Argentina, niente accordo coi fondi avvoltoi

Il magi­strato sta­tu­ni­tense, Tho­mas Griesa, ha emesso la sua quinta deci­sione sfa­vo­re­vole all’Argentina e nell’interesse dei cosid­detti fondi avvol­toi: ovvero quei pos­ses­sori di titoli che hanno spe­cu­lato sul tra­collo del 2001 e che pre­ten­dono il rim­borso del debito al 100% e con gli inte­ressi. Il 93% dei cre­di­tori ha invece accet­tato il nego­ziato pro­po­sto a diverse riprese dai governi Kirch­ner (nel 2005 e nel 2010).

Il 26 giu­gno, Bue­nos Aires ha inviato il mon­tante per un’altra rata, ma il denaro resta bloc­cato nelle ban­che di New York. Il giu­dice Griesa, che ha ripe­tu­ta­mente accolto le richie­ste dei fondi avvol­toi, impe­di­sce che arrivi ai suoi legit­timi desti­na­tari fin­ché il governo Kirch­ner non cor­ri­spon­derà agli spe­cu­la­tori quanto doman­dano. Il governo argen­tino riba­di­sce la volontà di pagare ma in base a cri­teri «giu­sti, equi, legali e soste­ni­bili». Il giu­dice ha respinto però per la quinta volta la pro­po­sta, soste­nendo che «occorre con­ti­nuare il nego­ziato. Le parti devono riu­nirsi fino a tro­vare un accordo». Per que­sto ha nomi­nato un media­tore, Daniel Pol­lack, che incon­trerà nuo­va­mente oggi gli avvo­cati e una rap­pre­sen­tanza di alto livello del governo argentino.

Il pro­blema è che i ter­mini per il paga­mento, decisi dal giu­dice e pra­ti­ca­mente con­fer­mati da una sen­tenza della Corte suprema che ha respinto il ricorso argen­tino, sca­dono a fine mese. Dif­fi­cile, con que­sti pre­sup­po­sti, ipo­tiz­zare un accordo. L’avvocato di Nml Elliott, il fondo del miliar­da­rio Paul Sin­ger, Robert Cohen, è arri­vato all’udienza accom­pa­gnato da Jay New­man, uno dei pos­ses­sori dei fondi avvol­toi il quale, 15 giorni fa, si era detto dispo­ni­bile a una media­zione con la con­tro­parte. E però, la set­ti­mana scorsa, lo stesso fondo Elliott ha ricorso ai tri­bu­nali di San Fran­ci­sco per recla­mare un even­tuale embargo alla petro­li­fera nor­da­me­ri­cana Che­vron, socia della com­pa­gnia rina­zio­na­liz­zata Ypf nel grande pro­getto estrat­tivo nella regione argen­tina di Vaca Muerta.

Cri­stina Kirch­ner ha por­tato la que­stione al ver­tice inter­na­zio­nale dei Brics che si è svolto in Bra­sile. In quell’occasione, i pre­si­denti delle eco­no­mie emer­genti (Bra­sile, Rus­sia, India, Cina e Suda­frica) hanno incon­trato i paesi lati­noa­me­ri­cani e stretto accordi per una nuova archi­tet­tura finan­zia­ria: con l’obiettivo di sot­trarsi ai ricatti del Fondo mone­ta­rio inter­na­zio­nale e della Banca mon­diale e nella pro­spet­tiva di coniare una moneta comune. Fra le deci­sioni prese, vi è l’istituzione di una banca per lo svi­luppo e di un fondo di riserve con­di­viso per i paesi in situa­zioni simili a quella dell’Argentina.



Related Articles

Otto euro al giorno ai detenuti in meno di tre metri

Pronto il decreto del governo per risarcire i danni da affollamento. E Strasburgo rinvia le sanzioni

Consiglio di stato: «Trascrizioni unioni civili illegittime»

Diritti. Sui matrimoni omosessuali il consiglio di Stato boccia i registri istituiti da alcuni sindaci, a partire da quello della capitale. La destra ne approfitta e prova a bloccare il ddl Cirinnà»

Il valore universale della classe operaia

Cinque operai Fca di Pomigliano d’Arco sono stati licenziati per avere messo in scena un suicidio in effige dell’ex a.d. Marchionne

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment