A giudizio Erri De Luca, «per reato d’opinione»

A giudizio Erri De Luca, «per reato d’opinione»

La deci­sione arriva in tarda mat­ti­nata: s’ha da pro­ces­sare il poeta. E così sia. Erri De Luca viene rin­viato a giu­di­zio dal gup tori­nese Roberto Ruscello per isti­ga­zione a delin­quere. Lo scrit­tore è accu­sato di avere – in un’intervista – inci­tato al sabo­tag­gio del can­tiere della Torino-Lione, in Val di Susa.
Il pro­cesso si aprirà il 28 gen­naio. L’ennesimo che riguarda l’opposizione al Tav, come se quest’opera fosse solo un argo­mento da aule di tri­bu­nale. Il giu­dice Ruscello ha così accet­tato la richie­sta dei pm Andrea Pada­lino e Anto­nio Rinaudo che, dopo la que­rela di Ltf (la società di gestione della tratta tran­sfron­ta­liera), ave­vano con­te­stato allo scrit­tore que­sta frase: «La Tav va sabo­tata. Le cesoie sono utili per­ché ser­vono a tagliare le reti». Secondo il sosti­tuto pro­cu­ra­tore Rinaudo: «Si tratta di un giu­di­zio fina­liz­zato a con­di­zio­nare l’agire di un altro».
A Torino, si arriva al punto di evo­care il reato di opi­nione. E, poco dopo il rin­vio, Erri De Luca digita sul suo pro­filo Face­book alcune parole: «Mi met­te­ranno sul banco degli impu­tati e ci saprò stare. Vogliono cen­su­rare penal­mente la libertà di parola. Pro­ces­sarne uno per sco­rag­giarne cento: que­sta tec­nica che si applica a me vuole ammu­to­lire. È un silen­zia­tore e va disar­mato». Lo scrit­tore de Il peso della far­falla non fa mar­cia indie­tro sulle sue affer­ma­zioni, in una recente inter­vi­sta a Repub­blica De Luca dove aveva pre­ci­sato: «Non ho mai fatto l’esaltazione del sabo­tag­gio. Ho sem­pli­ce­mente detto che quell’opera in Val di Susa va sabo­tata per diverse ragioni che tutti cono­scono bene…». Tut­tora difende il diritto d’opinione, la libertà di parola e il pro­prio soste­gno ai No Tav. Invita, infine, i magi­strati di Torino a inda­gare i piani alti del Tav, piut­to­sto che «per­se­gui­tare il movi­mento».
È ama­reg­giato il legale di Erri De Luca, l’avvocato Gian Luca Vitale: «Pen­sa­vamo non dovesse essere pro­ces­sato, ora cer­che­remo di dimo­strare che non deve essere con­dan­nato. Ne discu­te­remo in dibat­ti­mento». Uscendo dall’aula in cui si è tenuta l’udienza pre­li­mi­nare, Vitale ha riba­dito: «Le parole di un intel­let­tuale non pos­sono costi­tuire reato». E ha aggiunto: «Il giu­dice ha rite­nuto utile un accer­ta­mento dibat­ti­men­tale, ma noi con­ti­nuiamo a essere con­vinti che que­sto sia un pro­cesso alle parole e dimo­stre­remo tran­quil­la­mente che que­sta non è stata un’istigazione a delin­quere». Di tutt’altro tenore il com­mento di Alberto Mittone, legale di Ltf, costi­tui­tasi parte civile, che si dice invece «sod­di­sfatto» del rin­vio a giu­di­zio, per­ché «è quello che chie­de­vamo».
A favore dello scrit­tore si erano espressi intel­let­tuali e arti­sti ita­liani, da Fio­rella Man­noia ad Asca­nio Cele­stino, da Luca Mer­calli al padre com­bo­niano Alex Zano­telli fino ai Wu Ming, sot­to­li­neando come «le parole non si pro­ces­sino ma si libe­rino». In occa­sione della prima seduta dell’udienza pre­li­mi­nare si erano, inol­tre, svolti in diverse città pre­sidi con let­ture pub­bli­che dei testi di De Luca.
Ieri, è pre­valsa la posi­zione dei pm che nella scorsa udienza ave­vano soste­nuto: «Al bar­biere di Bus­so­leno pos­siamo per­do­nare se dice di tagliare le reti, a un poeta, a un intel­let­tuale come lui, no». Cri­tico sulla deci­sione del gup, Paolo Fer­rero, segre­ta­rio di Rifon­da­zione: «Con­ti­nua e si ina­spri­sce sem­pre di più la cri­mi­na­liz­za­zione del dis­senso, tutti quelli che non appog­giano la Tav fini­scono “menati” o denun­ciati. Ai magi­strati di Torino sug­ge­ri­sco di occu­parsi piut­to­sto del malaf­fare legato alle grandi opere come la Tav, invece che pro­ces­sare chiun­que esprima il pro­prio no ad un’opera inu­tile e dannosa».



Related Articles

La rabbia dei cassintegrati Alcoa, dimenticati da Palazzo Chigi

Sardegna. Da Portovesme a Cagliari per la ripresa della produzione. Glencore è pronta a subentrare alla multinazionale Usa. Ma chiede uno sconto sul costo dell’energia

Enti locali, Spi-Cgil: “Nel 2011 -63% di risorse dallo Stato”. Meno welfare e più tasse

 

Il sindacato ha effettuato un’analisi dei bilanci di previsione di 7.537 comuni. A  fronte di una perdita pesante dei vari Fondi nazionali, registrato un aumento delle tasse (+11% per l’imposta sui redditi e +12% di Tarsu) e di entrate extratributarie

GLI ERRORI DEL MINISTERO

DOPO il marasma dei quesiti mal formulati nelle prove del cosiddetto Tfa (indispensabili per accedere al “concorsone” per insegnanti), il ministro Profumo risponde alle generali proteste pubblicando in rete i nomi degli estensori. Si tratta di un centinaio di persone, che, essendo sconosciute ai più, corrono al massimo il rischio di suscitare qualche risatina nel proprio condominio. Basta pubblicare quei nomi per ricomporre la gigantesca figuraccia? Direi di no, anche perché quella del Tfa non è che l’ultima di una serie di infortuni, non tutti conosciuti, in cui è incappata la gestione attuale del ministero.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment