Sinistra e ambientalismo per una nuova agenda politica

Sinistra e ambientalismo per una nuova agenda politica

Strasburgo . Abbiamo chiesto ad alcuni protagonisti italiani della sinistra, dell’ambientalismo, dei movimenti, di misurarsi con un orizzonte e con le possibilità di un lavoro comune. È emersa la necessità di un’altra politica capace di costruire un’alternativa e mettere fine al trentennio liberista. Disoccupazione di massa, disuguaglianze record e cambiamento climatico possono trovare una soluzione solo nella «democrazia praticata». Un valido antidoto all’antipolitica e un terreno di convergenza per i movimenti

Le ele­zioni euro­pee del 25 mag­gio hanno san­cito la vit­to­ria del Par­tito popo­lare. I par­titi e i movi­menti di destra che asso­ciano un forte anti­eu­ro­pei­smo a derive popu­li­ste e xeno­fobe hanno con­qui­stato circa 140 seggi su 751, 60 in più rispetto alle ele­zioni euro­pee del 2009.
Ma l’appuntamento elet­to­rale ha segnato anche l’avanzata dei par­titi della sinistra euro­pea e dei Verdi, che a Bru­xel­les por­tano 97 par­la­men­tari.
Si può par­tire da que­sto risul­tato per imma­gi­nare la costru­zione di uno spa­zio poli­tico che, sulla base di un’agenda con­di­visa e di un supe­ra­mento delle diver­genze, tenti un’inversione della rotta d’Europa?
Abbiamo chie­sto innan­zi­tutto quale signi­fi­cato può avere que­sto risul­tato elet­to­rale, quali rifles­sioni e quali mobi­li­ta­zioni può por­tare.
In secondo luogo, sia nella Sini­stra euro­pea che tra i verdi, c’è una forte fram­men­ta­zione tra forze poli­ti­che e spesso le posi­zioni sono lon­tane; abbiamo dun­que chie­sto quali siano, se ci sono, pos­si­bi­lità di con­ver­genza e quali potreb­bero essere le prio­rità con­di­vise per l’agenda euro­pea del dopo-austerità e per quella del seme­stre di pre­si­denza ita­liana della Ue. Natu­ral­mente non manca una spe­ci­fi­cità ita­liana, legata alla pos­si­bi­lità di crea­zione di uno spa­zio poli­tico in Ita­lia.
A rispon­dere alle nostre domande sono Giu­lio Mar­con, depu­tato di Sini­stra eco­lo­gia e libertà, Gra­zia Naletto, pre­si­dente di Luna­ria e co-portavoce di Sbi­lan­cia­moci!, Vit­to­rio Cogliati Dezza, pre­si­dente di Legam­biente, e Cor­rado Oddi, del comi­tato ope­ra­tivo Lista Tsi­pras, che pro­viene dall’esperienza del movi­mento per l’acqua e della Fun­zione pub­blica Cgil.

Oggi un euro­par­la­men­tare su otto è rosso o verde. Lo con­si­de­rate un risul­tato signi­fi­ca­tivo delle ele­zioni del 25 maggio?

Giu­lio Mar­con: Alle ele­zioni euro­pee non c’è stata solo una vit­to­ria del fronte popu­li­sta e xeno­fobo, ma anche l’avanzata del campo di sinistra e ambien­ta­li­sta che ha un’altra idea di Europa, alter­na­tiva a quella dell’austerità. È un fatto che viene sot­to­va­lu­tato ma di cui biso­gna tenere conto nella costru­zione di un’altra Europa.
Il Pse di Schulz invece di essere subal­terno alle lar­ghe intese e all’austerity dovrebbe mostrarsi dispo­ni­bile a costruire con i rosso-verdi un campo di forze che guarda all’Europa sociale, del lavoro e dell’ambiente.Nel par­la­mento euro­peo andrebbe costruito con i «rosso-verdi» un gruppo tra­sver­sale o un «patto di con­sul­ta­zione», a pre­scin­dere dall’appartenenza alle varie fami­glie poli­ti­che, ormai in crisi e da rime­sco­lare.
Gra­zia Naletto: In que­sto qua­dro certo è dif­fi­cile imma­gi­nare un’inversione di ten­denza signi­fi­ca­tiva delle poli­ti­che euro­pee. Ma 97 par­la­men­tari verdi e della sinistra euro­pea non sono pochi: con­sen­ti­reb­bero, se ci fosse la volontà poli­tica, di raf­for­zare in Europa la rap­pre­sen­tanza dei ceti sociali che sono stati mag­gior­mente col­piti dalla crisi, dalle poli­ti­che di auste­rità e dall’egemonia di un modello di svi­luppo pre­da­to­rio e onni­voro che è inso­ste­ni­bile.
Cor­rado Oddi: Anche io vedo un risul­tato com­ples­si­va­mente buono. Soprat­tutto in con­si­de­ra­zione del fatto che veniamo da anni di ege­mo­nia del pen­siero libe­ri­sta in Europa e, ancor più, di fronte ad uno sce­na­rio che, dopo le ele­zioni, vedrà la costru­zione, anche nel Par­la­mento Euro­peo, di una coa­li­zione di lar­ghe intese tra popo­lari e social­de­mo­cra­tici.
Da que­sto punto di vista, la cul­tura poli­tica e l’iniziativa dei gruppi par­la­men­tari rosso e verdi pos­sono ben rap­pre­sen­tare un’alternativa al pen­siero unico dell’austerità e dei vin­coli di bilan­cio.
Cogliati Dezza: A me invece sem­bra una rap­pre­sen­tanza troppo esi­gua. E che que­sto avvenga in una fase di crisi così deva­stante è ancora più pre­oc­cu­pante. In Ita­lia le aggre­ga­zioni della sini­stra pagano il prezzo della man­canza di visione stra­te­gica e di un’idea di Europa molto difen­siva. In Europa i verdi si con­fer­mano la quarta forza poli­tica, con per­cen­tuali a due cifre, ma in Ita­lia la rap­pre­sen­tanza poli­tica dell’ambientalismo è in crisi pro­fonda e non da oggi.

A Bru­xel­les, sia nella Sini­stra euro­pea che tra i verdi, c’è una forte fram­men­ta­zione tra forze poli­ti­che e spesso le posi­zioni sono lon­tane. Pen­sate che ci siano pos­si­bi­lità di con­ver­genza? Quali potreb­bero essere le prio­rità con­di­vise per l’agenda euro­pea del dopo-austerità e per quella del seme­stre di pre­si­denza ita­liana della Ue?

Gra­zia Naletto: La pos­si­bi­lità di con­ver­genza si apre se c’è la capa­cità di uscire dalla pro­pria auto­re­fe­ren­zia­lità e dai vizi poli­ti­ci­sti. Non è solo e non è tanto un pro­blema di appar­te­nenze iden­ti­ta­rie.
Il tema è quello dell’area sociale di rife­ri­mento. Chi inten­dono rap­pre­sen­tare a Bru­xel­les gli eletti in quest’area? La rispo­sta a que­sta domanda fa la dif­fe­renza e for­ni­sce indi­ca­zioni sulle prio­rità che potreb­bero con­sen­tire ini­zia­tive poli­ti­che comuni.
La crisi è ini­ziata nel 2008: ne sono stati ampia­mente sot­to­va­lu­tati sino ad oggi gli effetti sociali. Lotta alle dise­gua­glianze, blocco delle poli­ti­che di auste­rità, ridu­zione del potere della finanza, un piano euro­peo per l’occupazione cen­trato sulla tutela dell’ambiente, sul raf­for­za­mento del sistema di wel­fare, sul soste­gno alla ricerca e sulla difesa e valo­riz­za­zione dello straor­di­na­rio patri­mo­nio cul­tu­rale euro­peo, potreb­bero costi­tuire la base da cui par­tire.
Una delle discri­mi­nanti di que­sta col­la­bo­ra­zione dovrebbe essere in ogni caso l’esclusione di qual­siasi alleanza con movi­menti e forze poli­ti­che xeno­fobe, popu­li­ste e più o meno dichia­ra­ta­mente raz­zi­ste.
Cor­rado Oddi: Intanto è neces­sa­rio par­tire da una valu­ta­zione dello sce­na­rio che si pro­spetta, dopo il risul­tato elet­to­rale, rispetto alle poli­ti­che che met­terà in campo la mag­gio­ranza di lar­ghe intese che si pro­fila anche in Europa. Qui da noi si favo­leg­gia, anche per magni­fi­care le pre­sunte future ini­zia­tive del seme­stre di pre­si­denza ita­liano dell’Ue, che saremo in pre­senza di una svolta signi­fi­ca­tiva delle poli­ti­che euro­pee, capace di met­tere tra paren­tesi la linea del rigore e dell’austerità.
C’è addi­rit­tura chi si avven­tura nel pre­dire un’Europa che farà scelte di stampo key­ne­siano. Ora, è vero che, pro­ba­bil­mente, ci sarà un allen­ta­mento della linea più rigo­ri­sta, come per esem­pio, fanno intra­ve­dere le scelte di poli­tica mone­ta­ria della Bce di que­sti ultimi giorni, ma dubito for­te­mente che ciò signi­fi­chi una reale inver­sione di ten­denza rispetto al para­digma neo­li­be­ri­sta che l’Ue a tra­zione tede­sca ha adot­tato negli ultimi anni.
È a par­tire da qui che si aprono spazi signi­fi­ca­tivi di ini­zia­tiva poli­tica e mobi­li­ta­zione sociale su cui si potranno costruire con­ver­genze tra il gruppo della Ssinistra euro­pea e quello dei Verdi: penso, ad esem­pio, al con­tra­sto del trat­tato in corso di nego­zia­zione tra Usa e Ue sul libero scam­bio oppure al fatto di lavo­rare per affer­mare la difesa dei beni comuni, a par­tire dall’Iniziativa dei Cit­ta­dini Euro­pei pre­sen­tata nei mesi scorsi a favore dell’acqua pub­blica, che ha rac­colto 1.800.000 firme in tutt’Europa.
O, ancora, al fatto di soste­nere un Piano straor­di­na­rio di inve­sti­menti pub­blici in Europa che possa far da sup­porto alla crea­zione di nuova e buona occu­pa­zione.
Cogliati Dezza: Vedo la grande fram­men­ta­zione nella sini­stra euro­pea, ma non mi sem­bra che i verdi euro­pei si tro­vino nella stessa situa­zione. Non so se ci potrà essere con­ver­genza, so quali dovreb­bero essere le prio­rità, lo abbiamo scritto nell’appello da far sot­to­scri­vere ai can­di­dati ita­liani.
Sicu­ra­mente c’è la neces­sità di far ripren­dere all’Europa il ruolo di lea­der­ship mon­diale su due ter­reni. Da un lato una poli­tica lun­gi­mi­rante, che anche gra­zie alla capa­cità di ricerca, inno­va­zione e miglio­ra­mento della capa­cità com­pe­ti­tiva del vec­chio con­ti­nente, costringa gli altri grandi paesi del mondo a sot­to­scri­vere un accordo per la miti­ga­zione e l’adattamento ai cam­bia­menti cli­ma­tici. Qui si anni­dano gran parte delle oppor­tu­nità di una nuova poli­tica indu­striale che fac­cia uscire l’Europa dalla crisi.
Dall’altro l’avvio di una sostan­ziale e reale demo­cra­tiz­za­zione delle strut­ture euro­pee, per­ché la costru­zione di una fede­ra­zione effet­tiva va di pari passo con la demo­cra­tiz­za­zione e la costru­zione di sistemi di par­te­ci­pa­zione dei cit­ta­dini.
Ma que­sto signi­fi­cherà per le attuali forse poli­ti­che di sini­stra (molto meno per i verdi che forse sono oggi la forza poli­tica euro­pea più avanti in que­sta dire­zione) una pro­fonda revi­sione del pro­prio approc­cio all’Europa, vista finora solo come la causa dei mali del libe­ri­smo impe­rante.
Giu­lio Mar­con: È vero che in que­sto campo di forze «rosso-verde» c’è dispa­rità di vedute e ci sono anche forze ancora attratte da un anti­eu­ro­pei­smo di maniera ed ideo­lo­gico.
Ma ci sono almeno quat­tro obiet­tivi che potreb­bero unire que­ste forze: la demo­cra­tiz­za­zione delle isti­tu­zioni euro­pee, la fine delle poli­ti­che dell’austerità, il con­trollo e la rego­la­men­ta­zione dei mer­cati finan­ziari, un pro­gramma eco­no­mico e sociale fon­dato sulla ricon­ver­sione eco­lo­gica, un piano del lavoro, il disarmo e l’investimento nella scuola e nella ricerca.

In Ita­lia, il 25 mag­gio le forze poli­ti­che che fanno rife­ri­mento a quell’area hanno otte­nuto appena un terzo del peso che hanno nell’insieme dell’Europa. Vi inte­ressa la costru­zione di uno spa­zio poli­tico di quel tipo in Ita­lia? E a par­tire da quale rap­pre­sen­tanza sociale?

Gra­zia Naletto: La crisi e i pro­cessi di fram­men­ta­zione che hanno inve­stito sia il mondo dei verdi che l’area della sini­stra hanno creato un vuoto di rap­pre­sen­tanza.
L’autonomia di ini­zia­tiva dei movi­menti sociali è essen­ziale e va pre­ser­vata, ma la man­canza di inter­lo­cu­tori poli­tici di rife­ri­mento osta­cola la pos­si­bi­lità di supe­rare la dimen­sione dell’indignazione e della pro­te­sta per pas­sare a quella della con­ta­mi­na­zione delle deci­sioni che con­di­zio­nano la vita di tutti noi. L’esito del voto può essere da que­sto punto di vista inte­res­sante se visto in pro­spet­tiva.
A con­di­zione che i vizi che hanno attra­ver­sato la poli­tica ita­liana dell’ultimo tren­ten­nio, anche quella rosso-verde, ven­gano can­cel­lati. Tra que­sti la man­canza di radi­ca­mento sociale e la rinun­cia a sce­gliere espli­ci­ta­mente come blocco sociale di rife­ri­mento le classi sociali più deboli; i per­so­na­li­smi ecces­sivi e il cedi­mento al culto del lea­der; la resi­stenza a rin­no­vare le pro­prie classi diri­genti, i lin­guaggi, i metodi, le forme e le sedi della poli­tica; l’uso spesso stru­men­tale dei rap­porti con la società civile orga­niz­zata e con i movi­menti.
Cor­rado Oddi: La situa­zione della sinistra ita­liana e anche delle forze che si richia­mano all’ambientalismo è deci­sa­mente peg­giore rispetto alla situa­zione euro­pea. Le ragioni sono mol­te­plici e la loro ana­lisi ci por­te­rebbe lon­tano. Qui mi limito a dire che l’esperienza della lista Tsi­pras, se riu­scirà a supe­rare le gravi dif­fi­coltà in cui è incorsa subito all’indomani del risul­tato elet­to­rale, potrebbe essere il campo in cui le cul­ture del lavoro, dei beni comuni e dell’ambientalismo pro­vano a costruire una sin­tesi effi­cace, guar­dando ad un inse­dia­mento sociale che mette insieme i set­tori più deboli della società, lavo­ra­tori dipen­denti e parte del ceto medio che si è andato impo­ve­rendo, uni­fi­can­doli in una pro­spet­tiva di reale alter­na­tiva alle ricette neo­li­be­ri­ste che con­ti­nuano ad essere appli­cate anche den­tro la crisi.
Giu­lio Mar­con: In Ita­lia la sinistra radi­cale — o la sini­stra senza agget­tivi — che non si accon­tenta di stare all’opposizione ma che vuole gover­nare il cam­bia­mento ha due strade davanti: farsi coop­tare dal Pd abbrac­ciando un libe­ri­smo «dal volto umano» oppure costruire uno spa­zio auto­nomo, non iden­ti­ta­rio, plu­rale capace di allar­gare il campo della sini­stra: inclu­dendo cam­pa­gne, asso­cia­zioni, movi­menti, sog­getti della poli­tica dif­fusa.
La lista Tsi­pras è stata un’esperienza impor­tante — ha ridato entu­sia­smo e messo in campo ener­gie nuove, rag­giun­gendo l’obiettivo del 4%- men­tre la Spi­nelli e l’esperienza dei garanti — e non penso certo a valu­ta­zioni di carat­tere per­so­nale — sono un fal­li­mento. Com’è un limite il man­cato coin­vol­gi­mento dei movi­menti e della cul­tura poli­tica ambien­ta­li­sta. Da dove ripar­tire? Da Tsi­pras? Non so, vedremo. Sicu­ra­mente quella lista — e quel che rimane del gruppo dei garanti — dovrebbe allar­garsi nel coor­di­na­mento e nella gestione di que­sta fase a quei gio­vani che hanno otte­nuto un risul­tato straor­di­na­rio come Marco Fur­faro, Clau­dio Ric­cio e Gano Cataldo o a donne come Giu­liana Sgrena e Raf­faella Bolini, giu­sto per citare alcune delle figure più signi­fi­ca­tive.
Certo il «seme» (quello che ha signi­fi­cato così tanto per tante migliaia di atti­vi­sti) di Tsi­pras non va fatto appas­sire e comun­que –Tsi­pras o non Tsi­pras — il pro­blema del supe­ra­mento della auto­suf­fi­cienza sostan­zial­mente resi­duale dei sog­getti esi­stenti e della costru­zione di una pro­spet­tiva plu­rale a sini­stra dal Pd è all’ordine del giorno. A meno che di non ras­se­gnarsi ad un logo­ra­mento pro­gres­sivo e alla subal­ter­nità a Renzi o a Grillo.
Cogliati Dezza: Que­sto spa­zio si è cer­cato di costruirlo negli ultimi 15 anni. Oggi pren­diamo atto che il matri­mo­nio è fal­lito, è fal­lito soprat­tutto il ten­ta­tivo di entri­smo degli ambien­ta­li­sti nei par­titi, da Sel al Pd; la sinistra non è stata con­ta­mi­nata dal pen­siero ambien­ta­li­sta, in tanti con­ti­nuano a pen­sare, anche a sinistra, che le que­stioni ambien­tali «sì certo sono impor­tanti…., ma le emer­genze sono altre» l’ambiente è sem­pre una que­stione del secondo tempo!
D’altra parte la rap­pre­sen­tanza auto­noma ambien­ta­li­sta non mi sem­bra goda buona salute. Se si pensa di met­tere insieme due debo­lezze, non si va da nes­suna parte. Occor­re­rebbe un’idea nuova, ma non la vedo.

Dal vostro punto di osser­va­zione, che cosa sta suc­ce­dendo nella società ita­liana e nelle sue forme di orga­niz­za­zione, dal sin­da­cato ai movi­menti? Che rap­porto c’è con la poli­tica? E che rap­porto potrebbe esserci con un’area poli­tica rosso-verde?

Cogliati Dezza: Nella società regi­striamo una forte atten­zione per le que­stioni ambien­tali: 1,6 mln di inter­venti con la detra­zione fiscale del 65%, le reti di acqui­sto bio­lo­gico e soli­dale, l’esplosione del movi­mento dei cicli­sti, le cen­ti­naia di migliaia di pic­coli impianti di foto­vol­taico, le imprese che inve­stono in green eco­nomy, l’agricoltura di qua­lità, enti locali che ci pro­vano, e si potrebbe con­ti­nuare.
La società c’è, la poli­tica no. Tutto ciò non ha rap­pre­sen­tanza, le stesse asso­cia­zioni ambien­ta­li­ste sto­ri­che inter­cet­tano que­sta dispo­ni­bi­lità in misura minima. La poli­tica non dà rispo­ste, anche a sinistra. Ad oggi non credo che sarebbe una buona cosa rilan­ciare un’area poli­tica rosso-verde: quando lo si è fatto (fino all’altro ieri) i verdi sono rima­sti cul­tu­ral­mente suc­cubi delle cate­go­rie della sini­stra del 900 e hanno finito per tra­sfor­marsi in sin­da­ca­li­sti dell’ambiente (cosa che non basta per costruire una poli­tica che risponda ai biso­gni della gente).
Il pro­blema è quali sono le idee chiave intorno a cui, coniu­gando visione stra­te­gica con pra­ti­ca­bi­lità imme­diata delle pro­po­ste, si costrui­sce una visione per il paese e, come diceva Alex Lan­ger, come si fa a ren­dere que­sta visione e que­ste pro­po­ste desi­de­ra­bili (e quindi cre­di­bili) per la gente.
Cor­rado Oddi: Qui il ragio­na­mento sarebbe molto lungo: ma, per stare al noc­ciolo della que­stione, basta dire che, da una parte, c’è for­tu­na­ta­mente una cul­tura radi­cata di auto­no­mia dei movi­menti sociali, dall’esperienza sin­da­cale a quella che negli ultimi anni si è costruita attorno al tema dei beni comuni, a par­tire dall’acqua.
Dall’altra, però, anche con il venir meno di una reale e signi­fi­ca­tiva rap­pre­sen­tanza poli­tica della sini­stra, la stessa ini­zia­tiva dei sog­getti col­let­tivi che stanno nella rap­pre­sen­tanza sociale si è inde­bo­lita. Anche da que­sto punto di vista, torna ad essere attuale il tema della costru­zione di una nuova sog­get­ti­vità poli­tica della sinistra nel nostro paese.
A patto che que­sto tema venga sul serio affron­tato in ter­mini inno­va­tivi e non repli­cando strade che già in pas­sato hanno fal­lito. Per que­sto serve anche una nuova cul­tura poli­tica, che ha a che fare con una sen­si­bi­lità “rossa e verde”, che sap­pia vedere, come in que­sto nuovo secolo, i movi­menti sociali espri­mono di per sé un grado forte di poli­ti­cità e che, dun­que, pon­gono alla poli­tica anche il tema di un rin­no­va­mento delle sue forme.
Gra­zia Naletto: Il qua­dro poli­tico ita­liano uscito dal voto pre­senta tre forti rischi: il primo è quello della rinun­cia da parte della società civile orga­niz­zata, o almeno delle sue com­po­nenti più strut­tu­rate, a svol­gere il suo ruolo di oppo­si­zione sociale, magari con la spe­ranza di poter trarre van­tag­gio da un rap­porto pri­vi­le­giato con il potere. Il dibat­tito che si sta svol­gendo sul pro­getto di riforma del terzo set­tore annun­ciato dal Governo, ne è primo un sin­tomo.
Il secondo rischio è che vada avanti un pro­cesso di dele­git­ti­ma­zione dei movi­menti sociali: gli sgom­beri delle occu­pa­zioni avve­nute in que­sti mesi, i pestaggi effet­tuati nel corso delle ultime mani­fe­sta­zioni e la norma del decreto Lupi che impe­di­sce l’elezione di resi­denza e l’allacciamento delle utenze in sta­bili occu­pati, sono da que­sto punto di vista esem­plari.
Il terzo rischio è quello della fram­men­ta­zione e della chiu­sura iden­ti­ta­ria.
Per que­sto il raf­for­za­mento di un’area poli­tica di sinistra e ambien­ta­li­sta sarebbe neces­sa­rio. E sarebbe auspi­ca­bile che il milione e più di elet­tori che ha votato la lista Tsi­pras e Green Ita­lia non venisse deluso.
Giu­lio Mar­con: Il ren­zi­smo (come il ber­lu­sco­ni­smo) sta influen­zando, mala­mente, anche la società. Per Renzi i corpi inter­medi non esi­stono, il sin­da­cato non conta, la rap­pre­sen­tanza sociale è un impic­cio. È una decli­na­zione venata di sinistra di una ideo­lo­gia di destra, di una visione webe­riana, media­tica e buro­cra­tica della poli­tica come «deci­sione», «velo­cità», «annun­cio». E que­sto sta avendo un river­bero, nega­tivo, anche nel modo di orga­niz­zarsi delle forze sociali e – appunto — dei corpi inter­medi: penso alla deriva cor­po­ra­tiva e auto­re­fe­ren­ziale delle orga­niz­za­zioni di cate­go­ria, di una parte del mondo sin­da­cale e del terzo set­tore.
Ci sono però movi­menti, cam­pa­gne e asso­cia­zioni ancora vitali, ma se un «campo poli­tico rosso-verde» vuole nascere e ampliarsi deve costruire con que­sti sog­getti un rap­porto di pari dignità e uscire dal tat­ti­ci­smo e dal poli­ti­ci­smo esa­spe­rato, supe­rando la vec­chia «auto­no­mia del poli­tico». La sinistra o è sociale o non è. Vale anche per il campo rosso-verde.



Related Articles

A Lesbo i profughi in rivolta, pietre contro lacrimogeni

Moria d’Europa. La polizia contro gli sfollati di Moria che chiedevano di essere trasferiti sulla terraferma

Dossier di Legambiente. C’è un brutto clima in città

Legambiente. Il rapporto monitora i danni provocati dai cambiamenti climatici nelle aree urbane italiane

Da ecomostri a polmoni verdi “Saranno loro a salvare la Terra”

Vetri fotovoltaici, tecnologie per il risparmio energetico, giardini pensili: i giganti metropolitani sono cambiati E grazie ai nuovi progetti, da Seul a New York e Chicago, diventeranno il simbolo delle città  ecosostenibili Quelli di nuova generazione saranno lo strumento vincente per ripulire l’aria 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment