Piccolo spaccio, «pene da ridurre»

«Affer­ma­tiva». È que­sta la rispo­sta delle Sezioni unite della Cas­sa­zione alla domanda se fosse diritto delle per­sone con­dan­nate per pic­colo spaccio in via defi­ni­tiva, anche se reci­di­vanti, chie­dere uno sconto della pena in ese­cu­zione dopo la recente sen­tenza della Con­sulta che dichiara inco­sti­tu­zio­nale la legge Fini-Giovanardi e che va ad aggiun­gersi all’altro pro­nun­cia­mento emesso dalla Corte costi­tu­zio­nale nel 2012 con­tro una norma con­te­nuta nella cosid­detta ex Cirielli, la legge ad per­so­nam nata per sal­vare Pre­viti e Berlusconi.

Per avere infor­ma­zioni più pre­cise sulla moda­lità del rical­colo biso­gnerà atten­dere il dispo­si­tivo com­pleto, ma nell’«informazione prov­vi­so­ria» dira­mata ieri dal primo pre­si­dente Gior­gio San­ta­croce i giu­dici supremi hanno rispo­sto chia­ra­mente, acco­gliendo il ricorso pre­sen­tato dalla pro­cura di Napoli con­tro una sen­tenza che aveva negato ad un con­dan­nato per spacci di poche dosi di cocaina e di can­na­bis l’attenuante della lieve entità sull’aggravante della reci­diva. Al momento, stima l’amministrazione peni­ten­zia­ria, sono circa 3 o 4 mila i dete­nuti che potreb­bero bene­fi­ciare degli effetti di que­sta sen­tenza, tra i 14 mila in car­cere per la sola vio­la­zione dell’articolo 73 della legge sulle dro­ghe («23 mila, di cui il 40% stra­nieri, quelli per vio­la­zione dell’intera nor­ma­tiva», secondo il sin­da­cato di poli­zia peni­ten­zia­ria Sappe) pre­sen­tendo però al giu­dice dell’esecuzione la richie­sta di revi­sione della pena.

«Il giu­dice dell’esecuzione, ove ritenga pre­va­lente sulla reci­diva la cir­co­stanza atte­nuante», scrive la Cas­sa­zione a Sezioni unite, ai fini della ride­ter­mi­na­zione della pena dovrà pren­dere in con­si­de­ra­zione il testo di legge pre­ce­dente alla Fini-Giovanardi, can­cel­lata nel feb­braio scorso, «senza tenere conto di suc­ces­sive modi­fi­che di legge». Ossia, senza con­si­de­rare il “decreto Loren­zin” che tra­sforma la cir­co­stanza atte­nuante dello spaccio di lieve entità in fat­ti­spe­cie auto­noma di reato, innal­zando però le pene edit­tali per le dro­ghe leg­gere. In que­sto modo, i giu­dici supremi di Piazza Cavour smen­ti­scono l’orientamento giu­ri­spru­den­ziale che vor­rebbe le sen­tenze pas­sate in giu­di­cato intangibili.

Il ver­detto della Cas­sa­zione «inci­derà signi­fi­ca­ti­va­mente» sul sovraf­fol­la­mento car­ce­ra­rio, ha detto ieri il mini­stro di Giu­sti­zia, Andrea Orlando. «Non sap­piamo dire esat­ta­mente con quali numeri», ha aggiunto il Guar­da­si­gilli, ma «que­sto ci fa dire che l’uscita dall’emergenza sarà pro­ba­bil­mente più rapida». In realtà, senza un inter­vento poli­tico si dila­tano a dismi­sura i tempi per la libe­ra­zione di chi ingiu­sta­mente sta scon­tando una con­danna per effetto di una norma penale dichia­rata inco­sti­tu­zio­nale anche se, come spiega l’informativa della Cas­sa­zione, «diversa dalla norma incri­mi­na­trice ma che incide sul trat­ta­mento san­zio­na­to­rio». «Aumen­te­ranno a dismi­sura i cari­chi dei giu­dici ordi­nari che dovranno affron­tare i pro­ce­di­menti came­rali attra­verso i quali si dovrà rical­co­lare al ribasso la pena di migliaia di dete­nuti», avverte Rita Ber­nar­dini. La segre­ta­ria dei Radi­cali ita­liani invita le isti­tu­zioni ad «atti­varsi imme­dia­ta­mente per un prov­ve­di­mento di amni­stia e di indulto che, libe­rando le scri­va­nie dei magi­strati, con­sen­ti­rebbe di indi­riz­zare mag­giori forze per per­se­guire i reati gravi e farebbe uscire dal car­cere chi deve scon­tare gli ultimi due o tre anni di deten­zione fra i quali le migliaia di reclusi vit­time della Fini-Giovanardi». Anche l’Unione delle camere penali parla di «sovrac­ca­rico sul sistema giu­di­zia­rio» e sot­to­li­nea la dispa­rità di trat­ta­mento che si potrebbe creare a causa della discre­zio­na­lità dei giu­dizi. Per i pena­li­sti «l’applicazione di que­sta sen­tenza non risolve» il pro­blema del sovraf­fol­la­mento car­ce­ra­rio e «non spo­sta nulla rispetto alla neces­sità di un prov­ve­di­mento di cle­menza generalizzato».

Una sen­tenza, que­sta, che «mette l’Italia al passo con la giu­ri­spru­denza di Stra­sburgo –ha spie­gato Giu­seppe Maria Ber­ruti, diret­tore dell’Ufficio del Mas­si­ma­rio della Cas­sa­zione – e, insieme alle due sen­tenze della Con­sulta, ci mette più in regola con la Carta di diritti dell’uomo. Il diritto non è immo­bile – ha aggiunto – cam­bia a seconda del qua­dro sto­rico di rife­ri­mento e que­sta vicenda dimo­stra che il qua­dro sto­rico è mutato rispetto a quando la legge Fini-Giovanardi venne ema­nata». Otto anni, migliaia di con­dan­nati e per­fino qual­che morte fa.



Related Articles

Immigrati, 57.800 sbarcati da gennaio. Molti i minori non accompagnati

I dati dell’Unhcr: la maggior parte sono siriani, eritrei e maliani. Molti sono minori non accompagnati, il loro numero ormai sfiora il 7% del totale. Unar: “Solo nel 2013 1.500 casi di discriminazione”

Cgil frena sul prestito bancario per le pensioni

Dal Welfare al Bankfare. Corso Italia ribadisce la richiesta di rivedere la riforma Fornero, ipotesi esclusa dal governo. Barbagallo (Uil): «faremo tante di quelle eccezioni che dovranno per forza ascoltarci»

Delitti, la famiglia uccide più della mafia un morto ogni 2 giorni, re

Rapporto Eures-Ansa. Dimezzati negli ultimi quindici anni gli omicidi volontari in Italia (La Repubblica, MERCOLEDÌ, 17 GENNAIO 2007, Pagina 31

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment