L’Iran onora i patti, ma le sanzioni “nucleari” restano. E allora asse con Mosca

L’Iran onora i patti, ma le sanzioni “nucleari” restano. E allora asse con Mosca

Ripren­de­ranno il 16 giu­gno i col­lo­qui tra i cin­que paesi del Con­si­glio di Sicu­rezza Onu, insieme alla Ger­ma­nia, e le auto­rità ira­niane. Con l’aggravarsi della crisi in Ucraina, il quinto round nego­ziale di Vienna si era chiuso, lo scorso mag­gio, senza un accordo in vista della sca­denza per l’intesa defi­ni­tiva, fis­sata per il pros­simo 20 luglio. Per la len­tezza con cui le misure inter­na­zio­nali con­tro l’economia ira­niana ven­gono rivi­ste da ban­che euro­pee e sta­tu­ni­tensi, il pre­si­dente mode­rato Has­san Rohani ha insi­stito sulla neces­sità di con­clu­dere un con­tratto nel set­tore ener­ge­tico con la Rus­sia dal valore di 10 miliardi di dollari.

Nell’incontro con il pre­si­dente russo Putin, a mar­gine della quarta Con­fe­renza sull’interazione e le misure di raf­for­za­mento dei rap­porti eco­no­mici in Asia (Cica), Rohani ha riba­dito l’importanza dell’asse con Mosca. In quell’occasione il pre­si­dente cinese Xi Jin­ping ha sot­to­li­neato la neces­sità della for­ma­zione di una nuova infra­strut­tura regio­nale in mate­ria di sicu­rezza a cui Teh­ran sarà chia­mata a pren­dere parte.

Non solo, secondo l’Agenzia inter­na­zio­nale per l’energia ato­mica (Aiea), l’Iran sta rispet­tando i ter­mini dell’accordo di Gine­vra del 24 novem­bre scorso, avendo neu­tra­liz­zato l’80% delle sue riserve di ura­nio arric­chito al 20%. L’accordo sul nucleare pre­vede un alleg­ge­ri­mento delle sanzioni inter­na­zio­nali con­tro Teh­ran in caso di rispetto dei patti.

Sem­brano anche giunte a una svolta, come ai tempi della pre­si­denza di Kha­tami, le tese rela­zioni con Ryad. Il mini­stro degli Esteri ira­niano, Javad Zarif visi­terà pre­sto la capi­tale saudita.

Eppure Rohani ha ammesso che il governo ira­niano non ha ancora ridi­men­sio­nato le inter­fe­renze delle auto­rità nella «vita pri­vata dei cit­ta­dini». In una con­fe­renza su Salute e diritti sociali a Teh­ran, Rohani ha inco­rag­giato i diri­genti ira­niani a tol­le­rare un nuovo corso. Nono­stante le pro­messe, la stampa rifor­mi­sta è però di nuovo nell’occhio del ciclone. Dopo chiu­sure e imme­diate ria­per­ture di quo­ti­diani vicini all’ex pre­si­dente Kha­tami, tre gior­na­li­sti sono stati arre­stati in poche ore. Saba Azar­peik è stata pre­le­vata senza un’accusa pre­cisa dal suo uffi­cio di Teh­ran. La repor­ter aveva lavo­rato per il quo­ti­diano cri­tico verso il regime Ete­mad ed era già stata arre­stata nel 2013. Qual­che giorno prima anche il gior­na­li­sta Seraj Mira­mandi è stato arre­stato senza accuse appa­renti. E il gior­na­li­sta Saeed Bou­ra­zizi è stato con­dotto in pri­gione con le accuse di pro­pa­ganda anti-governativa.

Nono­stante le pro­messe di rilas­sare i con­trolli su Face­book, otto gio­vani ira­niani sono stati arre­stati dalla guar­dia rivo­lu­zio­na­ria e con­dan­nati per insulti ad alti uffi­ciali, alla guida suprema e dif­fu­sione di pro­pa­ganda anti-governativa. Intanto l’attivista per i diritti delle donne lavo­ra­trici, Halah Safar Zadeh, ha denun­ciato le con­di­zioni discri­mi­na­to­rie a cui sono sot­to­po­ste le donne ira­niane in varie aziende, per salari bassi e assenza di diritti.

Infine, le fami­glie di quat­tro pri­gio­nieri poli­tici hanno denun­ciato la spa­ri­zione dei loro parenti. Tra gli scom­parsi Par­vin Moham­madi, atti­vi­sta per i diritti dei lavo­ra­tori. A trat­ta­menti disu­mani sarebbe stato sot­to­po­sto invece, secondo l’Organizzazione per i diritti umani del Kur­di­stan, l’attivista Moham­med Sadiq Kaboudvand.



Related Articles

Expo 2015, i dannati dell’evento

Terre promesse. L’Expo 2015 è un laboratorio nel quale sono sperimentate le forme di precarietà prevista dal Jobs Act. Mentre l’uso del lavoro gratuito viene spacciato come un’occasione da sfruttare per arricchire il proprio «curriculum vitae»

Intrigo internazionale a Mogadiscio, rischio golpe per la Somalia

Africa Sub-sahariana. Tre valigette con dentro contanti per 9,6 milioni di dollari sequestrate dai doganieri nello scalo di Mogadiscio. Venivano dagli Emirati

L’offerta del Cremlino per la pace in Ucraina

Si negozia per un’intesa. Mosca vuole una regione autonoma. Kiev pensa a un Muro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment