Poroshenko giura, 13 morti a Lugansk

Poroshenko ha giu­rato come nuovo pre­si­dente dell’Ucraina, men­tre nelle regioni orien­tali pro­se­guono i com­bat­ti­menti e nel momento in cui arri­va­vano noti­zie di tre­dici morti, di cui dieci civili, a Lugansk, a seguito di nuovi attac­chi dell’esercito ucraino. Chi si aspet­tava un seguito alle parole cara­mel­lose e disten­sive del D-Day, sarà rima­sto deluso, per­ché l’intenzione di Poroshenko non sem­bra per niente diversa da quella del suo pre­de­ces­sore Tur­chy­nov. Quest’ultimo aveva più volte spe­ci­fi­cato che l’ultimo ed estremo rime­dio sarebbe stato solo l’annientamento dei «terroristi».

E l’atteggiamento del neo pre­si­dente non pare disco­starsi, poi­ché l’argomento «fede­ra­li­sta» non è stato in alcun modo affron­tato nel suo discorso, anzi l’oligarca ha par­lato di decen­tra­mento ma ha escluso una riforma verso il fede­ra­li­smo. Poroshenko a que­sto pro­po­sito, si è limi­tato a pro­nun­ciare parte del suo inter­vento in russo, per dimo­strare una sorta di buona volontà, salvo defi­nire «armati dai russi» tutti i ribelli che non accet­tano la svolta poli­tica effet­tuata a Kiev dopo la bat­ta­glia di Maj­dan. Poroshenko ha poi spe­ci­fi­cato di volere un nuovo trat­tato inter­na­zio­nale capace di garan­tire una difesa mili­tare inter­na­zio­nale, nel caso l’Ucraina sia minac­ciata da forze stra­niere. Ogni rife­ri­mento non è pura­mente casuale.

Ha poi pro­messo di fir­mare il 27 giu­gno l’accordo di asso­cia­zione con l’Unione euro­pea e ha ricor­dato di con­si­de­rare ucraina la Cri­mea, da poco annessa alla Fede­ra­zione russa. «La Cri­mea non tor­nerà mai a far parte dell’Ucraina»: gli ha rispo­sto imme­dia­ta­mente Vla­di­mir Kon­stan­ti­nov, capo del Con­si­glio di Stato della repub­blica auto­no­mi­sta, in un comu­ni­cato pub­bli­cato sul sito web del Par­la­mento della Peni­sola. «Poro­shenko può dire quello che vuole, le sue affer­ma­zioni sono prive di senso» ha concluso.

L’oligarca Poroshenko ha infine spe­ci­fi­cato di rea­liz­zare quanto pro­messo durante la sua cam­pa­gna elet­to­rale riguardo il cam­bia­mento per quanto riguarda cor­ru­zione e domi­nio degli oli­gar­chi. La prima prova della sua indi­pen­denza pre­si­den­ziale e deter­mi­na­zione — ha scritto la stampa russa — «è pro­ba­bile avrà a che fare con le pro­vince orien­tali del paese che hanno boi­cot­tato le ele­zioni e si difen­dono con­tro la repres­sione mili­tare di Kiev». Finora però Poroshenko non sem­bra inten­zio­nato a porre fine agli attac­chi aerei e ai bom­bar­da­menti con­tro le città ucraine delle regioni orien­tali. Un mas­sa­cro in corso, nel silen­zio più totale di isti­tu­zioni, leggi Ue, e media. Que­sto atteg­gia­mento– è lecito chie­dersi — dove por­terà? Al peg­gio, natu­ral­mente, con la pos­si­bi­lità che la parte orien­tale del paese diventi il ter­reno di con­flitto civile, coau­diu­vato da mer­ce­nari e «volon­tari» capaci di infil­trarsi in entrambe le parti in gioco e alzare — e non di poco — la dram­ma­ti­cità degli eventi.

«Fer­mare il mas­sa­cro» è la domanda prin­ci­pale che pro­viene dalla Rus­sia e da chi sta seguendo quanto accade nell’est ucraino. In tutta que­sta situa­zione non poteva man­care l’appoggio uffi­ciale di Ue e Nato. «Desi­dero riba­dire il con­ti­nuo appog­gio ed impe­gno dell’Unione Euro­pea nei con­fronti dell’Ucraina» ha dichia­rato il pre­si­dente del Con­si­glio Ue, Her­man Van Rom­puy, che ha preso parte alla ceri­mo­nia di inse­dia­mento a Kiev. Van Rom­puy — senza ricor­dare il con­flitto in corso e il fatto che la metà della popo­la­zione ucraina non ha votato) ha sot­to­li­neato come «la netta mag­gio­ranza garan­ti­ta­gli alle ele­zioni ha messo in luce il desi­de­rio del popolo ucraino di ripor­tare la sta­bi­lità nel paese».

«Gli alleati della Nato — ha spe­ci­fi­cato poi Rasmus­sen — restano impe­gnati a soste­nere la sovra­nità, l’indipendenza e l’integrità ter­ri­to­riale dell’Ucraina». Infine Putin: ieri è arri­vata l’ufficialità del raf­for­za­mento delle fron­tiere russe, dopo che i sol­dati ucraini hanno perso ben tre basi di frontiera.


Tags assigned to this article:
Crisi ucrainaPetro Poroshenko

Related Articles

“L’economia illegale vale il 10% del Pil”

La Banca d’Italia torna a stigmatizzare i guasti dell’economia criminale. Il governatore Ignazio Visco, in una audizione, fornisce due dati che fanno riflettere. Il primo: l’economia illegale vale circa 150 miliardi

Il voto incerto delle periferie

Al ballottaggio Hollande batterebbe Sarkozy. Ma il rischio di forte astensione pesa sui sondaggi

L’effetto Libia

Che spreco di aggettivi. Da un lato, quello dell’occidente e affini, «disgustoso» (Hillary Clinton), «scandaloso» (Sarkozy), «vergognoso» (Longuet, ministro francese), «ingiustificabile» (Cameron), «sgradevole» (Terzi), «triste» (Gul, presidente turco). Dall’altro, «indecente e isterica» (per Mosca) la reazione dell’occidente e una frase eclatante e fumosa (per Pechino), «noi non proteggiamo le persone ma la giustizia».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment