Ucraina e gas: oggi Naftogaz deve saldare 2 miliardi di dollari a Gazprom

Gli scon­tri armati nell’est. La pro­pa­ganda ali­men­tata da tutti, senza sosta. La sen­si­bi­lità sto­rica, con i suoi tic non facil­mente con­trol­la­bili. La bat­ta­glia russo-ucraina corre lungo tanti fronti. C’è anche, ovvia­mente, quello del gas. Con una dead­line immi­nente e sensibilissima.

Entro domani a mez­za­notte Naf­to­gaz, l’azienda di stato ucraina che gesti­sce il com­parto, è tenuta a sal­dare una parte del debito che ha accu­mu­lato tra novem­bre e marzo nei con­fronti della con­tro­parte russa, Gaz­prom. La cifra ammonta a due miliardi di dol­lari, su un totale di tre e mezzo. Un altro asse­gno, da 500 milioni, va stac­cato entro il 7 giu­gno. È per le for­ni­ture di mag­gio. Così s’è deciso lunedì a Ber­lino, quando ucraini e russi si sono acco­mo­dati a un tavolo con­vo­cato dal com­mis­sa­rio euro­peo per l’energia, il tede­sco Guen­ther Oet­tin­ger. Venerdì, se Naf­to­gaz pagherà Gaz­prom, si tor­nerà a discu­tere. Sem­pre a Ber­lino e sem­pre con la regia di Oettinger.

Sta­volta l’oggetto saranno i prezzi, con Kiev chiede a Mosca di abbas­sarli. In caso con­tra­rio i russi potreb­bero chiu­dere i rubi­netti. Con con­se­guenze impor­tanti a livello indu­striale, tanto per l’Ucraina quanto per l’Europa, che dalla Rus­sia importa tanto gas, e lo fa attra­verso i tubi dell’ex repub­blica sovie­tica. Si capi­sce, così, l’interesse di Oet­tin­ger a pren­dere il pal­lino in mano.

La strada per l’accordo è meno lineare di quel che sem­bra. Ieri Kiev ha calato una carta a sor­presa, spie­gando che il Crem­lino, annet­tendo la Cri­mea, s’è preso anche due miliardi e più di metri cubi di gas stoc­cato, per un valore di un miliardo di dol­lari. Il primo mini­stro in carica dopo Mai­dan, Arse­niy Yatse­niuk, ha espli­ci­ta­mente chie­sto che Mosca pompi verso l’Ucraina quanto sac­cheg­giato. La Rus­sia, dal canto suo, fa sapere che non ha sot­tratto alcun­ché. Due sono le pos­si­bili ragioni a monte della riven­di­ca­zione di Yatseniuk.

Da un lato, si ipo­tizza, si cerca di spun­tare qual­cosa in extre­mis su quando dovuto. Le casse dello stato sono allo stremo, e l’idea di bru­ciare i primi soldi pre­stati dal Fondo mone­ta­rio per met­tersi in regola con i paga­menti non è certo esal­tante. Dall’altro lato si può cre­dere che il governo ucraino voglia legare que­sta fac­cenda ai com­bat­ti­menti in corso nell’est del paese, che nelle scorse ore, a Done­tsk, sono stati par­ti­co­lar­mente duri. Sconto sul debito e sulle future for­ni­ture in cam­bio dell’allentamento della pres­sione mili­tare sui ribelli filo­russi, se non della loro smo­bi­li­ta­zione: potrebbe essere que­sta la richie­sta Kiev.

Anche Mosca, comun­que, dà l’impressione di tenere i due il piano del gas e quello dell’est ucraino appa­iati, per indurre Kiev a far tacere i can­noni e pro­muo­vere una riforma fede­rale. Ci sono tante leve da azio­nare, insomma. Ma lo spa­zio di mano­vra è angusto.

Nel frat­tempo Yatse­niuk ha anti­ci­pato l’ipotesi dell’arbitrato inter­na­zio­nale, se entro mer­co­ledì non si tro­vasse l’accordo sul gas. Se invece arri­vasse, il pros­simo pas­sag­gio sarà trat­tare sul prezzo. Kiev paga una tariffa più alta di quelle appli­cate da Gaz­prom ai clienti comu­ni­tari. È di 485 dol­lari per mille metri cubi e si rifà agli accordi del 2009 tra Vla­di­mir Putin e Yulia Tymo­shenko, quando quest’ultima era primo mini­stro. L’intesa pose fine al blocco delle for­ni­ture all’epoca deciso dalla Rus­sia, ma aprì anche la strada al pro­cesso e alla suc­ces­siva con­danna com­mi­nata durante la pre­si­denza Yanu­ko­vich all’ex pasio­na­ria di Kiev, accu­sata di aver fir­mato accordi così svan­tag­giosi da spin­gere il paese sul lastrico. Ma que­sta è una sto­ria vecchia.

Adesso Kiev chiede a Mosca di pagare 268,5 dol­lari per mille metri cubi, cioè la tariffa con­cor­data a dicem­bre da Putin e Yanu­ko­vich. Fu annul­lata, ripor­tando in vigore quella del 2009, dopo che lo stesso Yanu­ko­vich fuggì dal palazzo. E il para­dosso, uno dei tanti di que­sta crisi ucraina, è che quando fu siglata il movi­mento della Mai­dan gridò al patto con il diavolo.


Tags assigned to this article:
Crisi ucrainaGazpromPoroshenko

Related Articles

La polizia spara sui manifestanti 3 morti a Banias

DAMASCO – Almeno tre persone sono state uccise e altre 12 sono state ferite ieri pomeriggio a Banias, nel Nordovest della Siria, dopo che le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco su un gruppo di persone che manifestava nel quartiere sunnita di Ras al Nabee nei pressi della moschea di Al Rahman.

Presidenziali in Ecuador. Boom della sinisitra, un indigeno al ballottaggio

Con il 32% vince il delfino di Correa, Arauz. Secondo a sorpresa Pérez. La destra di Lasso stracciata, perde anche nella sua roccaforte. Ottimo risultato anche per Sinistra democratica di Hervas, l’outsider che conquista i giovani

Siria, giallo su due italiani spariti

Stavano costruendo una centrale elettrica. Rivolta nel carcere di Homs

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment