Tasi verso la proroga I Comuni trattano Delrio: presto si decide

Tasi verso la proroga I Comuni trattano Delrio: presto si decide

ROMA — Il nodo dei tempi di pagamento della Tasi, l’imposta sui servizi indivisibili, sarà sciolto in settimana. E probabilmente porterà verso una proroga breve, a luglio o a settembre. E’ stato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, intervistato a SkyTg24 , a riportare in campo l’ipotesi di un rinvio dei termini, che venerdì scorso sembrava essere stata esclusa, a causa della contrarietà espressa da Piero Fassino, presidente dell’Anci, l’associazione dei Comuni.
«Questa è la prima applicazione della Tasi, ci saranno un po’ di difficoltà — ha ammesso Delrio —. C’è incertezza, quindi invitiamo i Comuni, che non l’hanno già fatto, a deliberare alla svelta come e quando pagare. La settimana prossima (quella attuale, ndr ) daremo indicazioni sulle scadenze, se ci saranno proroghe o no».
Oggi ci sarà già un primo incontro tra Tesoro e Anci, ma solo a livello tecnico perché la decisione finale non è ancora maturata e probabilmente sarà nelle mani del premier Matteo Renzi. Il problema è sempre quello di che fare in quei Comuni che non avranno emanato entro i termini di legge, cioè entro venerdì prossimo, la delibera che fissa le aliquote della Tasi. Ma è difficile che, visti gli impegni elettorali, un decreto possa arrivare prima del verdetto delle urne del prossimo fine settimana.
Ma vediamo le ipotesi in campo.
1) Rinvio per tutti i Comuni del pagamento della Tasi su prima a seconda casa al 16 settembre, con relative delibere da assumere entro il 31 luglio. Eviterebbe la confusione, allineando i tempi per tutti. La seconda rata andrebbe saldata a dicembre. Una variante di questa ipotesi è un mini rinvio per tutti al 16 luglio, che però costringerebbe i Comuni a un tour de force , con la possibilità di un rinvio al 16 settembre.
2) Rinvio al 16 settembre (o al 16 luglio) ma soltanto per i Comuni che non avranno assunto le delibere sulle aliquote entro venerdì prossimo. Gli altri applicherebbero le delibere assunte.
3) Nessun rinvio: si applica la norma così com’è attualmente: nei Comuni in cui si sarà stata assunta per tempo la delibera, questa verrà applicata. In quelli che non l’avranno fatto, i proprietari di prime case pagheranno tutto in una sola rata a dicembre. I titolari di seconde case pagheranno l’Imu al 50% e la Tasi in base all’aliquota dell’1%. Salvo conguaglio a dicembre. In questo caso resterebbe il nodo della quota che spetta agli inquilini, che può variare tra il 10 e il 30%, e che sarebbe impossibile definire in via forfettaria.


Tags assigned to this article:
Graziano Delrioimposta sui serviziTasi

Related Articles

Tutto per il popolo così l’antica Grecia creò il paradosso della “democratìa”

L’analisi. Nella dialettica tra demos e kratos, tra cittadini e potere, il mondo ellenico ha sempre privilegiato un esercizio diretto, assai poco moderato, della sovranità. Una visione da cui deriva il referendum di domenica

Tensioni sui tassi. Società  di rating accusata di brogli

Grande è la confusione sui mercati e ancora più grande è la paura di un riesplodere della bolla finanziaria. Non a caso ieri il G20 (le 20 più grandi economie del globo) ha deciso di rifinanziare con 400 miliardi di dollari il Fondo monetario per metterlo in grado di fronteggiare le prossime crisi.

Oligarchi e neonazisti: a Kiev c’è più di un problema

Nell’Ucraina post «rivo­lu­zione di Maj­dan» il peso delle forze neo­na­zi­ste, come ad esem­pio Set­tore Destro, ha finito per con­di­zio­nare una situa­zione poli­tica iper nazio­na­li­sta

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment