La teste di Magherini: “Io intimidita”

La teste di Magherini: “Io intimidita”

FIRENZE . C’è la testimone intimidita dal carabiniere: «Prima che iniziassi a rispondere alle domande che avevano preparato ha definito il mio atteggiamento immorale». La ragazza, in un’intervista a Repubblica, è stata la prima a parlare di calci da parte dei militari a Riccardo Magherini a terra già ammanettato. C’è poi l’altra, convocata all’alba del 3 marzo e neppure informata che quell’uomo, fermato in strada a San Frediano dai militari che lo volevano arrestare, era già morto: «Come sta il ragazzo? È in ospedale?». «Eh, sì» risponde il maresciallo. Infine ci sono i file audio mancanti, mai consegnati ai familiari. Sono le nuove ombre che si aggiungono all’inchiesta sulla morte di Riccardo Magherini, ex speranza del calcio viola, arredatore, morto una notte a Firenze mentre chiedeva aiuto e dopo aver dato in escandescenze probabilmente sotto l’effetto della cocaina. Un’inchiesta che vede 4 carabinieri indagati per omicidio preterintenzionale e altri 7 fra medico e soccorritori per omicidio colposo.
L’esposto, preparato dall’avvocato Fabio Anselmo, è stato presentato ieri dal fratello di Riccardo, Andrea Magherini, in procura a Firenze. La testimonianza delle due ragazze è stata al centro dell’iniziativa, organizzata dal senatore Luigi Manconi al teatro del Cestello, «un rito civile per riportare questa dolorosa vicenda dove è nata, cioè a San Frediano». Erano presenti alcuni parlamentari fra cui il sottosegretario Ivan Scalfarotto: «Quando Riccardo è morto lo Stato non c’era, sono qui per un risarcimento morale forse un po’ tardivo ma necessario ».
La teste che aveva assistito al fermo, è stata svegliata alle 5,15 del 3 marzo e convocata subito in caserma «per deporre in vista del processo per direttissima », perché erano state «infrante delle vetrine» e c’era stato
un furto (di un cellulare). In realtà Riccardo Magherini era stato dichiarato morto alle 3 di notte e certo non poteva essere processato. «Gli faranno un Tso (trattamento sanitario obbligatorio)? » chiede lei. Risposta: «Mi sa che glielo hanno già fatto ». E quando, nel corso della deposizione, dopo aver detto che il fermo era avvenuto senza violenza, riferisce di aver visto dei calci tirati mentre l’arrestato era a terra, si accorge che il maresciallo non preme più sui tasti del computer. Lei protesta. «Ho dovuto insistere. Gli ho detto incredula: scusi, ma dei calci non lo scrive? “Non so, la deposizione è la sua, signorina, lo vuol scrivere?” mi ha risposto il maresciallo ». E lei conferma: «Certo che lo voglio».
L’altra testimone, rimproverata per aver rilasciato l’intervista, piange, è provata da quello che ha visto: chiede tempo per rispondere alle domande. In lacrime spiega «che l’atteggiamento del carabiniere» la mette «in soggezione». «Faccio notare che ero stata avvisata della convocazione in tribunale con pochissimo preavviso e che sarei dovuta partire per Roma il giorno stesso. A questo punto — riferisce la giovane in una mail all’avvocato dei Magherini — lo stesso carabiniere mi ha detto con tono arrogante e minaccioso che ovunque mi fossi trovata sarebbe lui stesso venuto a cercarmi ».
Quanto alle chiamate “mancanti” ce n’è una delle 2,41 fra l’operatore della centrale 118 e una volontaria della Croce Rossa: «Siamo scesi dall’ambulanza e c’hanno detto: “Se non siete un medico, noi s’ha bisogno di un medico…” per cui noi non si è né valutato né nulla» spiega la volontaria.
Ieri il padre e il fratello di Riccardo si sono presentati alla festa dell’Arma dove erano stati riservati loro due posti, ma poi, saputo che non era aperta al pubblico, hanno preferito non entrare: «Vogliamo soltanto dire che i valori dell’Arma sono i nostri stessi valori, il nonno di Riccardo era un carabiniere deportato in Germania dai nazisti».



Related Articles

Violenza contro le donne, il mancato contrasto

VERSO IL 25 NOVEMBRE. Presentato il rapporto di ActionAid sul sistema antiviolenza italiano. «Nel 2020, le Regioni hanno erogato il 2% dei fondi»

Coronavirus in Giordania, vietato criticare il governo di Omar Razzaz

Arrestati direttore e manager di Raya Tv che avevano raccontato la protesta di manovali rimasti senza lavoro a causa del lockdown

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment