Caso Uva, sei anni di mala giustizia

Caso Uva, sei anni di mala giustizia

Sono pas­sati oltre sei anni da quel 14 giu­gno 2008 in cui, sor­preso a spo­stare delle tran­senne in mezzo a una strada, Giu­seppe Uva veniva con­dotto in una caserma dei cara­bi­nieri di Varese. Poche ore dopo sarebbe morto nel reparto psi­chia­trico dell’ospedale cit­ta­dino. Quanto suc­cesso in que­sti lun­ghi anni è l’esempio più lam­pante di come la giu­sti­zia, in uno stato di diritto, non dovrebbe fun­zio­nare: spre­gio per le insop­pri­mi­bili garan­zie di chi si trovi pri­vato della libertà, stig­ma­tiz­za­zione della vit­tima e del suo stile di vita, sot­to­va­lu­ta­zione delle cir­co­stanze di fatto a esclu­sivo van­tag­gio di un pre­giu­di­zio di intan­gi­bi­lità per uomini e appa­rati dello Stato. Per sei anni, non uno solo dei cara­bi­nieri e poli­ziotti che quella notte chiu­sero Uva in una stanza, è stato inda­gato; e solo nell’autunno scorso, il testi­mone ocu­lare, Alberto Big­gio­gero, è stato ascol­tato dalla Pro­cura.
In que­sti anni e in ben sei tra sen­tenze e ordi­nanze, altret­tanti giu­dici cen­su­ra­rono il com­por­ta­mento pro­ces­suale del pub­blico mini­stero Ago­stino Abate: «È un diritto della fami­glia e della col­let­ti­vità intera» sapere cosa suc­cesse all’interno di quella caserma. Per­ché Giu­seppe Uva è stato trat­te­nuto senza un ver­bale di fermo? Per­ché il suo corpo era pieno di ferite e di lesioni? Per­ché, se cara­bi­nieri e poli­ziotti sosten­gono che Uva si sia fatto male da solo, non è stata chia­mata imme­dia­ta­mente l’ambulanza? Troppe domande cui per un tempo infi­nito è stata negata una rispo­sta. Il fasci­colo in mano al Pm Abate è stato trat­tato come una pro­prietà per­so­nale: insulti alla fami­glia nel corso delle udienze, inter­ro­ga­tori ai testi­moni con moda­lità a dir poco discu­ti­bili, asso­luto pre­giu­di­zio d’innocenza nei con­fronti dei poli­ziotti e cara­bi­nieri coin­volti.
Ma quei com­por­ta­menti, sia pure tar­di­va­mente, sono stati oggetto di inda­gine da parte del mini­stero della Giu­sti­zia e della Pro­cura gene­rale presso la Cas­sa­zione e hanno por­tato a due pro­ce­di­menti disci­pli­nari presso il Csm per, tra l’altro, «con­dotta ingiu­sti­fi­ca­ta­mente aggres­siva e inti­mi­da­to­ria» e «vio­la­zione dei diritti umani». Dopo­di­ché, anche il tri­bu­nale di Varese ha dovuto pren­dere prov­ve­di­menti e il fasci­colo è stato final­mente rias­se­gnato. I capi di accusa sono stati rifor­mu­lati dal pm Felice Isnardi, ma poi quest’ultimo — nell’udienza del 9 giu­gno scorso — ha chie­sto sor­pren­den­te­mente il non luogo a pro­ce­dere per tutti gli inda­gati.
Che all’interno del Tri­bu­nale di Varese suc­ce­dano fatti sin­go­lari è ormai cosa nota, ma ciò che conta adesso è che final­mente un giu­dice – quello dell’udienza pre­li­mi­nare, Ste­fano Sala – abbia deciso. E la sua deci­sione di rin­viare a giu­di­zio il cara­bi­niere (il secondo mili­tare ha fatto richie­sta di rito imme­diato) e i sei poli­ziotti era l’unica pos­si­bile, con­si­de­rati gli ele­menti di fatto che ha potuto valu­tare. Il 20 otto­bre in Corte d’Assise ini­zia il vero pro­cesso per la morte di Giu­seppe Uva. E se si è arri­vati a que­sto lo si deve in primo luogo alla volontà tenace e intel­li­gente di Lucia e dei fami­liari di Giu­seppe Uva, in una città che a lungo è rima­sta, se non ostile, lar­ga­mente sorda.



Related Articles

Ciao Sandro, «il più grande difensore dei diritti dei detenuti italiani»

È morto a 86 anni Sandro Margara, magistrato di sorveglianza, ispiratore della legge Gozzini, è stato «il più grande difensore dei diritti dei detenuti italiani»

Via Muccioli, un direttorio per San Patrignano

Divorzio dopo l’ultimatum dei Moratti. Al posto del figlio del fondatore una gestione collegiale  

Quello che la Guardasigilli non fa

All’autodifesa della Guardasigilli in parlamento per la sua intercessione a favore di Giulia Ligresti hanno risposto da un lato le larghe intese, blindandosi, e dall’altro l’opposizione provando a contrastare il governo per l’interposta persona della Cancellieri. La vicenda spalanca comunque una finestra sulla questione carceraria e, soprattutto, sull’azione del governo nel campo più generale della giustizia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment