Colombia, spiragli per un accordo di pace

Colombia, spiragli per un accordo di pace

Si è con­clusa ieri in Colombia la cam­pa­gna per il secondo turno delle pre­si­den­ziali, che si svol­ge­ranno dome­nica pros­sima. Il 15 si pre­sen­tano alle urne Oscar Ivan Zuluaga, che ha otte­nuto la mag­gio­ranza rela­tiva il 25 mag­gio e l’attuale pre­si­dente, Manuel San­tos. Due figure appar­te­nenti alla destra, i cui pro­grammi per il paese non pre­sen­tano dif­fe­renze di campo.

Lo scon­tro verte soprat­tutto sul pro­cesso di pace, in corso all’Avana con la prin­ci­pale guer­ri­glia del paese (i mar­xi­sti delle Farc) e avviato anche con la seconda guer­ri­glia (i gue­va­ri­sti dell’Esercito di libe­ra­zione nazio­nale – Eln). I nego­ziati durano dal novem­bre del 2012, sotto l’egida di Cuba, della Nor­ve­gia e del Vene­zuela. Sabato, San­tos ha incas­sato uno sto­rico annun­cio pro­ve­niente dall’Avana: l’accordo di prin­ci­pio sul quinto dei punti in agenda. Riguarda il capi­tolo delle 6.000 vit­time del con­flitto armato che dura da mezzo secolo. Dieci le voci con­tem­plate dal docu­mento con­giunto tra governo e guer­ri­glia. Ruo­tano intorno alla par­te­ci­pa­zione al dia­logo delle per­sone col­pite, al risar­ci­mento, alla ricon­ci­lia­zione e alla rico­stru­zione della verità: sta­bi­lire le mol­te­plici cause, ori­gini ed effetti del con­flitto – dice l’accordo – è parte fon­da­men­tale per la costru­zione di una pace stabile.

E solo le riforme con­tem­plate nell’Accordo finale garan­ti­ranno la con­clu­sione effet­tiva del con­flitto. Per la ripresa del pros­simo ciclo di incon­tri, teso a con­cre­tiz­zare il punto 5 dell’agenda, le parti sol­le­ci­tano la col­la­bo­ra­zione dell’organizzazione delle Nazioni unite in Colombia e quella del Cen­tro de pen­sa­miento y segui­miento al dia­logo de paz dell’Università nacio­nal che stanno orga­niz­zando tre forum sul tema, già pro­gram­mati. Le orga­niz­za­zioni delle vit­time sono state invi­tate a par­te­ci­pare al dia­logo, e hanno salu­tato con favore la deci­sione. E’ stata anche creata una com­mis­sione di genere, com­po­sta dalle dele­ga­zioni, per esa­mi­nare sotto que­sto pro­filo gli accordi rag­giunti, con l’appoggio di esperti ed esperte a livello inter­na­zio­nale. A con­clu­sione dell’accordo, le Farc hanno dichia­rato una nuova sospen­sione delle atti­vità mili­tari, da ieri e fino al 30 giu­gno. «È solo un annun­cio», ha com­men­tato l’ex pre­si­dente Alvaro Uribe a pro­po­sito dei nego­ziati. L’attuale sena­tore Uribe è il più acer­rimo nemico dei dia­lo­ghi dell’Avana e ha deciso di spa­rare a zero sul ramo­scello d’ulivo osten­tato dal suo ex mini­stro della Difesa come chiave per la rie­le­zione. Zuluaga, che corre per il Cen­tro demo­cra­tico, fon­dato e diretto da Uribe, ha soste­nuto l’intransigenza dell’ex pre­si­dente nel corso dell’ultimo scon­tro tele­vi­sivo con San­tos, can­di­dato per la Coa­li­cion della Uni­dad Nacio­nal (che com­prende il Par­tito della U, il Libe­ral e Cam­bio radi­cal). Zuluaga ha assi­cu­rato che, se vince, met­terà fine alle buone rela­zioni con il Vene­zuela di Nico­las Maduro e con­di­zio­nerà i Dia­lo­ghi dell’Avana a for­che cau­dine inac­cet­ta­bili per la guerriglia.

Entrambi i can­di­dati si sono rivolti ai con­ta­dini, sul piede di guerra dall’estate scorsa con­tro le misure neo­li­be­ri­ste e i Trat­tati di libero com­mer­cio. Zuluaga ha pro­messo che non fir­merà altri trat­tati, ma che garan­tirà l’applicazione di quelli attuali. San­tos ha chie­sto scusa per le parole intran­si­genti pro­nun­ciate durante l’ultimo scio­pero dei con­ta­dini e ha rico­no­sciuto “l’abbandono seco­lare” in cui ver­sano le cam­pa­gne. Per i con­ta­dini e per i set­tori popo­lari impo­ve­riti dalla sven­dita delle risorse e dalle prio­rità bel­li­ci­ste dei governi colom­biani, la reto­rica conta poco. Orga­niz­za­zioni e movi­menti appog­giano i nego­ziati per il forte con­te­nuto di cam­bia­mento che pro­pon­gono a quella parte di società tra­di­zio­nal­mente esclusa dal festino capi­ta­li­sta. E il dibat­tito sul soste­gno elet­to­rale a San­tos attra­versa le orga­niz­za­zioni indi­gene e i set­tori sociali alternativi.

Una parte della sini­stra e dell’associazionismo ha costi­tuito il Frente Amplio, per appog­giare San­tos ma anche per garan­tire il rispetto dei futuri accordi di pace e delle riforme. Altre orga­niz­za­zioni, invi­tano comun­que a non andare a votare. Al primo turno, l’astensione ha supe­rato il 60%. Hanno diser­tato le urne in massa i colom­biani resi­denti all’estero, che ieri hanno comin­ciato a eser­ci­tare il pro­prio diritto di voto. Gli aventi diritto sono in totale 559.952 . Risie­dono soprat­tutto a Cara­cas (in Vene­zuela), a Miami (negli Usa), a New York e a Madrid.


Tags assigned to this article:
colombiaFarcManuel SantosOscar Ivan Zuluaga

Related Articles

Prigionieri uccisi a Saydnaya, la Siria respinge le accuse Usa

Siria. «Le asserzioni di Washington fanno parte di una storiella ideologica staccata dalla realtà», dice una fonte del ministero degli esteri siriano

Gli Usa all’attacco di Londra 2012 “Poca sicurezza, mandiamo l’Fbi”

 Mille agenti per proteggere gli atleti americani alle Olimpiadi  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment