I pestaggi nel carcere di Vicenza e la sorte di Dimitri Alberti

I pestaggi nel carcere di Vicenza e la sorte di Dimitri Alberti

Il mani­fe­sto è stato uno dei pochi gior­nali a dare la noti­zia dell’ennesima con­danna che la Corte Euro­pea dei Diritti dell’Uomo ha inflitto all’Italia per vio­la­zione dell’art. 3 Con­ven­zione: «Trat­ta­menti inu­mani e degra­danti». Alla vit­tima, Dimitri Alberti, la Cedu ha rico­no­sciuto un risar­ci­mento di 15.000 euro per danni fisici e morali cau­sati da un pestag­gio dei Cara­bi­nieri al momento del suo arre­sto avve­nuto nel marzo del 2010.
I magi­strati ave­vano cre­duto – come capita quasi sem­pre – alla ver­sione delle Forze dell’Ordine: le costole rotte e l’ematoma al testi­colo sini­stro, Dimitri se li era pro­cu­rati da solo nel corso della sua «resi­stenza ai pub­blici uffi­ciali» che gli sta­vano strin­gendo i polsi den­tro le manette.
Ma dove si trova ora Dimitri?
Dopo quell’arresto, Dimitri fu ristretto nel car­cere di Verona; poi era andato a finire in una comu­nità ma da qui, per il soprag­giun­gere di un defi­ni­tivo, era stato por­tato al car­cere di Vicenza.
Ricordo la visita ispet­tiva che da depu­tata radi­cale feci pro­prio in quel car­cere, accom­pa­gnata dai radi­cali Maria Gra­zia Luc­chiari e Fran­ce­sco Dona­dello. Ci arri­vammo a sor­presa in una dome­nica di novem­bre: nes­suno se lo aspet­tava. Il coman­dante e il diret­tore non c’erano e ci rag­giun­sero già a ispe­zione in corso. L’istituto ver­sava in con­di­zioni pie­tose, tutte meti­co­lo­sa­mente ripor­tate in un inter­pel­lanza par­la­men­tare. L’atmosfera era di paura e i dete­nuti, chiusi nelle loro pic­cole celle, sem­bra­vano inton­titi e ras­se­gnati a quello stato di pro­stra­zione. Fino a che uno di loro, un nige­riano, ebbe il corag­gio di par­lare e, come un fiume in piena, rac­contò delle vio­lenze com­messe da una con­so­li­data squa­dretta di agenti nei con­fronti dei dete­nuti. Dopo O.P.M. – que­ste le ini­ziali dell’uomo nige­riano che, nono­stante le con­di­zioni ves­sa­to­rie, si stava per lau­reare in car­cere – altri, anche ita­liani, con­fer­ma­rono i pestaggi. Dopo quella visita e dopo l’interpellanza radi­cale, ci fu un’approfondita inchie­sta interna del Dott. Fran­ce­sco Cascini del Dap, la situa­zione migliorò e la magi­stra­tura aprì final­mente un’indagine (altre denunce dei dete­nuti degli anni pas­sati erano state lasciate cadere nel vuoto) che portò sul banco degli impu­tati 15 agenti di poli­zia peni­ten­zia­ria.
Ma, tor­nando a Dimitri, oggi dov’è? E’ ancora in car­cere? Pestato dai Cara­bi­nieri, come accer­tato dalla Cedu, ma anche in car­cere dagli agenti?
Dimitri è rico­ve­rato in stato neu­ro­ve­ge­ta­tivo presso il Cen­tro ria­bi­li­ta­tivo vero­nese di Mar­zana: ci è finito, dopo un’ischemia soprag­giunta ad un attacco epi­let­tico che lo ha colto nell’agosto del 2012 men­tre era dete­nuto al car­cere di Vicenza. Che ci siano di mezzo anche i pestaggi denun­ciati da O.P.M.?
Per come si sono svolti i fatti in pas­sato, c’è da tenere gli occhi bene aperti. Il fatto che in Ita­lia non sia stato ancora intro­dotto il reato di tor­tura la dice lunga sulle omertà del sistema che, intanto, è riu­scito ad otte­nere che noi radi­cali non si sia più par­la­mento, con la con­se­guenza che le lun­ghe visite ispet­tive “a sor­presa” negli isti­tuti peni­ten­ziari – effet­tuate ai sensi dell’articolo 67 dell’ordinamento peni­ten­zia­rio – si siano nella pra­tica inter­rotte.
Infine, una pre­oc­cu­pa­zione: sulla vio­la­zione dei Diritti Umani Fon­da­men­tali, l’osannato Pre­si­dente del Con­si­glio Mat­teo Renzi, deten­tore di pri­mati ine­gua­glia­bili quanto a pre­senze in tv, il lugu­bre “verso” del pas­sato non ha dimo­strato la minima pro­pen­sione a volerlo cam­biare. Ecco per­ché rite­niamo che que­sto sia il punto cen­trale e irri­nun­cia­bile dell’iniziativa e della poli­tica radi­cale.
* Segre­ta­ria nazio­nale di Radi­cali italiani



Related Articles

Se il welfare non basta

La rete di protezione “casalinga” si rivela indispensabile tutte le volte che lo stato non offre l’assistenza necessaria. Ma può anche diventare una gabbia per gli individui e per la società  intera.  Nonni e genitori unica risorsa per i giovani

 

Terrore a Bangkok bomba fa strage 19 morti nel tempio “Attacco ai turisti”

L’esplosivo piazzato nel cuore della capitale thailandese:oltre 100 feriti. “Vogliono colpire la nostra economia”. Le piste dell’opposizione ai militari o del terrorismo islamista

Gino Strada: «Crudelta senza regole né rispetto»

Strage Nato all’ospedale di Kunduz. Il commento a caldo del fondatore di Emergency al manifesto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment