In Europa in gioco la democrazia

In Europa in gioco la democrazia

La recente vit­to­ria di Syriza in Gre­cia offre un forte bar­lume di spe­ranza per il futuro della demo­cra­zia eco­no­mica e sociale in Europa. Però, allo stesso tempo, la cre­scita del nazio­na­li­smo di destra, con i suoi sen­ti­menti raz­zi­sti e anti­se­mi­titi, minac­cia gli ideali di un’Europa plu­rale e demo­cra­tica. Quei rac­conti media­tici che rap­pre­sen­tano in maniera scor­retta l’importanza del cre­scente sup­porto elet­to­rale per Syriza come la nascita dell’«estremismo» di sini­stra vanno con­tra­stati dura­mente. Non vi è alcuna asim­me­tria con­tem­po­ra­nea tra i cosid­detti «estre­mi­smi» di destra e sini­stra. I ten­ta­tivi di smi­nuire le richie­ste di giu­sti­zia eco­no­mica in Gre­cia e Spa­gna (dove Pode­mos ha gua­da­gnato l’8% dei voti) e di eti­chet­tarle come «popu­li­ste», «anti-Europee» o «euro-scettiche», non com­prende la loro ampiezza e impor­tanza. Que­ste vit­to­rie della sini­stra radi­cale non pos­sono essere com­pa­rate con la nascita del Fronte Nazio­nale in Fran­cia, dell’Ukip in Inghil­terra, o con il raf­for­za­mento dei par­titi anti­se­miti in Gre­cia e Unghe­ria o con il popu­li­smo anti-immigranti in Bel­gio e Danimarca.

La cre­scita della destra «euro-scettica» risponde alle poli­ti­che di auste­rità e ai cam­bia­menti demo­gra­fici con delle piat­ta­forme chia­ra­mente raz­zi­ste. Men­tre la cre­scita della sini­stra offre una cri­tica chiara e un’alternativa ben for­mu­lata alle dise­gua­glianze sociali ed eco­no­mi­che pro­dotte dalle poli­ti­che di auste­rità. Per impe­dire che la vio­lenza e la dispe­ra­zione si dif­fon­dano ulte­rior­mente, l’Unione Euro­pea ha biso­gno di nuove alleanze attra­verso i con­fini nazio­nali e di una rior­ga­niz­za­zione delle pro­prie isti­tu­zioni, al fine di rag­giun­gere una più ampia ugua­glianza eco­no­mica. Si dovrebbe lan­ciare un dibat­tito pub­blico serio per discu­tere il futuro dell’Unione, il ruolo della soli­da­rietà e della giu­sti­zia sociale e il signi­fi­cato dell’idea di Europa. Ma il suc­cesso di un dibat­tito pub­blico demo­cra­tico dipende dalla verità e dalla tra­spa­renza delle rap­pre­sen­ta­zioni media­ti­che dei movi­menti poli­tici e delle loro riven­di­ca­zioni. In que­sto senso, chie­diamo atten­zione per le dif­fe­renze tra le varie forme di oppo­si­zione poli­tica all’austerità, tra chi vuole più egua­glianza e chi vuole più disu­gua­glianza. Solo così è pos­si­bile vedere in maniera più chiara quanto sia dav­vero in gioco il futuro della democrazia.

Etienne Bali­bar, Joanna Bourke, Wendy Brown, Judith Butler, Dru­cilla Cor­nell, Simon Crit­chley, Jodi Dean, Costas Dou­zi­nas, Eric Fas­sin, Engin Isen, Chan­tal Mouffe, Jean-Luc Nancy, Toni Negri, Micael Lowy, San­dro Mez­za­dra, , Bruce Rob­bins, Jac­que­line Rose, Eleni Vari­kas, Hay­den White, Sla­voj Zizek


Tags assigned to this article:
appellopopulismoSyrizaxenofobia

Related Articles

Israele si trova disarmata di fronte a un incendio

DISASTRI Brucia la riserva naturale del monte Carmel, 42 morti

Il punto di non ritorno

    FORSE anche contro la sua volontà, Angelino Alfano ha ormai superato il punto di non ritorno. Quel confine invisibile è stato oltrepassato nel momento in cui ha comunicato al suo “padre putativo” che non avrebbe partecipato alla riunione dell’ufficio di presidenza del Pdl. Quel passo, destinato a condurre verso la scissione del centrodestra, sembra però compiuto con una dose di inconsapevolezza.

Whirl­pool, adesso Renzi ha un fantomatico “piano B”

Caserta. Sciopero solidale in tutto il distretto, e il 12 giugno è stop nazionale con manifestazione a Varese. Il premier, in Campania per il tour elettorale, incontra i lavoratori: nessuna riconversione in supermercati, promette, ma per il resto soltanto vaghe promesse

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment