in que­sto caso man­cano altre due unità. I più cor­teg­giati da Le Pen sono, al momento, i Demo­cra­tici Sve­desi, che con­tano due eletti, i 4 rap­pre­sen­tanti del Kon­gres Nowej Pra­wicy, il Con­gresso della nuova destra polacca, e i due della Nacio­nala apvie­niba, l’Alleanza nazio­nale lettone.

Priva di fon­da­mento risulta invece la noti­zia, dif­fusa ini­zial­mente dalla Reu­ters e subito ret­ti­fi­cata, ma che molti organi di infor­ma­zione nel nostro paese hanno con­ti­nuato a dif­fon­dere per tutta la gior­nata, secondo cui Le Pen si sarebbe detta pronta a incon­trare e ad allearsi anche con i neo­na­zi­sti greci di Alba Dorata, che hanno eletto due par­la­men­tari euro­pei. Inter­vi­stata dal canale all­news fran­cese Bfmtv, Le Pen aveva infatti affer­mato l’esatto con­tra­rio: «In nes­sun caso faremo accordi con movi­menti estre­mi­sti e anti­se­miti come Job­bik e Alba Dorata».

D’altro canto, altret­tanto fuori discus­sione è la pos­si­bi­lità che il Front Natio­nal e i suoi alleati si met­tano d’accordo con un’altra com­po­nente della folta pat­tu­glia popu­li­sta appena sbar­cata a Bru­xel­les, quella gui­data, su posi­zioni solo par­zial­mente più «mode­rate», dallo Uni­ted King­dom Inde­pen­dence Party di Nigel Farage che conta 23 eletti. L’Ukip rifiuta ogni con­tatto con il par­tito di Le Pen, defi­nito più volte «anti­se­mita», e auspica invece un accordo con il Movi­mento 5 Stelle che ha 21 eurodeputati.

Farage, che detiene «le chiavi di casa» di un gruppo già esi­stente a Bru­xel­les, quello di Europa della Libertà e della Demo­cra­zia che fino a dome­nica poteva con­tare su 32 eletti, oltre ai gril­lini sta facendo delle avance anche al Par­tito del popolo danese, 4 eletti, all’Alternative für Deu­tschland, 7, al Par­tito dei cit­ta­dini liberi della Repub­blica ceca, 2 e ai Veri fin­lan­desi, un seg­gio. Con­tatti in tal senso sareb­bero in corso anche con gli indi­pen­den­ti­sti della Nuova alleanza fiam­minga, che ha 4 eletti, e alcune for­ma­zioni minori dei paesi baltici.

Farage e Le Pen, che in molti imma­gi­na­vano come pos­si­bili alleati, appa­iono invece ora come acer­rimi rivali, visto che non è ancora certo se ci saranno i numeri per for­mare non uno sol­tanto, ma ben due gruppi a destra di quello del Par­tito popo­lare euro­peo. Anche per­ché, in realtà, l’area poli­tica di con­fine tra l’ultradestra e i con­ser­va­tori a Bru­xel­les è già pre­si­diata dal gruppo dei Con­ser­va­tori e rifor­mi­sti euro­pei, gui­dato dai Tory di David Came­ron, forti di 19 seggi, e dal Prawo i Spra­wied­li­wosc, il par­tito Diritto e giu­sti­zia polacco di Jaro­slaw Kac­zyn­ski, che di eletti ne ha altret­tanti.
Resta il punto poli­tico di un par­la­mento che ha visto per­lo­meno rad­dop­piare gli espo­nenti di for­ma­zioni popu­li­ste, anti-euro e anti-Ue, ma anche dell’estrema destra iden­ti­ta­ria, xeno­foba e addi­rit­tura neo­na­zi­sta. Non for­me­ranno nes­sun gruppo comune, ma a Bru­xel­les, oltre a quelli di Alba Dorata, sono arri­vati anche 3 euro­de­pu­tati di Job­bik e Udo Voigt, il lea­der dei Nazio­nal­de­mo­cra­tici tede­schi, noto per aver defi­nito Adolf Hitler come un «grande statista».



Related Articles

Bulgaria, tensioni etniche

L’omicidio di un diciannovenne commissionato da un criminale rom ha scatenato la reazione della piazza contro questa minoranza: villaggi assediati e voglia di vendetta

Investimenti per la crescita La promessa di Juncker

Ok in Parlamento al presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Annunciato pacchetto di interventi da 300 miliardi

«In uno scenario senza guida Mosca si sente sotto assedio Ora sarà muro contro muro»

«L’Ucraina era la vera linea rossa per Putin. E lui sapeva bene che Stati Uniti ed Europa non avrebbero mai potuto avere la determinazione di Mosca in questo scacchiere»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment