«Il Boeing colpito perché mancava il radar»

«Il Boeing colpito perché mancava il radar»

L’intelligence Usa sostiene che la distruzione del Boeing è da imputare ai ribelli filorussi e a un errore nell’identificazione del bersaglio. All’origine dello «sbaglio» la composizione dell’unità sospettata di aver sparato il missile Sa 11. Di solito il sistema Buk è composto da tre veicoli, ognuno con una propria funzione. Il radar che definisce e traccia i target con precisione. Il mezzo comando. Il lanciatore dotato di 4 ordigni e di un suo radar ma con capacità limitate. Stando alle ricostruzioni il reparto di insorti disponeva soltanto dell’ultimo mezzo con un apparato di ricerca che non ha la stessa precisione di quello tradizionale nel definire il tipo di target.
A questo punto tutti gli scenari restano aperti. Gli insorti possono aver scambiato il jet malese per un grosso aereo cargo ucraino. Oppure nella zona, oltre al 777, c’era anche qualche caccia governativo e gli artiglieri hanno mirato a quello investendo invece l’aereo civile. Kiev ha però smentito che suoi velivoli si trovassero nel settore. In un’intervista alla Reuters , uno dei comandanti della battaglione filorusso Vostok, Alexander Khodakovsky, ha ammesso che gli insorti possiedono dei sistemi Buk. L’ufficiale ha aggiunto che il lanciatore era sotto il controllo della «Repubblica di Luhansk», uno dei due gruppi che agiscono nella regione di Donetsk. Khodakovsky ha confermato che il mezzo sarebbe stato fatto sparire per eliminare le prove ma in seguito ha ritrattato. Parole da accogliere sempre con cautela ma che possono essere il segnale di frizioni tra gli alleati di Mosca in Ucraina .
Guido Olimpio



Related Articles

Russiagate. Cospiratori e bugiardi: gli uomini di Trump si presentano all’Fbi

Stati uniti. Ma l’ex direttore della campagna elettorale Manafort e il consigliere Gates si dichiarano innocenti.

Ue divisa, contro la Russia arrivano le “mezze sanzioni”

Crisi ucraina. Annullato il vertice bilaterale Ue-Russia di giugno, si allunga la lista dei “puniti”, ma per il momento le sanzioni economiche aspettano. Troppi interessi divergenti nella Ue, tra piazze finanziarie, import di gas e export di armi e manufatti. Oggi a Bruxelles firma della parte “politica” del trattato di associazione Ue-Ucraina

Da Trie­ste all’Istria, una geografia sentimentale marcata

Le «Opere scelte» raccolte in volume da Bompiani. A cinquant’anni dalla morte rivisitiamo i luoghi dei romanzi di Pier Antonio Quarantotti Gambini: di lì è passata la Storia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment