La regola del sistema Expo

Quando Fri­ge­rio e Gre­ganti erano più gio­vani di 20 anni, sulla spinta dell’indignazione dell’opinione pub­blica furono rico­struite le regole giu­ri­di­che per gli appalti. La legge appro­vata nel 1994 che prese il nome dall’allora mini­stro Mer­loni era un prov­ve­di­mento rigo­roso e si trat­tava solo di spe­ri­men­tarla e –sem­mai– miglio­rarla. Si scelse la strada oppo­sta. Fu subito accu­sata di rigi­dità e fu variata, emen­data e stra­volta: oggi siamo alla sua quarta ste­sura. A svin­co­lare dalla legge l’aggiudicazione dei grandi appalti ci pensò il secondo governo Berlusconi.

Appro­vando nel 2001 la «legge obiet­tivo» che con il con­vinto soste­gno del mondo delle mag­giori imprese for­niva sem­pli­fi­ca­zioni per i grandi appalti. Ancora peg­gio fecero nel 2002 i decreti attua­tivi e fu pos­si­bile così spe­ri­men­tare la mac­china della Pro­te­zione civile di Guido Ber­to­laso. Tutti i grandi appalti veni­vano aggiu­di­cati con un sistema pale­se­mente discre­zio­nale: lo scan­dalo che seguì aveva dun­que radici salde nella man­canza di regole.

Ma anche il set­tore degli appalti minori è rima­sto indenne. Da anni i comuni ita­liani pos­sono appal­tare a trat­ta­tiva sem­pli­fi­cata — senza una vera gara di evi­denza pub­blica — lavori di importo fino a 500 mila euro. Nel 2011, l’Autorità di vigi­lanza sui con­tratti pub­blici, Avpc, denun­ciava ina­scol­tata che il 28% degli appalti pub­blici per un valore di 28 miliardi veniva appal­tato senza gara. I grandi lavori hanno bene­fi­ciato di un ter­reno legi­sla­tivo spe­ciale men­tre quelli minori sono stati lasciati nella discrezionalità.

Come mera­vi­gliarsi dun­que dell’esplodere dell’ennesimo scan­dalo? Le radici stanno nell’assenza di regole: la poli­tica affa­ri­stica tiene sotto con­trollo le imprese e le rube­rie sono all’ordine del giorno, come denun­ciano la Corte dei Conti e la Tra­spa­rency Inter­na­tio­nal. Ha dun­que ragione Livio Pepino che sulle pagine del mani­fe­sto di ieri affer­mava che «non siamo di fronte ad una cor­ru­zione nel sistema ma ad una ben più grave cor­ru­zione del sistema».

La vera tra­ge­dia che stiamo vivendo sta però nel dif­fe­rente atteg­gia­mento del legi­sla­tore e dei mezzi di comu­ni­ca­zione. Se vent’anni fa ci fu un inne­ga­bile scatto di dignità isti­tu­zio­nale, oggi siamo den­tro ad un inau­dito attacco alla «buro­cra­zia» rea di ogni colpa.

Due giorni fa a Milano a discu­tere del futuro di Expo 2015 c’era il mini­stro per le infra­strut­ture Mau­ri­zio Lupi. Non è sol­tanto la pre­senza del suo nome nelle inter­cet­ta­zioni della cricca dell’Expo a susci­tare pre­oc­cu­pa­zione (come noto egli ha smen­tito ogni legame con i dete­nuti) quanto un gra­vis­simo annun­cio reso pub­blico nell’audizione da lui tenuta l’11 marzo scorso presso la com­mis­sione ambiente della Camera dei Depu­tati. In quella sede ha infatti espresso il parere di scio­gliere l’Autorità di vigi­lanza sui lavori pub­blici e ripor­tare tutte le com­pe­tenze presso il mini­stero da lui diretto.

L’attacco è stato moti­vato dalla neces­sità di «snel­lire e sbu­ro­cra­tiz­zare». La realtà è diversa. L’Avcp – che pure ha un diri­gente coin­volto nell’affare Expo e non è immune da cri­ti­che– aveva negli anni scorsi denun­ciato alla Magi­stra­tura inqui­rente molti appalti sospetti. I casi più cla­mo­rosi hanno riguar­dato l’appalto per la sede dell’Agenzia spa­ziale ita­liana (l’ex pre­si­dente Sag­gese è in car­cere per tan­genti) e l’ispezione com­piuta sull’appalto della Pede­mon­tana lom­barda, opera tanto cara al sistema di potere sma­sche­rato dall’inchiesta Expo. Troppo per i nostri libe­ri­sti. Così, forse anche per la pre­senza presso il suo mini­stero in qua­lità di Capo di Gabi­netto di Gia­como Aiello che era stato capo dell’ufficio legi­sla­tivo della Pro­te­zione civile di Ber­to­laso, Lupi vuole scio­gliere quell’organismo indipendente.

La dram­ma­tica crisi di lega­lità che viviamo deriva dalla man­canza di orga­ni­smi terzi indi­pen­denti dalla poli­tica e auto­re­voli sotto il pro­filo morale, delle com­pe­tenze e della libertà di movi­mento. E invece il governo per­se­gue la demo­li­zione del resi­duo di lega­lità e di senso dello Stato che ancora non è stata spaz­zata via dal ven­ten­nio ber­lu­sco­niano. Oltre a Lupi, anche il primo mini­stro Renzi sem­bra osses­sio­nato dalla volontà di demo­lire quanto resta delle fun­zioni pub­bli­che, dalle Soprin­ten­denze fino alla Magi­stra­tura.
L’immagine dell’Italia infranta dell’Expo 2015 non si salva solo con la pre­senza di uomini del livello di Raf­faele Can­tone. Si recu­pera riscri­vendo regole rigo­rose per gli appalti pub­blici e resti­tuendo dignità e auto­no­mia alle fun­zioni pub­bli­che mor­ti­fi­cate da venti anni. Nella migliore sto­ria degli appalti pub­blici — che pure esi­ste — c’è sem­pre stata una ten­sione cul­tu­rale nel per­se­guire un futuro migliore. A furia di sem­pli­fi­care e di affret­tarsi senza senso si con­se­gna defi­ni­ti­va­mente il paese allo stra­po­tere del peg­giore affa­ri­smo poli­tico e imprenditoriale.



Related Articles

Sommerso, 2 milioni di posti

I DATI DI MINISTERO E INPS:EVASI 25 MILIARDI DI EURO ALL’ANNO

Rifkin: “Il nucleare adesso è morto”

L’economista: “Raddoppiare la sicurezza non basta, può esserci sempre un evento inaspettato. Serve una rete di energie rinnovabili”.  Le conseguenze di un solo errore sono sotto gli occhi di tutti Si rischia un disastro senza confini  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment